Tre spunti di discussione dal weekend della Premier League



Arsenal, Manchester City e Tottenham hanno approfittato di un programma ridotto della Premier League a causa delle pressioni della polizia prima del funerale della regina Elisabetta II quando le prime tre si sono allontanate in cima alla classifica.

City e Arsenal hanno vinto 3-0 in trasferta rispettivamente contro Wolves e Brentford, mentre la demolizione per 6-2 del Tottenham sul Leicester ha lasciato i Foxes ancora radicati ai piedi della classifica.

Anche il West Ham sta lottando per eguagliare gli standard che hanno fissato nelle ultime stagioni quando una sconfitta per 1-0 in casa dell’Everton ha lasciato gli Hammers negli ultimi tre posti per una pausa internazionale.

AFP Sports esamina tre punti di discussione del weekend della Premier League:

L’Arsenal è in corsa per il titolo?

Il boss del Brentford, Thomas Frank, ha elogiato i Gunners mentre ha suggerito agli uomini di Mikel Arteta di sfidare il City per il titolo.

L’Arsenal non è stato campione d’Inghilterra per 18 anni e non è riuscito a entrare tra i primi quattro nelle ultime sei stagioni.

Tuttavia, gli arrivi di Gabriel Jesus, Oleksandr Zinchenko e Fabio Vieira insieme al ritorno di William Saliba da tre periodi di prestito hanno costruito sui progressi fatti sotto Arteta la scorsa stagione.

Su un terreno in cui l’Arsenal è crollato perdendo 2-0 nella serata di apertura della stagione dell’anno scorso, Saliba ha resistito alla presenza fisica di Ivan Toney e ha persino segnato il primo gol.

Jesus e Vieira sono poi andati a segno con gli ospiti così a proprio agio Arteta potrebbe persino fare il debutto al 15enne Ethan Nwaneri nelle fasi finali.

Detronizzare una squadra del City ora benedetta dalla potenza di fuoco di Erling Haaland ha reso un compito troppo grande in 38 partite per gli uomini di Arteta.

Il norvegese ha portato il suo bottino a 14 gol in 10 partite in città quando i campioni hanno conquistato la vittoria a Molineux.

Ma il miglioramento dell’Arsenal dovrebbe far sudare Spurs, Chelsea, Liverpool e Manchester United per la dura competizione per qualificarsi alla Champions League della prossima stagione.

Il figlio trova la sua forma

Le prestazioni di inizio stagione degli Spurs potrebbero non corrispondere ai loro rivali nel nord di Londra, ma si dirigeranno negli Emirati tra due settimane a un solo punto di distanza dopo aver colpito Leicester per sei.

Son Heung-min era stato lasciato in panchina dopo aver esaurito la pazienza di Antonio Conte in un inizio di stagione lento.

Ma il vincitore della Scarpa d’Oro della Premier League della scorsa stagione ha dimostrato che la sua classe è permanente uscendo dalla panchina per segnare una tripletta mentre il Tottenham ha scatenato una rivolta nel secondo tempo contro gli incapaci Foxes lasciando Brendan Rodgers aggrappato al suo lavoro.

“La squadra sta andando davvero molto bene, ma sono rimasto deluso dalla mia prestazione”, ha detto Son.

“Sono davvero felice che la palla sia finalmente arrivata! Sono contento di essere stato in grado di aiutare la squadra, questo è davvero importante e posso andare in nazionale con rinnovata energia”.

La scommessa di Forest sta andando male

Il Nottingham Forest ha segnato il suo ritorno in Premier League battendo il record di acquisti estivi con 22 nuovi arrivi al City Ground.

Ma stanno pagando il prezzo per la mancanza di continuità poiché una sconfitta per 3-2 contro il Fulham ha ottenuto quattro sconfitte consecutive per gli uomini di Steve Cooper.

Cooper ha anche ammesso in seguito che è difficile promuovere lo spirito di squadra con così tanti volti nuovi.

«Ne ho parlato con i ragazzi. Non è che non ne siamo consapevoli e ci siamo messi alla prova: come si diventa una squadra?

“Che si tratti delle nostre idee tattiche, della nostra unione, del nostro spirito, sia che si spinga l’un l’altro, ciò arriva quando si ha vera fiducia l’uno con l’altro e la fiducia si costruisce nel tempo”.

Cooper ha trasformato i due volte campioni d’Europa dopo aver preso il comando un anno fa con l’ultimo club del campionato.

Tuttavia, anche l’impresa di riportare Forest in Premier League potrebbe non essere abbastanza buona da far scattare il felice proprietario Evangelos Marinakis se i risultati non cambiano rapidamente.

Leave a Reply

Your email address will not be published.