Il processo al cardinale Zen di Hong Kong è stato ritardato dopo che il giudice ha contratto il COVID-19

NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Il processo all’ex vescovo di Hong Kong e cardinale in pensione Joseph Zen è stato rinviato.

Zen, un religioso cattolico di alto profilo e oppositore del Partito Comunista Cinese, sarà fuori dal tribunale per almeno altri due giorni dopo che al magistrato permanente Ada Yim Shun-yee è stato diagnosticato il COVID-19.

Shun-yee stava supervisionando il processo, iniziato il 19 settembre.

ARRESTATO IL CARDINALE RIPETUTAMENTE AVVISATO SANTA SEDE DELLA PERSECUZIONE CINESE, CONDANNATO IL SEGRETARIO DI STATO DEL VATICANO

Il 24 maggio 2022 il cardinale in pensione Joseph Zen, uno dei religiosi cattolici di rango più alto dell’Asia, partecipa alla messa presso la Holy Cross Church di Hong Kong.
(PETER PARKS/AFP tramite Getty Images)

Il processo dell’anziano cardinale doveva concludersi entro il 25 settembre, ma si prevede che lo spavento COVID-19 allungherà significativamente il processo.

Zen è stato arrestato all’inizio di quest’anno da il Partito Comunista Cinese (PCC) per presunta collusione con le forze straniere non registrando il suo fondo di beneficenza a favore della democrazia presso il governo.

Il cardinale, 90 anni, lo era arrestato con altri quattro sostenitori della democrazia che ha servito come amministratori di un fondo di soccorso utilizzato per salvare i manifestanti e pagare le spese legali, secondo la Catholic News Agency. I cinque arrestati sono accusati di non aver registrato l’ente di beneficenza presso il governo.

Tutti e cinque si sono dichiarati non colpevoli.

Attivisti per i diritti umani, tra cui padre Franco Mella, in viaggio per protestare contro l'uso della pena di morte per i residenti di Hong Kong in Cina al di fuori degli uffici del governo centrale.

Attivisti per i diritti umani, tra cui padre Franco Mella, in viaggio per protestare contro l’uso della pena di morte per i residenti di Hong Kong in Cina al di fuori degli uffici del governo centrale.
(Dickson Lee/South China Morning Post tramite Getty Images)

LE NAZIONI UNITE ‘NON HANNO POTERE’, DICE PAPA FRANCESCO

Oltre a Zen, altri sotto processo includono l’avvocato Margaret Ng, la cantante-attivista Denise Ho, lo studioso Hui Po-keung, l’ex legislatore Cyd Ho e l’attivista Sze Ching-wee, che ha servito come segretario generale del fondo prima della sua chiusura lo scorso ottobre. Zen è stato rilasciato su cauzione dall’11 maggio.

Zen in precedenza ha respinto i timori di essere un bersaglio per l’arresto, affermando che cerca di non provocare il PCC. Tuttavia, in seguito ha riconosciuto che “nessuna persona pubblica che osa parlare liberamente può sentirsi più al sicuro”.

(da sinistra a destra) i cardinali John Tong Hon, il cardinale Joseph Zen, il vescovo Stephen Chow, il vescovo Joseph Ha e il dom.  Paul Gao posa per una foto all'ordinazione episcopale del reverendo Stephen Chow nella Cattedrale dell'Immacolata Concezione di Hong Kong il 4 dicembre 2021.

(da sinistra a destra) i cardinali John Tong Hon, il cardinale Joseph Zen, il vescovo Stephen Chow, il vescovo Joseph Ha e il dom. Paul Gao posa per una foto all’ordinazione episcopale del reverendo Stephen Chow nella Cattedrale dell’Immacolata Concezione di Hong Kong il 4 dicembre 2021.
(BERTHA WANG/AFP tramite Getty Images)

IL CARDINALE ZEN APPARE ALLA CORTE DI HONG KONG DOPO L’ARRESTO DEL PARTITO COMUNISTA CINESE

Lo Zen è l’epicentro del Chiesa cattolicaLa lotta per la sopravvivenza in Cina. La nazione ha lanciato intense censure sull’espressione religiosa, compreso il cristianesimo, che regola attraverso “associazioni patriottiche” sponsorizzate dallo stato. I cittadini cinesi che desiderano adorare in una chiesa cattolica (o in qualsiasi altro luogo di culto) sono tenuti a registrarsi presso un organo di governo aggressivamente pro-PCC per la loro fede.

Queste organizzazioni spesso costringono le chiese a insegnare contro i loro dogmi e spesso inseriscono propaganda nazionalistica nel culto. Questo regolamento ha imposto uno scisma nella Chiesa cattolica cinese: il ministero “ufficiale” approvato dal PCC e la “chiesa clandestina” clandestina e illegale.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

Zen è stato un portavoce non ufficiale della comunità cattolica clandestina, che ha ricevuto scarso sostegno o protezione da parte del governo cinese. Il PCC condanna esplicitamente la chiesa clandestina per la sua affiliazione e lealtà a una potenza straniera: la comunione cattolica mondiale.

Leave a Reply

Your email address will not be published.