La riduzione del debito del prestito studentesco è ridotta. Chi è interessato?

Giovedì l’amministrazione Biden ha frenato la sua promessa di condonare fino a $ 20.000 in prestiti studenteschi federali, restringendo i tipi di prestiti idonei per il sollievo.

I contorni di base dell’offerta rimangono gli stessi. I mutuatari con un reddito inferiore a $ 125.000 (o $ 250.000 per una coppia) possono beneficiare di un condono del debito fino a $ 10.000 sui loro prestiti studenteschi diretti federali. L’importo dello sgravio sale a $ 20.000 per i mutuatari che soddisfano il limite di reddito e hanno ricevuto un Pell Grant – una forma di aiuto rivolta ai candidati più bisognosi – mentre erano laureati.

Ciò che è cambiato è il trattamento dei prestiti garantiti dal governo federale ma detenuti da istituti di credito privati. Ciò include almeno alcuni dei prestiti emessi attraverso i programmi Federal Family Education Loan, Federal Perkins Loan e Health Education Assistance Loan.

Inizialmente, l’amministrazione ha affermato che i mutuatari qualificati con questi prestiti privati ​​​​potrebbero consolidarli in un prestito diretto federale e ottenere una riduzione del debito. Giovedì, tuttavia, il sito web del dipartimento ha affermato che per ricevere lo sgravio, i mutuatari dovevano aver richiesto un prestito di consolidamento entro il 29 settembre.

Il dipartimento dell’istruzione “sta valutando se esistono percorsi alternativi per fornire sollievo ai mutuatari con prestiti studenteschi federali non detenuti da ED, inclusi prestiti del programma FFEL e prestiti Perkins, e ne sta discutendo con istituti di credito privati”, afferma il sito web.

Alcuni prestiti FFEL e Perkins sono detenuti dal Dipartimento dell’Istruzione, quindi rimangono idonei per il condono generale se i mutuatari soddisfano i limiti di reddito. Ma nel caso di molti prestiti più vecchi, i mutuatari potrebbero non sapere se sono detenuti a livello federale o privato perché non hanno avuto scelta dal loro college, ha affermato Abby Shafroth, direttrice del progetto di assistenza ai mutuatari di prestiti studenteschi presso la National Consumer Law Centro.

Per scoprire se i tuoi prestiti FFEL o Perkins potrebbero beneficiare del perdono, vai al tuo account sul sito Federal Student Aid (studentaid.gov) e richiama l’elenco “My Loan Servicers”. Se il nome del servicer è preceduto da “DEPT OF ED”, quel prestito è detenuto dal governo federale.

Secondo le ultime statistiche del dipartimento, 10,7 milioni di persone hanno prestiti FFEL e Perkins in sospeso. Più di 5 milioni di questi prestiti sono detenuti dal Dipartimento dell’Istruzione.

Dei restanti prestiti privati ​​ma garantiti a livello federale, solo una parte dei mutuatari soddisferebbe i limiti di reddito per il condono totale del prestito. Una fonte dell’amministrazione ha detto alla National Public Radio che circa 800.000 persone sarebbero state interessate dal cambiamento nella politica in materia di prestiti consolidati.

Il cambiamento è stato riportato lo stesso giorno in cui sei stati del sud controllati dai repubblicani hanno bloccato la remissione generale del debito, sostenendo che l’amministrazione non aveva l’autorità per cancellare i saldi dei prestiti studenteschi. La causa sostiene che il sollievo danneggerà gli stati perché operano o investono in istituti di credito che concedono prestiti agli studenti.

Tagliando la possibilità di qualificarsi per il perdono consolidando FFEL privati, prestiti Perkins e HEAL in un prestito diretto, l’amministrazione sta riducendo la perdita di guadagni futuri dei prestatori e delle società di assistenza. Ciò non porrà fine alla causa degli stati, tuttavia, oa una precedente sfida presentata dalla Pacific Legal Foundation, che si descrive come uno studio legale libertario di interesse pubblico.

Informazioni sul team di giornalismo di utilità del Times

Questo articolo è dell’Utility Journalism Team del Times. La nostra missione è essere essenziali per la vita dei californiani del sud pubblicando informazioni che risolvono problemi, rispondano a domande e aiutino nel processo decisionale. Serviamo il pubblico a Los Angeles e dintorni, inclusi gli attuali abbonati al Times e diverse comunità che storicamente non hanno soddisfatto i loro bisogni grazie alla nostra copertura.

Come possiamo essere utili a te e alla tua comunità? Email utility (at) latimes.com o uno dei nostri giornalisti: Matt Ballinger, Jon Healey, Ada Tseng, Jessica Roy e Karen Garcia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *