Le azioni statunitensi scivolano mentre i dati sulle vendite al dettaglio superano le previsioni

Le azioni statunitensi sono scese mercoledì mentre gli investitori hanno digerito dati sulle vendite al dettaglio più caldi del previsto e un rallentamento della crescita della produzione manifatturiera nella più grande economia mondiale.

Il benchmark di Wall Street, l’S&P 500, è sceso dello 0,7% nel primo pomeriggio e il Nasdaq Composite, ad alto contenuto tecnologico, ha ceduto l’1,3%. L’indice del dollaro, che replica la valuta rispetto a sei dei suoi pari, è sceso dello 0,1% e ora è sceso del 4,7% a novembre.

I dati di mercoledì hanno mostrato che le vendite al dettaglio negli Stati Uniti sono aumentate più del previsto in ottobre, aumentando dell’1,3%, dopo essersi stabilizzate a settembre. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento dell’1%.

I dati sulle vendite sono arrivati ​​dopo che il grande magazzino Target ha avvertito dell’indebolimento della domanda dei consumatori e ha annunciato un piano di taglio dei costi multimiliardario, facendo scendere le sue azioni di oltre il 12%.

“La diminuzione dei risparmi e l’aumento dell’uso del credito stanno mantenendo il consumatore sostenuto in questo momento”, ha affermato Shelby McFaddin, analista di Motley Fool Asset Management. Il debito totale delle famiglie è aumentato del 2,2% a 16,5 trilioni di dollari nel terzo trimestre, secondo i dati della Federal Reserve Bank di New York.

Un’altra serie di dati pubblicati mercoledì ha mostrato che la produzione manifatturiera statunitense è aumentata dello 0,1% in ottobre, leggermente inferiore all’aumento dello 0,2% previsto dagli economisti. La produzione industriale statunitense, che include la produzione mineraria e dei servizi pubblici oltre alla produzione manifatturiera, è diminuita dello 0,1%. Gli economisti avevano previsto un aumento dello 0,2 per cento.

Le cifre suggerivano che la produzione statunitense stesse “lentamente soccombendo al malessere globale”, ha affermato Paul Ashworth, capo economista del Nord America presso Capital Economics.

Nei mercati dei titoli di Stato, il rendimento del buono del Tesoro a due anni, particolarmente sensibile ai tassi di interesse, è salito di 0,01 punti percentuali al 4,37%. Il rendimento della nota statunitense a 10 anni di riferimento è sceso da 0,07 punti percentuali al 3,72%. I rendimenti diminuiscono quando i prezzi salgono.

Le azioni statunitensi sono salite nella sessione precedente, consolidando forti guadagni alla fine della scorsa settimana, dopo che un rapporto di martedì ha mostrato che i prezzi alla fabbrica sono aumentati dello 0,2% in ottobre rispetto a settembre, meno dell’aumento dello 0,4% previsto dagli economisti intervistati da Bloomberg.

Dall’altra parte dell’Atlantico, lo Stoxx Europe 600 regionale è sceso dell’1%. Il FTSE di Londra ha perso lo 0,3% dopo che nuovi dati hanno mostrato che l’inflazione nel Regno Unito è aumentata all’11,1% il mese scorso, dal 10,1% di settembre. L’inflazione core, che esclude la volatilità dei prezzi alimentari ed energetici, è rimasta stabile al 6,5% in ottobre, lo stesso tasso di settembre.

“Sembra che l’inflazione nel Regno Unito sia al suo apice”, ha affermato James Smith, economista di ING.

“Il fatto che il governo stia effettivamente riparando l’elettricità [and] i prezzi unitari del gas al di sotto dei costi all’ingrosso fino al prossimo aprile significa che questo è probabilmente il più alto possibile, anche se ammettiamolo ci aspettiamo che i tassi principali rimangano a due cifre almeno fino a febbraio del prossimo anno “, ha aggiunto Smith.

Le azioni asiatiche sono scese mercoledì dopo aver realizzato forti guadagni all’inizio di questa settimana, poiché le tensioni geopolitiche in Europa e l’aumento dei casi di Covid-19 in Cina hanno colpito i mercati.

L’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,5%, il CSI 300 cinese è sceso dello 0,8% e il Kospi della Corea del Sud è sceso dello 0,1%. Il Topix giapponese è stato poco cambiato.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *