Divieto di “Joyland”: il Pakistan blocca l’uscita nazionale del film che descrive la storia della liberazione sessuale


Islamabad, Pakistan
Cnn

Il governo pakistano ha bloccato l’uscita nazionale di “Joyland”, il primo film pakistano proiettato al Festival di Cannes, solo una settimana prima che uscisse nelle sale del paese dell’Asia meridionale.

“Joyland” racconta una storia d’amore tra il figlio più giovane di “una famiglia unita felicemente patriarcale” e una stellina transgender che incontra dopo essersi unito segretamente a un teatro di danza erotico, secondo una sinossi sul sito web del Festival di Cannes.

Ad agosto, il Central Board of Film Censors (CBFC) del paese ha rilasciato un certificato che consente l’uscita del film, ma venerdì il Ministero dell’informazione e della radiodiffusione del Pakistan ha emesso un avviso dicendo che ora era “non certificato”.

L’avviso ufficiale affermava che erano state ricevute denunce secondo cui il film conteneva “materiale altamente discutibile” che non è conforme ai “valori sociali scritti e agli standard morali della nostra società”.

il l’avviso del ministero afferma che i cinema che ricadono sotto la giurisdizione della CBFC non possono proiettare il film.

“Joyland” ha vinto il premio della giuria Un Certain Regard e il Queer Palm non ufficiale a Cannes a maggio. È stato quindi presentato agli Oscar come voce ufficiale del Pakistan per il premio internazionale per i lungometraggi. Tuttavia, deve essere nelle sale per almeno sette giorni prima del 30 novembre per rimanere in lizza per i premi.

Nonostante sia stato bandito dall’uscita in Pakistan, “Joyland” potrebbe comunque rientrare in questa categoria se “viene proiettato al di fuori degli Stati Uniti e dei suoi territori per almeno sette giorni consecutivi in ​​una sala cinematografica commerciale a pagamento”, secondo il regole ufficiali dell’Accademia.

Martedì, uno stretto collaboratore del primo ministro pakistano twittato che un “comitato di alto livello” stava valutando le denunce contro Joyland e rivedendo il suo divieto.

“Il comitato valuterà le denunce così come i meriti per decidere sul suo rilascio in Pakistan”, ha detto il consigliere Salman Sufi.

La revisione arriva dopo che la Commissione per i diritti umani del Pakistan ha rilasciato a dichiarazioni domenica, condannando il ritiro della certificazione da parte del governo per “Joyland” come “rabbiosamente transfobico” e una violazione del diritto alla libertà di espressione dei produttori cinematografici.

“Il pubblico pakistano ha il diritto di decidere cosa guardare”, afferma la dichiarazione.

Saim Sadiq, il regista del film, ha sostenuto in un post su Instagram che l’annullamento del ministero era “assolutamente incostituzionale e illegale” e li ha esortati a riconsiderare.

“Restituisci il diritto dei nostri cittadini di poter guardare il film che ha reso orgoglioso il cinema del loro paese in tutto il mondo”, ha scritto Sadiq.

“Il nostro film è stato visto e certificato da tutti e tre i comitati di censura nell’agosto 2022. Il 18° emendamento della costituzione pakistana conferisce a tutte le province l’autonomia di prendere le proprie decisioni. Eppure il ministero ha improvvisamente ceduto sotto la pressione di alcune fazioni estremiste – che non hanno visto il film – e si è preso gioco del nostro consiglio di censura federale rendendo la loro decisione irrilevante”.

Il divieto ha scatenato una protesta pubblica e una campagna sui social media utilizzando l’hashtag #releasejoyland.

Rasti Farooq, una delle attrici del film, ha postato su Instagram sostenendo gli sforzi per farlo uscire.

“Sostengo il mio film e tutto ciò che dice, con ogni fibra del mio essere”, ha detto Farooq.

Anche l’attore pakistano Humayun Saeed, che recita nella quinta stagione della serie Netflix “The Crown”, è intervenuto.

“Joyland ha reso orgoglioso il Pakistan diventando il primo film dell’Asia meridionale a vincere il premio della giuria al Festival di Cannes. È una storia della nostra gente raccontata dalla nostra gente per la nostra gente. Sperando che sia reso accessibile proprio a queste persone #ReleaseJoyland”, ha twittato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *