La controversa politica di frontiera del titolo 42 lasciata libera dal giudice federale

Migranti camminano lungo la riva dopo aver attraversato il fiume Rio Grande a Eagle Pass, in Texas, a maggio.

(Dario Lopez-Mills / Associated Press)

Un giudice federale di Washington, DC, ha liberato una controversa politica di frontiera nota come Titolo 42, una legge sulla salute pubblica invocata durante la pandemia che consentiva agli agenti di frontiera di respingere rapidamente i migranti.

La politica è stata messa in atto dall’amministrazione Trump nel 2020. L’amministrazione Biden ha continuato a utilizzare il titolo 42 prima di tentare di liquidarlo in primavera, uno sforzo che è stato bloccato in tribunale.

Martedì, il giudice statunitense Emmet Sullivan ha lasciato la politica, definendola “arbitraria e capricciosa”. Sullivan ha lasciato libero l’uso della polizza e di tutti i promemoria ad essa associati.

“Si spera che la sentenza metta fine a questo vergognoso periodo di uso improprio delle leggi sulla salute pubblica per impedire ai richiedenti asilo disperati persino di ottenere un’udienza”, ha affermato Lee Gelernt, l’avvocato dell’ACLU che ha condotto il caso contro la politica presso il tribunale federale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *