Podcast di Ben Simmons, le critiche ai Boston Celtics hanno incasinato la star dell’NBA, notizie sui Brooklyn Nets

Ben Simmons ha messo a nudo la sua anima come mai prima d’ora dopo 15 mesi nella natura selvaggia della NBA.

La star australiana ha affrontato tutti i suoi episodi più controversi in un nuovo podcast pubblicato venerdì mattina (AEST).

Guarda tutte le partite della Coppa del mondo di basket femminile FIBA ​​​​2022 in diretta e gratis su ESPN con Kayo Freebies. Registrati ora, non è richiesta la carta di credito.

Simmons è stato ospite dell’ex compagno di squadra dei 76ers JJ Redick Il vecchio e i tre podcast e ha rivelato quanto le critiche significative lo abbiano influenzato durante la sua carriera.

Simmons ha combattuto una battaglia molto pubblica con la salute mentale negli ultimi anni dopo la sua partenza da Filadelfia e ha raggiunto un accordo sul rifiuto della sua ex squadra di pagare il suo stipendio di $ 20 milioni, nonostante il 26enne insistesse di non essere in grado di giocare per la salute mentale motivi.

Simmons ha ora rivelato come la presa in giro del pubblico da parte dei rivali della Eastern Conference di Boston per le sue lotte di tiro abbia iniziato una reazione a valanga sulla sua spirale discendente.

Ha detto delle critiche: “Non me ne rendevo davvero conto all’inizio della mia carriera.

“Questo ha iniziato a crescere e io sono tipo, ‘Stanno dicendo che non posso. Non dovrei? Sono fottutamente confuso ora”.

“Mi ha fottuto molto. Ma ho trovato un po’ di pace in un posto in cui sono come un cazzo, è il basket”.

Ha anche detto delle critiche alla sua sparatoria: “Penso che per un po’ sia stato così ripetitivo.

“Lo senti tutto il tempo da tutti. Sei tipo, fottuto inferno, vattene dal mio caso. Ad esempio, faccio anche altre cose. Sto proteggendo i migliori giocatori. Questa è una cosa, penso che le persone non lo rispettino abbastanza, come quello che sto portando in campo perché ci sono un sacco di merda che sto portando in campo”.

Ha detto che quei demoni mentali erano già nella sua testa prima della famigerata serie di playoff della Eastern Conference contro l’Atlanta lo scorso anno. Il mondo NBA è ancora confuso sul motivo per cui un giocatore con tutte le sue armi è andato in pezzi nella post-stagione in modo così spettacolare.

Simmons ora notoriamente si rifiutò di fare una schiacciata aperta nel quarto quarto di Gara 7 e il compagno di squadra Joel Embiid e l’allenatore Doc Rivers sembravano gettarlo sotto l’autobus all’indomani della loro eliminazione.

Simmons ha detto che la reazione “mi ha ucciso”.

“Si è arrivati ​​a un punto in cui dopo [Hawks] serie, è come se dalle persone da cui dovresti avere quel supporto o quel conforto, non stavo ottenendo nemmeno quello, quindi è stato un pedaggio per me”, ha detto.

“Poi mentalmente, mi ha ucciso. Ero tipo, cazzo, senza energia per niente, come se fossi in un posto buio.

“La prima cosa per me è stata davvero identificare che dovevo fare bene. Non è una cosa fisica, è mentalmente. Penso che la prima cosa di riconoscerlo sia un grande passo per me. Ho bisogno di affrontare questo problema, ho bisogno di aiuto in queste aree. Essere in grado di farlo, è stato l’inizio per arrivare dove sono ora. Sono in un posto fantastico e mi sento a mio agio a parlarne ora”.

Simmons dà la sua versione della storia sul lay-up che avrebbe potuto essere

Ben Simmons è notoriamente andato nel suo guscio nell’ultimo quarto della sua carriera con i Sixers – la sconfitta in gara 7 contro Atlanta – e nulla lo riassumeva più del lay-up aperto che ha rifiutato. Ha invece lasciato un passaggio a Matisse Thybulle e il secchio cruciale non è mai accaduto.

Ora vede di aver commesso un errore.

È successo così in fretta che ti basta leggere. Nei playoff, la maggior parte delle volte devi prendere le decisioni giuste.

“Per quel momento, fratello, è successo ed ero tipo, ‘OK, cazzo, ora dobbiamo andare a fare un’altra commedia.’ È così che penso e non mi sono reso conto di come tutti stiano postando come se fosse così grande?

“Quando lo guardo ora, sono tipo, ‘Avrei dovuto prendere a pugni quella merda'”, ha detto Simmons.

“Ma non è successo, e mi andava bene, posso conviverci, posso vivere con tutti che cercano di uccidermi per una commedia. È come se tutti volessero guardare un film con me. Come, l’intera arena. Posso sezionare tutto se volete, ma non è realistico”.

Simmons si rivolge alla mancata presentazione dei playoff di Brooklyn

Simmons è stato nuovamente fatto a pezzi dai commentatori NBA quest’anno quando non è riuscito a giocare affatto per i Nets.

Il furore intorno a Simmons è esploso quando i Brooklyn sono stati spazzati via 4-0 nella loro serie di playoff del primo turno contro Boston, un’enorme delusione per una squadra con superstar come Kevin Durant e Kyrie Irving.

Simmons, che si è unito ai Nets da Filadelfia in uno scambio di successo che ha coinvolto James Harden a febbraio, non ha giocato affatto la scorsa stagione ed è stato oggetto di pesanti critiche dopo non essere riuscito a vestirsi per Gara 4 contro i Celtics, avendo preso di mira quella partita come una rimonta .

L’australiano si stava allenando con l’obiettivo di tornare in azione, ma la mattina della partita si è svegliato con un mal di schiena e si è seduto fuori quando la stagione della sua squadra si è conclusa presto.

Giocatori ed esperti dell’NBA si sono scaricati su Simmons per essersi seduti fuori. Il giornalista sportivo americano Stephen A. Smith ha dato il colpo più brutale, dicendo che Simmons “potrebbe anche essere la scusa più debole e patetica per un atleta professionista che abbiamo mai visto non solo nella storia americana, ma nella storia dello sport”.

Da allora ha subito un intervento chirurgico alla schiena.

Simmons ha descritto la sua squadra di Nets costellata di stelle come “Philly sotto steroidi”.

Ha detto che non ha dubbi sulla sua capacità di avere un impatto per i Nets la prossima stagione e crede che anche il suo corpo sarà pronto.

Originariamente pubblicato come “Mi ha fottuto molto”: Ben Simmons ha messo a nudo la sua anima

Leggi argomenti correlati:Ben Simmons

Leave a Reply

Your email address will not be published.