Charlotte Ivy Studham è morta a 13 anni

Una ragazza di 13 anni morta improvvisamente per un disturbo epilettico è stata ricordata per il suo sorriso brillante.

La famiglia di Charlotte Ivy Studham ha detto che “ha toccato tutti quelli che ha incontrato con il suo enorme sorriso”.

Charlotte è morta il 3 novembre per sospetta epilessia da morte improvvisa inspiegabile (SUDEP), che è simile alla sindrome della morte improvvisa del lattante.

Era solo timida del suo 14esimo compleanno.

“Charlotte aveva un malvagio senso dell’umorismo e non era indietro nel farsi avanti”, ha scritto sua madre.

“Amava i suoi amici e la sua famiglia e pensava sempre a loro anche quando era al suo peggio. Amava la musica, le bambole, la danza, il disegno, gli animali e i suoi cani!

Alla giovane ballerina è stata diagnosticata l’epilessia all’età di cinque anni, tuttavia è diventata più grave all’età di nove anni quando “le cose sono andate in discesa e ha iniziato ad avere un sacco di convulsioni… più volte al giorno che hanno avuto un impatto su ogni aspetto della sua giovane vita”. .

“Abbiamo trascorso molto tempo dentro e fuori dagli ospedali, così tanti test e indagini che purtroppo non hanno portato a risposte chiare”, ha aggiunto sua madre.

“Ma ha preso tutto con calma e non ha mai lasciato che questo la fermasse.

“Stiamo portando consapevolezza a questo lato straziante dell’epilessia poiché da allora abbiamo scoperto che molte persone non ne sapevano nulla”.

La sua famiglia ha creato un GoFundMe per raccogliere fondi per un ente di beneficenza “per sostenere gli altri nella comunità”.

“Chi la conosceva sa che era più grande della vita e ha sempre amato aiutare gli altri dove poteva, quindi in questo momento estremamente difficile vorrei offrire a coloro il cui cuore è stato toccato da Charlotte e vogliono aiutare la nostra famiglia ma non sono sicuro di come , Ho organizzato questa raccolta fondi invece di regalare fiori, per favore, fai una donazione alla pagina di Charlotte”, ha detto sua sorella.

Charlotte è stata anche onorata da familiari e amici online.

“Ti amo così tanto Char Char, mi hai spezzato”, ha scritto suo padre su Facebook il giorno dopo la sua morte.

“Hai illuminato una stanza nel momento in cui sei entrato con la tua sfacciataggine, grande personalità e danza (mostrandomi sempre un nuovo ballo)”, ha scritto la sua madrina.

“Eri la ragazzina più dura che conosca e hai superato ogni difficile ostacolo nel tuo cammino e avevi ancora quel bel sorriso sul viso, qualunque cosa accada.

“Vorrei poterti stringere un po’ più forte e baciarti la testa molto più di quanto ho fatto la scorsa settimana quando ti ho detto addio.

“È stato un vero onore essere la tua madrina e non passerà giorno in cui non penserò a te e il mio cuore non farà male che tu sia stata presa così presto.”

Originariamente pubblicato come Ragazza, 13 anni, muore improvvisamente per la sindrome dell’epilessia

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *