DTI ottimista sull’industria del franchising PH

IL Dipartimento del Commercio e dell’Industria sta osservando una crescita e uno sviluppo più robusti dell’industria del franchising del paese, aspettandosi che più imprenditori e investitori entrino nel settore.

Intervenendo martedì alla conferenza virtuale Franchise Asia Filippine 2022, il segretario al commercio Alfredo Pascual ha evidenziato come gli anni passati abbiano cambiato il settore del franchising filippino e attirato più imprenditori a investire in franchising.

“Gli aspiranti imprenditori stanno seguendo la strada del franchising perché avviare un’attività attraverso il franchising offre un tasso di successo più elevato. A differenza di avviare un’attività in proprio, i franchisee si basano su modelli di business collaudati. Un team di esperti guida i proprietari di franchising per ottenere la gestione e efficienze operative, nonché eccellenti sistemi di controllo della qualità”, ha affermato Pascual.

Ha notato che dal punto di vista del mercato, i franchisee hanno un vantaggio in termini di riconoscimento del marchio. “Il richiamo del nome rende popolari i marchi in franchising, facilitando le vendite. La creazione di nuovi marchi richiede spese sostanziali per generare consapevolezza del marchio e anche i nuovi marchi devono sviluppare una clientela stabile”.

Durante l’evento, Pascual ha incoraggiato gli investitori a creare franchising nelle Filippine a causa del sano clima aziendale.

Ricevi le ultime notizie


consegnato alla tua casella di posta

Iscriviti alla newsletter quotidiana del Manila Times

Registrandomi con un indirizzo e-mail, dichiaro di aver letto e di accettare i Termini di servizio e l’Informativa sulla privacy.

“Le Filippine sono il settimo mercato in franchising più grande al mondo, contribuendo per il 7,8% al prodotto interno lordo del nostro paese e creando 2 milioni di posti di lavoro diretti e indiretti. Con una classe media in crescita, il nostro paese è considerato uno dei più grandi mercati in franchising del Regione del sud-est asiatico. Mangiare in un locale popolare o possedere articoli di marca segnala lo stato sociale in una delle popolazioni asiatiche più esperte di social media. Questa è la gente nelle Filippine”, ha affermato Pascual.

Secondo il capo del commercio, delle due categorie di franchising di base, il cibo ha la precedenza sul non alimentare. Il cibo produce il 43% dei 1.800 marchi in franchising stimati nelle Filippine. I dati della Philippine Franchise Association hanno mostrato che i franchising alimentari hanno un valore aggregato di P538 miliardi ($ 10,8 miliardi).

“Pandemia o meno, il settore dei servizi alimentari filippini sta crescendo con l’aumento della domanda di prodotti pronti. Il panorama del commercio al dettaglio liberalizzato e, in una certa misura, la riduzione dei dazi all’importazione hanno contribuito alla crescita del settore dei servizi alimentari. Nella produzione filippina, il settore alimentare rappresenta quasi la metà della sua produzione totale, crescendo a un tasso medio annuo dell’8-10% annuo. Questa eccellente prospettiva di crescita deriva dall’economia resiliente e dalla forte base di consumatori del paese”, ha spiegato Pascual.

In effetti, circa il 90 percento della produzione dell’industria di trasformazione di alimenti e bevande (F&B) viene consumata a livello nazionale. Pascual ha affermato che il crescente consumo, a sua volta, contribuisce alla rapida espansione del sottosettore F&B trasformato. “Questa tendenza presenta eccellenti opportunità per i produttori di materie prime e ingredienti di alto valore. Man mano che la qualità e l’efficienza migliorano, tali produttori possono sfruttare le opportunità di esportazione grazie alla posizione strategica del paese e agli accordi di libero scambio con altri paesi”, ha aggiunto.

D’altra parte, i sottosettori dei servizi non alimentari e della vendita al dettaglio servono ciascuno quasi un terzo dei marchi in franchising nel paese, il servizio rappresenta il 29% dei marchi in franchising nelle Filippine e il commercio al dettaglio il 28%. Il valore del contributo delle concessioni di vendita al dettaglio e di servizi ammonta a P67 miliardi ($ 1,34 miliardi).

Le tendenze del franchising non alimentare coprono, tra gli altri, prodotti per la salute e la bellezza, indulgenze a prezzi accessibili, cliniche, servizi di lavanderia, homeschooling e microfinanza.

Per stimolare ulteriormente la crescita dell’industria del franchising del paese, Pascual ha affermato che il DTI sta dirigendo i suoi sforzi per supportare le micro, piccole e medie imprese fornendo loro accesso a risorse di capitale, tecnologia e marketing.

“[The] DTI ha esteso l’assistenza finanziaria alle MSME per fornire loro l’accesso al capitale. Li assistiamo nel pagamento dell’obbligazione del debito, nel ridestinare il capitale aziendale esistente e nell’acquisizione di nuove tecnologie e sistemi. Li aiutiamo ad adattare i loro processi aziendali per adattarsi alla nuova normalità”, ha affermato.

Leave a Reply

Your email address will not be published.