Mookie Betts solleva i Dodgers con la vittoria all’andata sui D-back

Quattro ore prima che i Dodgers battessero gli Arizona Diamondbacks 3-2 giovedì su un walk-off colpito da Mookie Betts, gli occhi di tutti in blu erano fissati sul tumulo del lanciatore del Dodger Stadium.

Il manager Dave Roberts e l’allenatore in panchina Bob Geren erano in piedi vicino alla linea di terza base, a braccia conserte. Il presidente delle operazioni di baseball Andrew Friedman ha osservato mentre era impegnato in una conversazione con Betts. Una buona mezza dozzina di lanciatori dei Dodgers si appoggiò alla ringhiera della panchina, osservando ogni lancio.

Nessuno aveva bisogno di affermare l’ovvio: ciò a cui stavano assistendo potrebbe avere un serio impatto sulle loro fortune post-stagione.

Tony Gonsolin, nell’elenco degli infortunati dal 29 agosto per uno stiramento all’avambraccio, stava lanciando ai compagni di squadra Gavin Lux, Chris Taylor, Hanser Alberto e Miguel Vargas. Il destro di All-Star non ha trattenuto nulla, lanciando la sua palla veloce a quattro cuciture, cursore, palla curva e palla veloce con dita divise.

Gonsolin, il cui infortunio ha interrotto una stagione di breakout che include un record di 16-1 e 2,10 ERA, si è seduto in panchina mentre il soccorritore David Price – anche lui nella lista degli infortunati – ha affrontato gli stessi quattro battitori. Torna Gonsolin per un altro frame, e quando ha finito con la simulazione di due inning nota come “su-giù”, c’erano sorrisi guardinghi tutt’intorno.

“Pensavo che il materiale fosse buono, la velocità del braccio era buona e ha usato tutto il suo mix di intonazione, il che è stato fantastico”, ha detto Roberts. “Supponendo che ne esca bene, ci sarà un bullpen in un paio di giorni, poi un altro live da due a tre inning, si spera, su-giù. Incoraggia davvero Tony”.

Altrettanto incoraggiante è stato il rally del nono inning per superare uno svantaggio di 2-1 che ha consentito ai Dodgers di dividere la serie di quattro partite. Cody Bellinger ha aperto con una doppietta – mancando solo un fuoricampo – e Will Smith e Max Muncy hanno seguito una passeggiata intenzionale verso Freddie Freeman con singoli interni per pareggiare il punteggio. Con due eliminati, Betts ha colpito Joey Gallo, ha commesso un fallo su un campo di conteggio completo e ha guidato un singolo sul campo sinistro per segnare Freeman.

Betts ha avuto la serata libera, ma ha preso alcuni hack nella gabbia di battuta nel nono inning nel caso fosse necessario.

“Speravo di non colpire”, ha detto Betts, “ma entri in una situazione che lo richiede e accendi il cervello e sei pronto per partire”.

Dodgers più vicino Craig Kimbrel, traballante come sempre, è stato toccato per il fuoricampo di Christian Walker nella parte superiore del nono, ottenendo un pareggio in una partita evidenziata dal lancio dominante del titolare dei Diamondbacks Zac Gallen, che ha segnato 13 e ha concesso solo due corridori di base in otto inning.

Il lanciatore che potrebbe essere la prossima migliore opzione dei Dodgers come più vicino – Blake Treinen – ha ammesso giovedì che non sa se sarà in grado di lanciare nei playoff.

Treinen era vistosamente assente durante il preludio pre-partita di Gonsolin. Incapace di scrollarsi di dosso il dolore alla spalla, il prezioso sollievo è rimasto nella clubhouse a parlare con un membro dello staff di allenamento mentre Gonsolin e Price lanciavano.

Roberts aveva espresso scetticismo il giorno prima sul fatto che Treinen sarebbe stato in salute per i playoff. Il lanciatore non ha contraddetto il suo manager.

“Il corpo è una cosa così schizzinosa che è un po’ difficile riprendersi nel modo in cui volevo”, ha detto. “Ma non credo che ci sia ancora una risposta definitiva in un modo o nell’altro. L’unica cosa che posso fare è cercare di arrivare a un punto in cui posso essere utilizzato, dove posso aiutare la squadra”.

Il tiratore duro Brusdar Graterol è tornato dalla lista degli infortunati giovedì, una gradita aggiunta a un bullpen ancorato dal destrorso Evan Phillips, dal mancino Alex Vesia e Kimbrel. L’inclusione di Treinen è nella migliore delle ipotesi tenue.

Il lanciatore titolare dei Dodgers Julio Urías lancia durante il primo inning contro gli Arizona Diamondbacks al Dodger Stadium giovedì.

(Ashley Landis/Associated Press)

“Userei la parola frustrante”, ha detto Roberts dello stato di Treinen. “Non si sta riprendendo. Gli daremo un paio di giorni senza lanci, poi prenderà una palla da baseball sabato e vedrà come risponde”.

Gonsolin è molto più vicino a un ritorno e sarebbe una spinta enorme. Dopo essere rimasto inattivo per quasi un mese, la sua resistenza potrebbe non essere sufficiente per durare più di tre o quattro inning. Eppure ha rinunciato a soli 76 colpi in 128 1/3 inning.

Senza di lui, la rotazione iniziale post-stagione potrebbe essere composta da quattro mancini: Julio Urías, Clayton Kershaw, Andrew Heaney e Tyler Anderson. Tutti si stanno godendo le belle stagioni, ma Heaney e Anderson non hanno esperienza post-stagionale. Il destro Dustin May è nel mix, ma è stato incoerente in sei partenze da quando è tornato dall’intervento chirurgico di Tommy John.

“Non mi aspetto che sia lo stesso accumulo di prima che andasse in IL, ma penso che il fatto che ci abbia dato l’opportunità di entrare in alcuni inning di valore sia ancora in gioco”, ha detto Roberts di Gonsolin. “Lui che inizia una partita? Poi sta a noi vedere per quanto tempo riusciremo a mandarlo fuori”.

Lux ha avuto una discreta fortuna contro Gonsolin e Price nel gioco simulato, alzando due dita e insistendo con gli allenatori Mark Prior e Dino Ebel sul fatto che aveva due colpi. Gli allenatori hanno posto il veto alla tesi di Lux, dicendo che se la difesa fosse stata in un turno non avrebbe avuto un colpo. Lux abbaiò di rimando, ma era tutto per divertimento.

Qualche istante dopo Lux ha schierato palle a terra dalla mazza fungo di un allenatore fino a quando non ha sbuffato, sbuffato e sudato copiosamente. Quindi il gioco è iniziato e ha proceduto a prendere una decisione sbagliata, girando e lanciando selvaggiamente in seconda base dopo aver schierato un terrestre diversi passi alla sua sinistra nel terzo inning. L’errore ha portato al primo posto dei Diamondbacks correre.

I Dodgers hanno risposto con due eliminati nel quarto contro Gallen, che ha mostrato una devastante curva di nocche ritirando i primi 11 battitori, sei sugli strikeout. Smith ha triplicato e Muncy ha raddoppiato per pareggiare il punteggio di 1-1.

Quelli sono stati gli unici corridori di base dei Dodgers in otto inning: Gallen si è ritirato per i successivi 13 di fila, di cui altri sette per strikeout. La curva a destra sta vivendo una stagione di successo con un record di 12-3 e un’ERA di 2,46. Tuttavia, Gallen aveva lanciato 98 lanci – 77 per gli scioperi – e l’allenatore Torey Lovullo lo ha sollevato.

Roberts ha tirato Urías a favore di Phillips dopo che i primi due battitori dei Diamondbacks al sesto inning hanno puntato la palla: Stone Garrett raddoppia al centro sinistro ed Emmanuel Rivera schiera Muncy al terzo posto. Urías ha realizzato 89 lanci – 62 strike – rinunciando a tre colpi e ne ha eliminati cinque. Phillips ha eliminato due battitori per porre fine alla minaccia, Vesia ha eliminato la squadra al settimo posto e Graterol ha lanciato un uno, due, tre ottavo.

Per la gioia dei Dodgers, i Diamondbacks hanno sostituito Gallen con Reyes Moronta, che i Dodgers hanno designato per l’incarico diverse settimane fa. Né Moronta né il mancino Joe Mantiply erano all’altezza del compito, e Betts – il suo cervello chiaramente acceso – ha consegnato.

Leave a Reply

Your email address will not be published.