Un terzo dei canadesi era preoccupato per le spese giornaliere

L’inflazione fa male a tutti. L’indice di benessere finanziario per l’estate 2022 di Lifeworks ha rilevato che il 29% dei 3.000 intervistati ha affermato di essere preoccupato di non poter più permettersi le spese della vita quotidiana. La misura del benessere finanziario complessivo è scesa al 64%, il numero più basso registrato dall’inizio dell’indagine nell’inverno del 2021.

Le persone sotto i 40 anni che hanno avuto meno tempo nella forza lavoro per risparmiare sono significativamente più turbate e hanno il 75% in più di probabilità di segnalare preoccupazioni per le spese di base della vita. I genitori hanno il 40% di probabilità in più di preoccuparsi di coprire le spese. Forse è per questo che il governo sta lentamente arraffando i lavoratori in un complotto socialista – non preoccuparti, il governo si prenderà cura di te!

La metà di coloro che hanno espresso preoccupazione ha affermato che i prezzi dei generi alimentari hanno fatto l’ammaccatura più notevole nei loro portafogli, mentre il 35% ha citato i costi del gas. Quasi un quarto ha dichiarato di essere preoccupato di recuperare le rate del mutuo.

L’inflazione in Canada ha raggiunto il 7,6% a luglio, con l’inflazione core in aumento del 6,6%. L’inflazione è scesa dello 0,6% ad agosto a livello mensile, ma è ancora in aumento del 7% annuo. Il governo sta travolgendo il settore privato, e la crescita a lungo termine non è una priorità per l’amministrazione Trudeau.

« Il settore privato canadese in declino

Canada in cerca di guardie per i pazienti Covid »

Leave a Reply

Your email address will not be published.