Colloquio di mercato – 21 settembre 2022

ASIA:

Taiwan non permetterà mai alla Cina di “interferire” nel suo futuro, ha affermato mercoledì il governo, dopo che un portavoce del governo cinese ha affermato che Pechino è disposta a fare il massimo sforzo per lottare per una pacifica “riunificazione” con l’isola. La Cina afferma che Taiwan ha governato democraticamente come proprio territorio. Il governo di Taiwan respinge le pretese di sovranità della Cina. La Cina ha svolto esercitazioni militari vicino a Taiwan dall’inizio del mese scorso, dopo che la presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha visitato Taipei, incluso il lancio di missili nelle acque vicino all’isola, anche se da allora le attività sono diminuite. La Cina ha proposto un modello “un paese, due sistemi” per Taiwan, simile alla formula con cui l’ex colonia britannica di Hong Kong è tornata al dominio cinese nel 1997.

Giornata negativa per i principali mercati azionari asiatici:

  • NIKKEI 225 è diminuito di 375,29 punti o -1,36% a 27.313,13
  • Shanghai è scesa di 5,23 punti o -0,17% a 3.117,18
  • Hang Seng è diminuito di 336,80 punti o -1,79% a 18.444,62
  • Kospi è diminuito di 20,64 punti o -0,87% a 2.347,21
  • ASX 200 è diminuito di 106,20 punti o -1,56% a 6.700,20
  • SENSEX è diminuito di 262,96 punti o -0,44% a 59.456,78
  • Nifty50 è diminuito di 97,90 punti o -0,55% a 17.718,35

I principali mercati valutari asiatici hanno avuto oggi una giornata mista:

  • AUDUSD è diminuito di 0,00410 o -0,61% a 0,66541
  • NZDUSD è diminuito di 0,00130 o -0,22% a 0,58761
  • USDJPY è aumentato di 0,781 o 0,54% a 144,345
  • USDCNY è aumentato di 0,03160 o 0,45% a 7,06125

Metalli preziosi:

  • L’oro è aumentato di 5,79 USD/toz. o dallo 0,35% a 1.668,90
  • L’argento è aumentato di 0,222 USD/t. oz o 1,15% a 19.532

Alcune notizie economiche di ieri sera:

Australia:

MI Leading Index (MoM) è aumentato da -0,2% a -0,1%

Nuova Zelanda:

La spesa con carta di credito (su base annua) è aumentata dal 5,1% al 29,4%

EUROPA/EMEA:

Il governo britannico ha dichiarato mercoledì che limiterà i costi all’ingrosso di elettricità e gas per le imprese a meno della metà del tasso di mercato dal prossimo mese, contribuendo ad allentare la pressione derivante dall’aumento dei prezzi dell’energia ma aggiungendo alla spesa pubblica in rapido aumento. I prezzi all’ingrosso dell’elettricità saranno limitati a circa £ 211 ($ 239) per megawattora (MWh) e i prezzi del gas a £ 75 per MWh, rispetto alle tariffe di mercato previste rispettivamente di £ 600 e £ 180. I prezzi all’ingrosso di gas ed elettricità in Europa sono aumentati dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina e da allora sono rimasti volatili. I prezzi unitari del programma definitivo saranno confermati il ​​30 settembre. I gruppi che rappresentano le imprese, dai pub ai produttori di acciaio, hanno accolto favorevolmente la repressione, affermando che il governo ha gettato un’ancora di salvezza alle aziende che lottano per sopravvivere.

Le principali borse europee hanno avuto una giornata verde:

  • CAC 40 è aumentato di 51,86 punti o dello 0,87% a 6.031,33
  • FTSE 100 è aumentato di 44,98 punti o dello 0,63% a 7.237,64
  • DAX 30 è aumentato di 96,32 punti o dello 0,76% a 12.767,15

I principali mercati valutari europei hanno avuto oggi una giornata mista:

  • EURUSD è diminuito di 0,00977 o -0,98% a 0,98742
  • GBPUSD è diminuito di 0,00599 o -0,53% a 1,13203
  • USDCHF è aumentato di 0,00165 o dello 0,17% a 0,96575

Alcune notizie economiche dall’Europa oggi:

UK:

L’indebitamento netto del settore pubblico (agosto) è aumentato da 2,11 miliardi a 11,06 miliardi

Il fabbisogno netto di cassa del settore pubblico (agosto) è aumentato da -5,087 miliardi a 5,321 miliardi

Gli ordini di CBI Industrial Trends (settembre) sono aumentati da -7 a -2

USA/AMERICA:

Il verdetto viene votato e il Federal Open Market Committee aumenterà i tassi di tre quarti di punto. Poiché l’inflazione corre a un livello che non si vedeva da 40 anni, la Fed sta agendo in modo aggressivo senza alcuna intenzione di cambiare presto la sua politica da falco. Questo segna la terza mossa consecutiva di 75 punti base con tassi che ora si situano tra il 3% e il 3,25%. La Fed ha fissato un tasso terminale del 4,6% nel 2023, anche se l’inflazione non è al target del 2%. La Fed ha anche affermato di vedere il PIL statunitense crescere solo dello 0,2% nel 2022 e di un semplice 1,8% a lungo termine. “Nessuno sa se questo processo porterà a una recessione o, in tal caso, quanto sarà significativa tale recessione”, ha affermato Jerome Powell.

Il mercato USA chiude:

  • Dow è sceso di 522,45 punti o -1,7% a 30.183,78
  • S&P 500 è sceso di 66 punti o -1,71% a 3.789,93
  • Il Nasdaq è sceso di 204,86 punti o -1,79% a 11.220,19
  • Russell 2000 è sceso di 25,35 punti o -1,42% a 1.762,16

Chiusura del mercato canadese:

  • TSX Composite è sceso di 184,54 punti o -0,95% a 19.184,54
  • TSX 60 è sceso di 12,11 punti o -1,03% a 1.160,53

Chiusura del mercato brasiliano:

  • Bovespa perde 581,05 punti o -0,52% a 111.935,86

ENERGIA:

Oggi i mercati petroliferi hanno avuto una giornata mista:

  • Il greggio è diminuito di 0,06 USD/BBL o -0,07% a 83,880
  • Il Brent è sceso di 0,101 USD/BBL o -0,11% a 90,519
  • Il gas naturale è aumentato di 0,0338 USD/MMBtu o dello 0,44% a 7,7508
  • La benzina è aumentata di 0,0479 USD/GAL o dell’1,96% a 2,4957
  • L’olio da riscaldamento è aumentato di 0,0083 USD/GAL o dello 0,25% a 3,3805

I dati di cui sopra sono stati raccolti intorno alle 13:47 EST di mercoledì

  • I migliori guadagni di materie prime: olio di palma (4,01%), canola (2,15%), bitume (2,54%) e cotone (3,06%)
  • Principali perdenti in materie prime: rame (-1,42%), palladio (-2,11%), caffè (-3,00%) e legname (-2,85%)

I dati di cui sopra sono stati raccolti intorno alle 13:53 EST di mercoledì.

OBBLIGAZIONI:

Giappone 0,258% (+0,3 pb), Stati Uniti 2 3,99% (+0,025%), Stati Uniti 10 3,5672% (-0,58 pb); US 30’s 3,58% (-0,005%), Bund 1,884% (-5,5 pb), Francia 2,438% (-5,2 pb), Italia 4,123% (-6,9 pb), Turchia 11,32% (+0 pb), Grecia 4,454% (- 2,7 pb), Portogallo 2,955% (-3,9 pb); Spagna 3,024% (-5,9 pb) e Gilt britannici 3,3140% (+2 pb).

« Colloquio di mercato – 20 settembre 2022

Leave a Reply

Your email address will not be published.