I Clippers organizzano un grande rally ma non riescono a finirlo, cadono a Dallas

Una potenziale vittoria in rimonta dei Clippers è stata così allettante martedì sera, un tiro libero mancato intenzionalmente vicino, un rimbalzo sbagliato vicino.

Ma alla fine, la chiusura non è stata abbastanza buona per i Clippers, una sconfitta per 103-101 contro i Dallas Mavericks che ha lasciato la squadra in agonia a causa di quanto fosse vicino a succedere. La squadra era rimontata da 25 punti in meno per prendere il comando nel quarto trimestre, solo per non essere all’altezza.

“Questo è quello che abbiamo fatto negli ultimi tre anni”, ha detto l’allenatore dei Clippers Tyronn Lue della sua squadra che gareggia e torna in partita. “Non abbiamo iniziato la partita particolarmente bene in attacco o in difesa e siamo rimasti indietro. E quando rimani indietro di così tanti punti, è difficile provare a recuperare e poi ti esaurisci”.

Nicolas Batum era stato l’uomo del momento per i Clippers, abbattendo tre punti dopo tre punti, andando sette su sette dalla lunga distanza per diventare l’unico giocatore nella storia della franchigia a finire una partita perfetta da oltre l’arco da tre punti con tanti tentativi.

Batum è passato sulla linea di tiro libero per due tiri con 4,2 secondi rimasti ei Clippers sotto 103-100.

Ha effettuato il primo tiro libero ma ha mancato di proposito il secondo.

Lue ha detto che voleva eseguire il gioco del “tiro libero X” dei Clippers, che si è rivelato essere Batum che mancava il tiro libero sul lato destro del cerchio.

La pallacanestro è rimbalzata ed è finita nelle mani dell’attaccante dei Clippers Robert Covington. Ma mentre cercava di impossessarsi della palla, l’ha persa fuori limite.

“Ho subito un fallo in quella giocata”, ha detto Covington. “Semplice come quella.”

E questo è stato per i Clippers.

Sono rimasti a scuotere la testa per il tiro sbilanciato realizzato dalla stella dei Mavericks Luka Doncic mentre il cronometro dei 24 secondi si stava esaurendo verso la fine del quarto quarto. Doncic aveva impedito alla palla di uscire dal campo e aveva lanciato una tripla da 29 piedi, mettendo la palla in rete per un vantaggio di Dallas per 102-98 a 27,6 secondi dalla fine.

L’attaccante dei Clippers Robert Covington tiene la palla lontana dall’attaccante dei Mavericks Maxi Kleber (42) martedì sera a Dallas.

(LM Otero/Associated Press)

Quel tiro ha dato a Doncic 35 punti da abbinare a 11 rimbalzi.

È stato essenzialmente il backbreaker per i Clippers, che in realtà hanno preso un vantaggio di cinque punti nel quarto quarto dopo essere rimasti indietro di 25 alla fine del primo tempo.

“Tornare e prendere il comando contro una buona squadra come questa parla solo del nostro carattere e di ciò che stiamo cercando di costruire qui”, ha detto Lue. “Quindi, come ho detto, hanno ottenuto la vittoria, ma abbiamo continuato a competere. Quindi, mi piace vederlo.”

Già senza Kawhi Leonard ancora una volta a causa della sua gestione del ginocchio destro, i Clippers hanno perso la guardia titolare Luke Kennard a causa di uno stiramento al polpaccio destro.

Kennard è stato fischiato per un fallo all’inizio del primo quarto e sembrava essere a disagio, tornando zoppicando alla panchina dei Clippers a circa nove minuti dalla fine. Alla fine si tolse la maglia e tornò negli spogliatoi.

I Clippers hanno recuperato il playmaker di riserva John Wall, che ha mancato la vittoria per 122-106 della squadra lunedì sera a Houston per la gestione del ginocchio sinistro, ma le cose sono peggiorate ancora per i Clippers dopo che Kennard si è infortunato.

Wall è stato forte dalla panchina, chiudendo con 17 punti, sei rimbalzi e quattro assist. Paul George ha tentato solo quattro tiri nel primo tempo, realizzandone due, e non è stato abbastanza per una squadra di Clippers bisognosa di attacco.

George ha affrontato doppiette per tutta la partita, i Mavericks (8-5) lo hanno limitato a 13 tentativi dal campo. Ne ha segnati sette e ha chiuso con 23 punti, sette rimbalzi e sei assist.

I Clippers (8-7) sono caduti in un buco di 15 punti nel primo quarto che è cresciuto in un deficit di 54-29 alla fine del secondo quarto, costringendoli a provare a recuperare. I Clippers hanno tirato solo il 34,4% dal campo nel primo tempo e hanno girato la palla 12 volte.

Hanno superato i Mavericks 33-15 nel terzo quarto per tornare in partita.

“Mi piacerebbe vincere stasera”, ha detto Batum, che aveva 22 punti. “Ma non puoi metterti in quella posizione. So che è contro una buona squadra con un grande giocatore. Può essere difficile in trasferta cercare di produrre una vittoria. Ci siamo quasi riusciti. L’ho quasi tirato fuori. Ma dobbiamo iniziare meglio. Devi [do] un lavoro migliore di [that] e non essere giù di 25 sulla strada “.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *