‘Una guerra brutale e inutile’: Biden sbatte contro l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin

Il presidente Biden ha criticato il presidente russo Vladimir Putin e ha annunciato un altro pacchetto di aiuti da 1,2 miliardi di dollari per l’Ucraina durante il suo discorso annuale all’Assemblea generale delle Nazioni Unite mercoledì.

“Parliamo chiaramente: un membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha invaso, ha tentato di cancellare lo stato sovrano dalla mappa”, ha detto Biden, definendo l’invasione russa dell’Ucraina “una guerra brutale e inutile” che è stata “scelta da un uomo .”

La posizione di Russia e Cina come due dei cinque membri del Consiglio di sicurezza sta minando la capacità delle Nazioni Unite di svolgere la propria missione, ha proseguito Biden. Intento a segnalare agli alleati e agli avversari che gli Stati Uniti non vacilleranno nella loro difesa dell’Ucraina e nel sostegno ad altre nazioni sovrane, il presidente ha esortato le Nazioni Unite ad aggiungere ulteriori membri al Consiglio di sicurezza per indebolire l’influenza della Russia e della Cina. Ma non è andato così tanto da chiedere la revoca della loro appartenenza al Consiglio di sicurezza e, con essa, il loro potere di veto.

“È giunto il momento che questa istituzione diventi più inclusiva”, ha affermato Biden.

La settimana annuale di incontri al quartier generale delle Nazioni Unite, il primo incontro di persona in tre anni, arriva quando Putin, il suo esercito ha subito gravi battute d’arresto nelle ultime settimane, ha indicato che ora intende annettere le regioni occupate dell’Ucraina. I governi fantoccio allineati a Mosca si stanno preparando a tenere falsi referendum sull’adesione alla Russia.

“Il mondo dovrebbe vedere questi atti oltraggiosi per quello che sono”, ha detto Biden riguardo ai voti previsti.

Poche ore prima del discorso di Biden, Putin ha annunciato un’immediata mobilitazione parziale di 300.000 riservisti in un discorso preregistrato in onda sulla televisione di stato russa. Caratterizzando il conflitto come una guerra con l’Occidente, è arrivato al punto di minacciare di schierare armi nucleari.

“Per difendere la Russia e il nostro popolo, useremo senza dubbio tutte le armi a nostra disposizione”, ha detto Putin. “Questo non è un bluff.”

Le osservazioni di Putin non saranno una sorpresa per la Casa Bianca, dove i funzionari della sicurezza nazionale continuano a credere che la guerra non sia affatto vicina a una risoluzione nonostante il successo dell’Ucraina nel respingere le forze russe dai territori precedentemente occupati nell’est del paese.

Dall’invasione russa dell’Ucraina a febbraio, il principio guida di Biden è stato mantenere uniti gli Stati Uniti e l’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico e fuori da qualsiasi confronto diretto con la Russia. Parlando al mondo circa sette mesi dopo, ha cercato di rafforzare la determinazione delle principali democrazie mondiali nel continuare a sostenere l’Ucraina, anche se il prolungato conflitto ha sconvolto i mercati energetici e esacerbato l’inflazione, creando problemi interni ai leader di Londra, Parigi e Berlino.

Più tardi mercoledì terrà il suo primo incontro con il nuovo primo ministro britannico Liz Truss.

Allo stesso tempo, sta cercando di scongiurare un potenziale attacco a Taiwan da parte della Cina. In un’intervista domenica su “60 Minutes” della CBS, Biden ha detto che avrebbe risposto militarmente a qualsiasi atto di aggressione di Pechino che violi la sovranità di Taiwan, il tipo di risposta che ha tolto dal tavolo dall’inizio quando la Russia si stava preparando a invadere l’Ucraina.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, nelle sue osservazioni lunedì, ha implorato i leader mondiali di radunarsi a sostegno dei principi sanciti dalla carta dell’organizzazione, offrendo una desolante sintesi di un mondo in cui i principi e le istituzioni democratiche sono sempre più sotto attacco e le organizzazioni multilaterali non sono state in grado di modellare le risposte necessarie per combattere il cambiamento climatico, l’insicurezza alimentare, le malattie, le violazioni dei diritti umani e altre sfide.

“Non possiamo andare avanti così”, ha detto Guterres. “Abbiamo il dovere di agire. Eppure siamo bloccati in una colossale disfunzione globale”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.