La legge sulla riduzione dell’inflazione sconvolge le relazioni tra Corea del Sud e Stati Uniti – The Diplomat

Nonostante sia una delle maggiori vittorie interne del presidente degli Stati Uniti Joe Biden, l’Inflation Reduction Act (IRA) sta causando discordie inaspettate nelle relazioni tra Corea del Sud e Stati Uniti.

Progettata per salvare parte dell’iniziativa “Build Back Better” dell’amministrazione Biden, l’IRA è stata il risultato dell’insistenza del senatore Joe Manchin affinché qualsiasi nuova legislazione fosse elaborata per ridurre l’inflazione interna. Sebbene la legislazione utilizzi nuove tasse e poteri negoziali per esercitare pressioni su alcune delle fonti di inflazione, fornisce anche fondi significativi per affrontare il cambiamento climatico. Una delle componenti chiave a tal fine sono i crediti d’imposta per sostenere l’adozione di veicoli elettrici (EV) negli Stati Uniti, ma queste disposizioni sono diventate anche una fonte di attrito con la Corea del Sud.

Le disposizioni EV dell’Inflation Reduction Act sono viste dalla Corea del Sud sia come una violazione delle regole commerciali sia come contrarie all’approfondimento della partnership economica tra i due paesi. Un funzionario sudcoreano ha definito la legislazione un “tradimento” e ha suggerito che potrebbe danneggiare la cooperazione in altre aree della relazione. Il presidente dell’Assemblea nazionale Kim Jin-pyo ha suggerito che la legislazione, insieme al CHIPS e al Science Act, potrebbe rendere difficile per le aziende sudcoreane adempiere ai loro impegni di investimento negli Stati Uniti, mentre un editorialista coreano ha affermato che la politica commerciale di Biden non è migliore rispetto alle politiche “Make America Great Again” dell’ex presidente Donald Trump.

Diversi alti funzionari coreani si sono recati negli Stati Uniti per sollevare la questione con il Congresso e le loro controparti statunitensi. È probabile che la questione venga sollevata anche a livello presidenziale.

Gli Stati Uniti hanno finora risposto positivamente all’invito di Seoul a discutere ulteriormente le questioni relative all’IRA. Il sottosegretario di Stato per la crescita economica, l’energia e l’ambiente Jose W. Fernandez, ad esempio, ha dichiarato: “Prendiamo sul serio le preoccupazioni della Repubblica di Corea e siamo pronti per consultazioni serie”. Tuttavia, i funzionari statunitensi non hanno ancora suggerito cosa potrebbero essere in grado di fare per alleviare le preoccupazioni della Corea del Sud.

Ti piace questo articolo? Clicca qui per iscriverti per l’accesso completo. Solo $ 5 al mese.

Cosa fa la legge sulla riduzione dell’inflazione

L’Inflation Reduction Act è l’atto più significativo della legislazione sui cambiamenti climatici nella storia degli Stati Uniti. Si prevede che entro il 2030 ridurrà le emissioni di gas serra degli Stati Uniti tra il 37 e il 41% rispetto ai livelli del 2005. In caso di successo, la legislazione sarebbe un passo importante degli Stati Uniti verso l’obiettivo globale di ridurre le emissioni in misura sufficiente entro il 2050 per impedire l’aumento delle temperature globali più di 1,5 gradi Celsius.

Tuttavia, sono le disposizioni relative ai veicoli elettrici e alle batterie dei veicoli elettrici a preoccupare maggiormente la Corea del Sud.

L’Inflation Reduction Act prevede un credito d’imposta di $ 7.500 per i veicoli elettrici assemblati negli Stati Uniti. Attualmente, 26 dei 32 modelli EV venduti negli Stati Uniti sono assemblati a livello nazionale. Di questi, solo la Nissan Leaf e una manciata di modelli europei sono costruiti negli Stati Uniti. Tutti i veicoli elettrici venduti da Kia e Hyundai sono attualmente costruiti all’estero, il che li rende non idonei al credito d’imposta.

A partire dal 2023 si aggiungono ulteriori restrizioni al credito d’imposta. I veicoli dovranno ancora essere prodotti negli Stati Uniti, ma vengono aggiunti nuovi requisiti per il contenuto di minerali e i componenti delle batterie dei veicoli elettrici. Per poter beneficiare di $ 3.750 di credito d’imposta, il 40 percento dei minerali di una batteria per veicoli elettrici dovrà provenire dagli Stati Uniti o da partner FTA statunitensi. Allo stesso modo, il 50 percento dei componenti dovrà provenire dagli Stati Uniti o da partner FTA statunitensi per poter beneficiare dei restanti $ 3.750 del credito d’imposta complessivo. Questo requisito salirà all’80% per i minerali entro il 2027 e al 100% per i componenti entro il 2029. Tuttavia, entro il 2025 i veicoli con minerali o componenti provenienti da entità estere non saranno più idonei al credito d’imposta per veicoli elettrici.

Le disposizioni sulle batterie per veicoli elettrici sono progettate per aiutare a stimolare le catene di approvvigionamento negli Stati Uniti e tra i partner FTA statunitensi, poiché la Cina è attualmente il minatore o trasformatore dominante di molti dei minerali necessari per produrre batterie per veicoli elettrici. Ad esempio, mentre l’Australia estrae circa il 50% del litio mondiale, oltre il 60% viene lavorato in Cina.

Come suggerisce l’esempio del litio, soddisfare questi requisiti sarà una sfida per qualsiasi produttore di batterie per veicoli elettrici. Nel caso della Corea del Sud, oltre l’80% delle sue importazioni di litio, cobalto e grafite – tutti e tre i minerali critici nelle batterie dei veicoli elettrici – provengono dalla Cina. Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, la Cina produce l’85% degli anodi delle batterie e il 70% dei catodi mondiali. La Corea del Sud importa quasi l’85% degli anodi che il suo veicolo elettrico utilizza batterie e il 73% dei suoi catodi dalla Cina.

Perché l’IRA sta causando tensioni con la Corea del Sud

Le preoccupazioni della Corea del Sud vanno oltre i dettagli della legge sulla riduzione dell’inflazione. Seoul ha collaborato con l’amministrazione Biden per approfondire le relazioni economiche tra Stati Uniti e Corea del Sud, in particolare su resilienza della catena di approvvigionamento, semiconduttori e cambiamento climatico. Di conseguenza, le aziende sudcoreane hanno assunto una serie di importanti impegni di investimento negli Stati Uniti.

Durante il vertice Corea del Sud-Stati Uniti del 2021, Samsung ha annunciato l’intenzione di investire 17 miliardi di dollari in una nuova fonderia negli Stati Uniti per affrontare le preoccupazioni degli Stati Uniti sui semiconduttori, mentre SK Hynix ha annunciato quest’anno che avrebbe investito 15 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo, materiali e impianto di confezionamento.

Ti piace questo articolo? Clicca qui per iscriverti per l’accesso completo. Solo $ 5 al mese.

Anche gli investimenti in veicoli elettrici sono stati un’area di crescente collaborazione tra le aziende statunitensi e sudcoreane. Le aziende sudcoreane sono responsabili di gran parte degli investimenti nella produzione di batterie per veicoli elettrici negli Stati Uniti e forniranno batterie per veicoli elettrici non solo alle case automobilistiche coreane, ma anche ai produttori americani, giapponesi ed europei. Nel complesso, le aziende sudcoreane investiranno più di 13 miliardi di dollari negli Stati Uniti entro il 2025 per aumentare la produzione di batterie per veicoli elettrici.

Oltre agli investimenti nelle batterie per veicoli elettrici, all’inizio di quest’anno Hyundai e Kia hanno annunciato che avrebbero investito 5,5 miliardi di dollari in un impianto di produzione di batterie per veicoli elettrici ed elettrici in Georgia. Si prevede che il nuovo impianto sarà in grado di produrre 300.000 veicoli elettrici all’anno una volta entrato in funzione nel 2025.

Si prevede che questi investimenti relativi ai veicoli elettrici creeranno 35.400 posti di lavoro, più degli investimenti nel settore dei veicoli elettrici di qualsiasi altro paese.

Sebbene ci siano preoccupazioni sul fatto che il requisito dell’IRA di assemblare veicoli elettrici negli Stati Uniti abbia messo in svantaggio le aziende coreane, queste preoccupazioni sono state amplificate dagli sforzi di Seoul per approfondire la cooperazione economica con Washington. Sono inoltre contrari alle disposizioni nazionali in materia di trattamento dell’ALS KORUS.

L’Inflation Reduction Act è stato progettato principalmente per concentrarsi sulle preoccupazioni interne degli Stati Uniti relative all’inflazione e al cambiamento climatico, ma ha avuto la conseguenza non intenzionale di creare attriti nelle relazioni tra Corea del Sud e Stati Uniti. A medio termine, l’IRA potrebbe effettivamente avvantaggiare le aziende sudcoreane bloccando il mercato statunitense delle batterie per veicoli elettrici mentre sviluppano nuove catene di approvvigionamento per soddisfare i requisiti contro componenti e minerali provenienti da entità estere preoccupanti. Ma nel breve termine, ha danneggiato le prospettive dei veicoli elettrici sudcoreani nel mercato statunitense e, soprattutto, ha danneggiato le relazioni con un partner chiave per gli Stati Uniti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.