Gli espatriati italiani segnalano irregolarità con schede elettorali per corrispondenza

Questo articolo è una versione in loco della nostra newsletter Europe Express. Iscriviti qui per ricevere la newsletter direttamente nella tua casella di posta tutti i giorni feriali e il sabato mattina

Buongiorno e benvenuto in Europe Express.

L’Estonia potrebbe essere all’avanguardia in termini di consentire ai suoi cittadini di votare online, ma l’Italia è ancora saldamente ancorata al 20° secolo e utilizza i servizi postali per spedire le schede elettorali per i suoi espatriati da compilare prima delle elezioni di domenica. Esploreremo alcuni dei problemi e quanto potrebbero rivelarsi significativi.

Nel frattempo a Bruxelles, la Commissione europea inizierà oggi il suo primo round di cosiddetti confessionali, consultando gli ambasciatori dell’UE sul prossimo round di sanzioni russe prima di presentare l’ultimo progetto di testo legale. Ma non aspettatevi una serie di scontri uno contro uno in stile cattolico, questi incontri si terranno in gruppi di 4-5 ambasciatori e funzionari di commissione, per tutto il fine settimana.

L’accordo commerciale UE-Canada ha ormai cinque anni (sebbene non tutti gli Stati membri lo abbiano ratificato) e vi aggiorneremo sugli effetti del patto.

E un po’ di pulizie: Tony Barber è fuori questa settimana, lasciando l’Europe Express Weekend di domani nelle mani competenti del capo dell’ufficio del FT Brussels Sam Fleming.

Irregolarità del voto per corrispondenza

Molti dei 5 milioni di cittadini italiani che vivono all’estero hanno segnalato seri problemi con il sistema di voto postale prima delle elezioni di domenica, scrive Marianna Giusti a Londra.

Schede mancanti per corrispondenza, tentativi di frode elettorale, consolati che non rispondono e persino voti per corrispondenza ricevuti con istruzioni errate sono tra le lamentele più frequenti sul sistema, che è stato introdotto nel 2001 ed è disponibile in 200 paesi nei cinque continenti ma che non è stato aggiornato all’era digitale.

Il solo Regno Unito ospita più di 400.000 italiani. Jamil De Dominicis, 32 anni, triestino, non ha mai ricevuto il suo voto per posta e mercoledì ha dovuto fare la fila per un’ora e mezza al consolato italiano a Londra per ottenere il suo duplicato e votarlo. “Ci devono essere almeno 50 persone in coda che hanno avuto il mio stesso problema”, ha detto a Europe Express.

Ad aumentare le difficoltà c’era il calendario per il ritiro dei duplicati al consolato, con appuntamenti disponibili solo quando gli espatriati erano al lavoro. “Il voto è un processo democratico che dovrebbe essere facilitato”, dice De Dominicis della sua esperienza, “non dovrebbe essere così difficile”.

In Spagna, le schede elettorali sono state consegnate con istruzioni sbagliate, riferite a un referendum di giugno, e le istruzioni corrette non sono mai arrivate. Voti con istruzioni sbagliate sono stati segnalati anche a Washington, dove il consolato italiano ha rilasciato una lettera di scuse formali, invitando invece gli elettori a seguire le istruzioni online.

Se alcuni hanno avuto difficoltà a votare all’estero, ad altri è stata offerta l’opportunità di inviarne più di uno. In Brasile, patria di oltre mezzo milione di italiani, a un insegnante di Belo Horizonte sono stati offerti otto voti per corrispondenza da colleghi italiani brasiliani che hanno acquisito la cittadinanza per discendenza e non erano interessati a partecipare alle elezioni. “Se volessi, potrei ottenere decine di voti postali”, ha detto l’insegnante al quotidiano italiano La Repubblica. “Tutto quello che devo fare è chiedere.”

Ying Zhang, 28 anni, veneta, dice di aver ricevuto due schede elettorali nella sua casa londinese indirizzate a ex inquilini. “Nessuno ci ha contattato per reclamarli”, dice, “chiunque potrebbe lanciarli”.

Nelle elezioni del 2018, i voti postali ricevuti dal Sud America a favore del candidato del Partito Democratico del PD di centrosinistra Adriano Cario avrebbero riportato la stessa calligrafia. Nel dicembre 2021, Cario ha perso il seggio al Senato dopo che l’analisi della grafia ha rivelato che i voti erano stati espressi dalla stessa persona.

Mentre le preoccupazioni circa l’integrità dei voti postali all’estero sono state sollevate da candidati di tutto lo spettro politico, che li hanno ritenuti incostituzionali, attori importanti come Giorgia Meloni, Enrico Letta e Silvio Berlusconi sono rimasti concentrati sulle loro campagne.

Ma il cosiddetto fuori sede i voti, categoria che comprende sia i residenti all’estero che i cittadini italiani che votano in una giurisdizione diversa da quella del loro domicilio, costituiscono circa il 10 per cento del totale degli elettori, una quota significativa che potrebbe minare l’autenticità del risultato di domenica.

Grafico del giorno: operazioni bancarie controintuitive

La lira turca è crollata ieri dopo che la banca centrale del Paese ha tagliato i tassi di interesse per il secondo mese consecutivo nonostante l’inflazione dilagante che ad agosto ha superato l’80 per cento, scrive Laura Pitel ad Ankara.

Festa dell’amore canadese

L’accordo economico e commerciale globale UE-Canada (Ceta), uno dei pochi accordi che l’UE è stata in grado di attuare di recente, è entrato in vigore provvisoriamente cinque anni fa questa settimana, scrive Andy Bounds a Bruxelles.

La maggior parte dei suoi elementi commerciali si applica anche se 11 dei 27 Stati membri non l’hanno ancora ratificata a causa della sicurezza alimentare e delle preoccupazioni ambientali. Il parlamento regionale vallone del Belgio ha trattenuto per diversi mesi la firma di Ceta e il paese deve ancora ratificare.

La Commissione europea ha quindi voluto sbandierare i suoi vantaggi, organizzando anche uno sfavillante evento per l’anniversario in un hotel nel centro di Bruxelles mercoledì con l’ambasciatore canadese presso l’UE, Ailish Campbell.

Nel frattempo, la presidente della commissione Ursula von der Leyen e il primo ministro canadese Justin Trudeau hanno trovato il tempo per celebrarlo insieme a margine dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a New York. Le aziende hanno risparmiato 890 milioni di euro in tariffe da quando Ceta è entrato in vigore e il commercio bilaterale ha raggiunto i 60 miliardi di euro, hanno affermato i funzionari della commissione.

Confrontando i quattro anni prima di Ceta con i primi quattro anni dopo, le esportazioni dell’UE in Canada sono cresciute del 22%, il doppio rispetto al resto del mondo. Sostengono 700.000 posti di lavoro, con un aumento di 75.000.

Date le preoccupazioni del settore agricolo per l’accordo, i funzionari della Commissione erano ansiosi di parlare dei suoi successi: l’UE esporta più carne bovina in Canada di quanto le sue vaste praterie inviano all’UE. Bruxelles ha vietato la carne di animali alimentati con ormoni in Canada e anche i produttori di formaggio, soprattutto in Italia e Francia, hanno fatto bene. (Né Roma né Parigi hanno ratificato l’accordo.)

Sabine Weyand, direttore generale della direzione generale del commercio, ha detto all’evento che le ONG e altri che hanno attaccato l’accordo non avevano letto le salvaguardie in esso contenute. “Se critichi qualcosa, critica ciò che c’è”.

Ha detto che la situazione geopolitica ha leggermente cambiato il dibattito. I Paesi Bassi hanno recentemente ratificato Ceta dopo che i legislatori hanno affermato che l’UE aveva bisogno di alleati e catene di approvvigionamento resilienti dopo la guerra in Ucraina. “Stiamo assistendo a un nuovo dinamismo [in ratifying],” lei disse.

Il raccolto di grano canadese sarebbe più che compensato dal deficit in Ucraina quest’anno, ha affermato Michael Scannell, vicedirettore generale del dipartimento agricolo della Commissione. E il Canada aveva venduto gli ingredienti fertilizzanti dell’UE come il potassio per sostituire le forniture perse dalla Bielorussia e dalla Russia.

Un accordo con il Canada democratico e ad alto reddito è una cosa. I prossimi accordi che l’UE vuole sottoporre alla ratifica, tuttavia, a parte la Nuova Zelanda, sono con Messico e Cile, e sono già stati ostacolati dalle preoccupazioni per le importazioni agricole a basso costo.

“Sono frustrati con noi. Saranno il vero test per verificare se prendiamo sul serio il commercio globale”, ha affermato un diplomatico dell’UE.

Cosa guardare oggi

  1. Iniziano i cosiddetti referendum nelle regioni ucraine occupate dalla Russia

  2. La Commissione incontra gli ambasciatori dell’UE per consultazioni sulle sanzioni alla Russia

  3. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz riceve a Berlino il presidente moldavo Maia Sandu

Letture intelligenti

  • EPC, cosa? Con gli inviti inviati ieri a 17 paesi extra UE per venire a Praga per il vertice inaugurale della Comunità politica europea, il think tank Bruegel guarda a cosa potrebbe dare sostanza a questo nuovo format, se aspira a essere più di un incontro una tantum .

  • Tensioni nel Caucaso: Marie Dumoulin del Consiglio europeo per le relazioni estere esamina le rinnovate ostilità tra Armenia e Azerbaigian e le carenze dell’UE nel mediare un accordo di pace a cui aderiscono entrambe le parti.

Gran Bretagna dopo la Brexit — Tieniti aggiornato sugli ultimi sviluppi mentre l’economia del Regno Unito si adegua alla vita al di fuori dell’UE. Iscriviti qui

Segreti commerciali — Una lettura obbligata sul volto mutevole del commercio internazionale e della globalizzazione. Iscriviti qui

Ti piace Europe Express? Iscriviti qui per riceverlo direttamente nella tua casella di posta ogni giorno lavorativo alle 7:00 CET e il sabato a mezzogiorno CET. Dicci cosa ne pensi, ci piace sentirti: europe.express@ft.com. Tieniti aggiornato sulle ultime storie europee @FTEurope

Leave a Reply

Your email address will not be published.