FirstFT: gli stati dell’UE falchi spingono per sanzioni più severe contro la Russia

Questo articolo è una versione in loco della nostra newsletter FirstFT. Iscriviti alla nostra edizione Asia, Europa/Africa o Americhe per riceverla direttamente nella tua casella di posta ogni mattina nei giorni feriali

Buongiorno. I membri Hawkish dell’UE stavano spingendo per misure più dure contro la Russia, inclusa l’espulsione di più banche dalla rete di messaggistica Swift e il divieto delle importazioni di diamanti, mentre il blocco redige una serie di sanzioni contro l’Ucraina.

I paesi che richiedono le misure, che riguarderebbero anche i beni di lusso e le industrie russe dell’informatica, della sicurezza informatica e del software, includono la Polonia e gli stati baltici. La mossa è arrivata in risposta all’escalation militare di Vladimir Putin questa settimana.

Ma i funzionari hanno affermato che sarebbe difficile trovare un consenso tra i 27 Stati membri. L’Ungheria ha detto che non vuole nuove sanzioni.

L’obiettivo della Commissione europea è quello di far passare un accordo G7 duramente combattuto per limitare il prezzo del petrolio russo dopo mesi di negoziati guidati dagli Stati Uniti.

Un potenziale nuovo round di sanzioni, che sarebbe l’ottavo, dovrebbe essere formalmente presentato dopo l’inizio degli incontri tra i funzionari della Commissione e i rappresentanti degli Stati membri.

  • All’ONU: Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha difeso ieri l’invasione di Mosca scambiando barbe con le potenze occidentali al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.

  • E per le strade russe: Il Financial Times ha parlato con persone che erano state chiamate nell’esercito russo, temevano che presto sarebbero diventate o avevano parenti stretti che rischiavano la coscrizione. “Mio figlio dovrebbe andare in guerra contro mio nipote”, ha detto uno.

Sostieni misure più incisive contro la Russia? Come mai? Condividi i tuoi pensieri su firstft@ft.com e potrei presentarli in una prossima edizione della newsletter. Grazie per aver letto FirstFT Europa/Africa — Jennifer

1. Il piano di Kwasi Kwarteng per rilanciare la crescita economica del Regno Unito Il cancelliere tenterà oggi di rilanciare l’economia britannica con un pacchetto di crescita di 30 punti per trasformare “il circolo vizioso della stagnazione in un circolo virtuoso di crescita”. Il mini-Budget arriverà il giorno dopo che la Banca d’Inghilterra ha alzato i tassi di interesse di 0,5 punti percentuali, una mossa più moderata rispetto alla Federal Reserve statunitense.

2. Capo dell’AIE: la crisi energetica rischia di mandare in frantumi l’unità dell’UE Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia, ha affermato di temere “uno scenario da selvaggio west” se i paesi europei avessero limitato il proprio commercio o smesso di collaborare con i vicini per i timori di carenza di carburante questo inverno.

  • Nei mercati dei derivati: Le autorità europee hanno minimizzato la loro capacità di intervenire sui mercati dei derivati ​​per aiutare le compagnie energetiche dopo aver ammesso in privato che la volatilità dei prezzi non era dovuta al “malfunzionamento del mercato”.

  • E in bagno: Un importante produttore tedesco di carta igienica è fallito, mentre altri stanno tagliando la produzione, aumentando i prezzi o passando a fonti energetiche alternative.

3. Boeing pagherà una penale di 200 milioni di dollari oltre 737 Max Il produttore aerospaziale e il suo ex amministratore delegato Dennis Muilenburg hanno accettato di pagare milioni di dollari per saldare le accuse della Securities and Exchange Commission statunitense di aver ingannato gli investitori su due incidenti mortali del suo aereo 737 Max.

4. Preoccupazioni per i piani del Regno Unito di rivedere il diritto dell’UE “mantenuto”. La spinta del primo ministro Liz Truss a “revocare o riformare” tutte le leggi dell’UE ancora in vigore nel Regno Unito dopo che la Brexit rischia un potenziale falò dei diritti dei lavoratori e della regolamentazione ambientale, hanno avvertito i sindacati e il governo scozzese.

5. Dodici muoiono mentre l’Iran reprime le proteste Delle 12 persone uccise, almeno cinque erano membri delle forze di sicurezza, hanno detto i funzionari, dopo che la morte del 22enne Mahsa Amini in custodia di polizia ha innescato le più grandi proteste anti-regime dal 2019. Anche i sostenitori del regime sono mettendo in discussione la necessità di far rispettare il codice di abbigliamento islamico.

Sei stato aggiornato sulle novità di questa settimana? Prendi il nostro quiz.

I giorni a venire

Referendum sull’Ucraina occupata dalla Russia Le votazioni in quelli che la Nato ha denigrato come “referendum fittizi” sull’adesione alla Russia iniziano oggi e durano fino a martedì nelle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk – governate dai separatisti sostenuti da Mosca dal 2014 – così come a Kherson e in parti della provincia di Zaporizhia.

dati economici Gli indici compositi dei gestori degli acquisti di produzione e servizi a settembre sono disponibili per l’eurozona, la Francia, la Germania, il Regno Unito e gli Stati Uniti. Le indagini di agosto hanno evidenziato un forte rallentamento della crescita economica. È uscito anche il sondaggio GfK sulla fiducia dei consumatori nel Regno Unito, così come i dati sul prodotto interno lordo del secondo trimestre per la Spagna. (FT, WSJ)

Conferenza del partito laburista Il partito di opposizione del Regno Unito inizia domenica la sua conferenza annuale di quattro giorni a Liverpool, dove gli argomenti previsti includono scioperi dei lavoratori, crisi del costo della vita e mini-budget del governo.

Elezioni generali in Italia Gli elettori si recano alle urne domenica dopo una delle campagne elettorali più brevi della storia del Paese, nata dalle dimissioni del premier Mario Draghi. Gli italiani dovrebbero consegnare un mandato decisivo a una coalizione di destra i cui rivali non sono riusciti a forgiare un’opposizione unita.

Lunedì unisciti al nostro Forum Tecnologia e Politica in collaborazione con ETNO per ascoltare gli amministratori delegati del settore, i responsabili politici e gli investitori a Bruxelles mappare le politiche e la regolamentazione future nei mercati digitali dell’UE. Registrati qui per partecipare alla conversazione di persona o online.

Cos’altro stiamo leggendo

Perché i leader aziendali non dovrebbero diventare figure di culto Siamo affascinati dalla leadership aziendale. Ma questa ossessione va a scapito della corporate governance, assicurando controlli sul potere di ogni individuo e opinioni diverse attorno al tavolo del consiglio di amministrazione? Gli amministratori delegati adulti rischiano di rimanere intrappolati nel denaro, nella fama e nel potere.

Un montaggio di Mark Zuckerberg, Elon Musk e Jeff Bezos

Andrew Edgecliffe-Johnson: “Servono strutture che impediscano ai CEO di credere agli adulatori o di rimanere troppo a lungo” © FT montage/Dreamstime/AFP/Getty Images

Quanti soldi ti renderanno felice? Tutti abbiamo fantasie su quanto avremmo bisogno per renderci soddisfatti, ma non deve essere una fortuna. Il vero problema è che essere un multimiliardario cambierebbe il tuo rapporto con ogni altro essere umano. Tim Harford considera quanto qualcuno ha veramente bisogno.

Perché il commercio non può comprare la pace Negli ultimi decenni, il quasi consenso dei politici e dei leader aziendali è stato che la pace fosse la condizione naturale del mondo sviluppato e che la globalizzazione fosse immune dal rischio geopolitico. Ma come hanno dimostrato la guerra in Ucraina e le tensioni su Taiwan, scrive John Plender, si sbagliavano.

L’economia può portarci a zero netto da sola Per la maggior parte degli ultimi 200 anni, una regola è stata rispettata in tutto il mondo: se l’attività economica di un paese si è espansa, anche le sue emissioni di carbonio sono cresciute. Ma a partire dagli anni ’80 con l’avvento dell’energia nucleare, i paesi potrebbero ridurre sempre di più le emissioni aumentando il PIL, osserva John Burn-Murdoch.

Le cinque cose che la bolla tecnologica ha corretto Come ha scritto l’imprenditore tecnologico Paul Graham all’indomani del primo crollo delle dotcom, gli investitori del mercato azionario avevano ragione sulla direzione del viaggio anche se si sbagliavano sulla velocità del viaggio. John Thornhill rivisita quell’idea mentre gli investitori esaminano il relitto di società di acquisizione per scopi speciali.

Libri

I sei titoli in palio per il Business Book of the Year Award 2022 di FT affrontano “alcune delle questioni più difficili e importanti che devono affrontare il capitalismo globale”, ha affermato Roula Khalaf, editore di FT e presidente dei giudici. Guarda quali titoli sono entrati nella rosa dei candidati.

Tempi interrotti — Documentare i cambiamenti nel business e nell’economia tra Covid e conflitto. Iscriviti qui

gestione delle risorse — Iscriviti qui per la storia interna dei motori e degli agitatori dietro un’industria multimiliardaria

Leave a Reply

Your email address will not be published.