Investimenti esteri approvati in calo nel terzo trimestre

Le approvazioni di investimenti esteri sono diminuite drasticamente nel terzo trimestre, ma il conteggio complessivo ha visto ancora un’impennata a causa degli impegni locali, ha riferito martedì l’autorità statistica filippina (PSA).

A P13,05 miliardi, gli impegni per investimenti esteri approvati dal Board of Investments (BoI), Clark Development Corp., Philippine Economic Zone Authority (PEZA) e Subic Bay Metropolitan Authority (SBMA) sono stati inferiori del 22,4% rispetto al P16,82 miliardi l’anno prima.

Nessuna approvazione di investimenti stranieri è stata segnalata dall’Autorità dell’area del porto franco di Bataan, Regione autonoma BoI-Bangsamoro nel Mindanao musulmano, Autorità della zona economica di Cagayan, Poro Point Management Corp e Autorità della zona economica delle infrastrutture turistiche per lo stesso periodo di quest’anno e nel 2021 , ha osservato il PSA.

La maggior parte degli impegni di investimento esteri approvati proveniva dal Giappone (34,5%), dalla Corea del Sud (15,5%) e da Singapore (12,6%).

“Il Giappone ha impegnato P4,50 miliardi mentre la Corea del Sud e Singapore hanno promesso rispettivamente P2,02 miliardi e P1,64 miliardi”, ha affermato il PSA.

Ricevi le ultime notizie


consegnato nella tua casella di posta

Iscriviti alla newsletter quotidiana di The Manila Times

Registrandomi con un indirizzo e-mail, riconosco di aver letto e accettato i Termini di servizio e l’Informativa sulla privacy.

Per settore, il settore manifatturiero ha ottenuto i più alti impegni di investimento estero a 7,2 miliardi di sterline (55,2% del totale). I servizi amministrativi e di supporto e le attività immobiliari sono seguiti rispettivamente a P3,38 miliardi, o 25,9%, e P1,35 miliardi, o 10,3%.

Per regione, Calabarzon (Cavite, Laguna, Batangas, Rizal e Quezon) riceverà 6,60 miliardi di sterline, ovvero il 50,6% delle approvazioni di investimenti esteri del trimestre. Central Luzon è arrivata seconda con P3,02 miliardi (23,1%) e la National Capital Region è stata terza con P2,24 miliardi (17,1%).

Le approvazioni complessive aumentano

Contando gli impegni presi dai filippini, tuttavia, le approvazioni totali degli investimenti sono state superiori del 58,4% a P159,18 miliardi per il trimestre rispetto ai P100,48 miliardi dello scorso anno.

Il BoI ha rappresentato la maggior parte delle approvazioni di investimenti a P132,31 miliardi, o 83,1%, seguito da PEZA (P17,14 miliardi, o 10,8%) e SBMA (P7,43 miliardi, o 4,7%).

Il settore della fornitura di elettricità, gas, vapore e aria condizionata ha conquistato quasi l’80% delle approvazioni di investimenti complessivi, ovvero 125,98 miliardi di sterline. Le attività immobiliari sono state di gran lunga seconde a P13,09 miliardi (8,2%) con la produzione che ha completato le prime tre posizioni a P10,78 miliardi (6,8%).

La maggior parte degli investimenti era destinata a Luzon (56,1% del totale), con le regioni Bicol e Central Luzon che rappresentavano rispettivamente P56,3 miliardi e P16,5 miliardi. I Visayas hanno preso una quota del 35,9 percento, con P53,28 miliardi andati solo ai Visayas orientali.

“Si prevede che i progetti approvati totali di investitori stranieri e filippini nel terzo trimestre del 2022 genereranno 28.139 [jobs in terms of] occupazione”, ha detto il PSA.

“Sull’occupazione totale prevista per il periodo, i progetti approvati con interesse estero avrebbero generato 17.994 [jobs]… sulla base dei rapporti delle IPA (agenzie di promozione degli investimenti)”, ha aggiunto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *