Inflazione britannica agosto 2022

L’inflazione è scesa al 9,9% ad agosto dal 10,1% di luglio. La lettura è stata guidata dalla moderazione delle pressioni sui prezzi per i trasporti; ricreazione e cultura; e ristoranti e hotel.

L’inflazione media annua è salita al 7,0% ad agosto (luglio: 6,5%). Nel frattempo, l’inflazione core è salita al 6,3% dal 6,2% di luglio.

Infine, i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,50% rispetto al mese precedente ad agosto, un aumento inferiore allo 0,61% registrato a luglio. Il risultato di agosto ha segnato la lettura più debole da gennaio.

Guardando al futuro, il recente annuncio del primo ministro Liz Truss che le bollette energetiche saranno congelate sia per le imprese che per le famiglie dovrebbe causare un picco dell’inflazione complessiva di poco superiore al 10% nel quarto trimestre, inferiore a quanto previsto in precedenza. Per le famiglie, le bollette energetiche che sarebbero dovute salire a circa 3.500 GBP da ottobre saranno ora limitate a 2.500 GBP per due anni. Tuttavia, è probabile che le misure alimenteranno la domanda e quindi aumenteranno le pressioni sui prezzi in altre aree dell’economia.

Sull’annuncio di Truss, gli analisti di Goldman Sachs hanno dichiarato:

Ora prevediamo che l’inflazione complessiva raggiunga un picco del 10,9% in ottobre, significativamente più basso e prima del nostro precedente picco del 14,8% di gennaio. […] È probabile che la rapida decelerazione dell’inflazione a due cifre sotto il congelamento della bolletta energetica protegga dai rischi di disancoraggio delle aspettative di inflazione.[…] Allo stesso tempo, prevediamo che la natura espansiva dell’intervento fiscale si tradurrà in un aumento dell’inflazione core e della crescita salariale”.

I membri del panel di FocusEconomics Consensus Forecast si aspettano che l’inflazione raggiunga una media del 9,1% nel 2022, con un aumento di 0,6 punti percentuali rispetto alle previsioni del mese scorso e del 6,3% nel 2023.

Leave a Reply

Your email address will not be published.