La Russia lancia la bomba alla termite sul villaggio di Donetsk, afferma l’Ucraina | video

Nuovi orribili filmati mostrano bombe alla termite carnivore che piovono su un villaggio ucraino mentre il disperato presidente russo Vladimir Putin intensifica i suoi attacchi ai civili.

Il terrificante filmato mostra il cielo notturno nel villaggio di Ozerne, nella regione di Donetsk, illuminato da una pioggia gelida di termite scintillante e bruciante, una miscela chimica killer.

Il filmato del drone è stato geolocalizzato a Ozerne, che si trova a pochi chilometri dalla prima linea ed è stato liberato il 4 settembre, Il Sole rapporti.

L’agghiacciante video di 12 secondi è stato pubblicato su Twitter dal parlamentare ucraino Roman Hryshchuk, che ha commentato: “Questo è orribile”.

La termite, una miscela di polvere metallica e ossido di metallo, viene utilizzata nella fabbricazione di bombe incendiarie.

Brucia a temperature superiori a 2400 °C, quindi, caldo può bruciare attraverso l’acciaio e il cemento e, se viene a contatto con la carne umana, può fondersi fino alle ossa.

Gli esperti del Centro militare ucraino affermano che le truppe russe sono in grado di lanciare le munizioni incendiarie 9M22S che utilizzano una miscela di termite utilizzando lanciarazzi multipli BM-21 Grad o BM-30 Smerch dalle loro posizioni a terra, come parte della loro strategia di difesa.

Infatti, sebbene la termite possa avere solo un impatto limitato sugli obiettivi militari, è un’arma con effetti ad ampia area che potrebbero essere devastanti per i civili.

La nuova prova video arriva come un “in preda al panico” Vladimir Putin è stato accusato di intensificare gli attacchi contro i civili mentre perde la presa sulla sua sanguinosa invasione dell’Ucraina.

Questa settimana, l’esercito ucraino ha annunciato di aver ottenuto enormi guadagni e di aver consolidato le posizioni attraverso il fiume Oskil, che rappresenta l’ultimo ostacolo naturale prima del confine con Donetsk.

“Panico” delle truppe russe

La controffensiva ucraina, rafforzata dalle armi fornite dall’Occidente, arriva quando le truppe russe demoralizzate si sono ritirate in “panico” dalle loro posizioni lungo il fiume Oskil, secondo il quotidiano locale L’Indipendente di Kiev.

Quelli in fuga hanno lasciato centinaia di veicoli e macchinari e potenzialmente migliaia di vittime.

I politici russi questa settimana hanno annunciato che i soldati potrebbero affrontare 10 anni nel gulag se disertano, si arrendono o depredano, ha riferito RIA Novosti sull’app di messaggistica Telegram.

Una proposta presentata alla Duma russa affermava che il mancato rispetto comporterebbe “da due a tre anni di carcere per essersi rifiutato di partecipare alle ostilità e, se avesse causato gravi conseguenze, da tre a 10 anni”.

Questa nuova proposta arriva quando una nuova intercettazione rilasciata dalla direzione principale dell’intelligence del ministero della Difesa ucraino ha mostrato che il comando russo nell’oblast di Donetsk ha proibito alle sue truppe di ritirarsi sotto la minaccia di essere fucilato.

Obiettivi civili

In mezzo a un apparente panico russo, il Ministero della Difesa (MoD) ha rilasciato una dichiarazione in cui descrive in dettaglio il cambiamento aggressivo di Putin nel modello degli attacchi missilistici contro gli ucraini.

È stato riferito che gli sforzi militari russi hanno aumentato gli attacchi ai civili nell’ultima settimana, con l’obiettivo di “minare il morale del popolo e del governo ucraino”, ha affermato il Ministero della Difesa.

Come nel caso di Ozerne, ogni missile 9M22S trasporta una testata 9H510, formata da 180 elementi da combattimento incendiari usati per distruggere la manodopera e le attrezzature nemiche creando incendi di massa, oltre a colpi diretti.

Human Rights Watch aveva precedentemente avvertito che la termite mortale può causare ustioni estremamente dolorose sulla pelle umana e può portare a problemi respiratori.

L’uso delle armi alla termite è significativamente pericoloso in quanto la loro vasta portata significa che non possono essere contenute sul campo di battaglia e gli effetti potrebbero colpire i civili.

L’uso della termite come arma incendiaria è ora considerato un crimine di guerra.

Il suo uso è stato vietato dal terzo protocollo della Convenzione delle Nazioni Unite sulle armi convenzionali del 1980 a Ginevra.

“È vietato in ogni circostanza fare della popolazione civile in quanto tale, di singoli civili o di oggetti civili l’oggetto di un attacco con armi incendiarie”, recita l’articolo 2 della Convenzione.

Ciò avviene meno di una settimana dopo che l’Ucraina ha scoperto una fossa comune di oltre 440 persone nella città nord-orientale di Izyum che è stata riconquistata come parte dell’operazione.

Sebbene non sia confermato che le truppe russe fossero dietro le esecuzioni, l’Ucraina ha affermato che si trattava di un’ulteriore prova di “crimini di guerra” commessi dalle forze russe.

Lunedì, il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, ha dichiarato: “È una bugia”.

Oleg Synegubov, governatore della regione di Kharkiv, ha dichiarato lunedì: “Alcuni dei morti hanno segni di morte violenta, ci sono corpi con le mani legate e tracce di torture. Il defunto è stato anche trovato con ferite da esplosione di mine, schegge e coltellate”.

Si dice che la stragrande maggioranza di quelli trovati fossero civili, inclusi molti bambini.

prospettive di annessione

L’esercito russo è stato quasi totalmente espulso dalla regione nord-orientale di Kharkiv in Ucraina da quando l’Ucraina ha iniziato la sua ultima controffensiva per riconquistare il territorio.

“La regione di Luhansk è proprio accanto. La disoccupazione non è lontana”, ha scritto Haidai su Telegram.

Mentre la Russia continua a perdere terreno, i leader separatisti di quattro aree dell’Ucraina controllate dalla Russia hanno annunciato che stanno pianificando di tenere elezioni per decidere se unirsi alla Russia.

Come parte dei disperati sforzi del Cremlino per inghiottire Donetsk e Luhansk (Donbas), Kherson e Zaporizhzhia, parzialmente controllata dai russi, i residenti voteranno in una mossa che potrebbe ridefinire “irreversibilmente” i confini della Russia.

Questo potrebbe essere visto come un trampolino di lancio per la Russia per mobilitare più personale se le province accettassero l’annessione.

Questo articolo è apparso originariamente su The Sun ed è stato riprodotto con il permesso

Originariamente pubblicato come filmato agghiacciante della bomba alla termite dell’esercito russo

Leave a Reply

Your email address will not be published.