Mondiali 2022: scommesse, Cristiano Ronaldo, porno e carne di maiale, comanda il Qatar

La Coppa del Mondo del Qatar promette divertimento, ma senza piacere.

I fan che viaggiano per assistere al campionato mondiale di calcio sono stati avvertiti di non portare una serie di articoli che, secondo quanto riferito, sono vietati in Qatar, sede della Coppa del Mondo del 2022.

Coloro che vengono sorpresi con uno qualsiasi degli oggetti proibiti rischiano il carcere, secondo un promemoria ufficiale.

“L’importazione di droghe, alcol, pornografia, prodotti a base di carne di maiale e libri e materiale religioso in Qatar è illegale”, si legge sul sito web del governo britannico Foreign Travel Advice.

La birra, si fa notare, sarà servita in luoghi designati, anche all’interno degli stadi durante le partite, ma vietata altrove.

“Imprecare e fare gesti maleducati sono considerati atti osceni e i trasgressori possono essere incarcerati e/o deportati”, continua il sito. “Fai particolare attenzione quando hai a che fare con la polizia e altri funzionari”.

Il sito prosegue elencando diverse precauzioni per i visitatori, come astenersi da manifestazioni pubbliche di intimità, e offre consigli su come vestirsi secondo il codice islamico.

“Dovresti vestirti con modestia quando sei in pubblico, anche mentre guidi. Le donne devono coprirsi le spalle ed evitare di indossare gonne corte”, indica il sito web.

L’elenco degli articoli vietati fa notizia mentre le polemiche continuano a turbinare intorno alla decisione di rendere il Qatar il paese ospitante della Coppa del Mondo. Il torneo, che storicamente si svolge ogni quattro anni tra maggio, giugno e luglio, ha dovuto essere spostato a novembre 2022 a causa del clima estremamente caldo del Qatar. Oltre alle dure condizioni di gioco, i fan hanno anche criticato la posizione dello stato del Golfo Persico sull’omosessualità e le diritti, accusando gli organizzatori di anteporre il profitto alle persone. Pochi giorni fa, un ambasciatore della Coppa del Mondo in Qatar ha dichiarato alla rete televisiva tedesca ZDF che l’omosessualità è “un danno mentale”.

Originariamente pubblicato dal NY POST

L’attaccante del Brentford Ivan Toney rischia una lunga squalifica dopo essere stato incriminato dalla Federcalcio inglese per 232 presunte violazioni delle regole sulle scommesse in un periodo di quattro anni.

La notizia arriva pochi giorni dopo che l’attaccante del Brentford ha perso la squadra di 26 uomini della Coppa del Mondo inglese di Gareth Southgate.

Toney, 26 anni, ha ammesso la scorsa settimana che stava assistendo la FA con le sue indagini sulla storica violazione delle regole del gioco d’azzardo.

Le presunte violazioni vanno dal 2017, quando Toney era sui libri contabili del Newcastle, al 2021, dopo che si era unito al Brentford da Peterborough.

In una dichiarazione la FA ha dichiarato: “Ivan Toney è stato accusato di cattiva condotta in relazione a presunte violazioni delle regole sulle scommesse della FA.

“Si presume che l’attaccante del Brentford FC abbia violato la regola E8 della FA 232 volte tra il 25 febbraio 2017 e il 23 gennaio 2021”.

Le regole vietano ai giocatori di scommettere su qualsiasi partita di calcio, anche partite in cui non sono coinvolti.

Il terzino destro dell’Inghilterra Kieran Trippier è stato squalificato per 10 settimane dalla FA nel dicembre 2020 per aver fornito informazioni ad altri per scommettere sul suo trasferimento dal Tottenham all’Atletico Madrid.

Toney era stato convocato alla recente Nations League inglese a settembre, ma è stato omesso quando Gareth Southgate ha convocato il suo gruppo itinerante in Qatar.

Ha risposto segnando due volte in una vittoria shock per 2-1 per i Bees sul Manchester City sabato.

“Il club ha discusso con Ivan e i suoi rappresentanti legali su questa questione e quelle conversazioni continueranno in privato”, ha detto Brentford in una nota.

“Non faremo ulteriori commenti fino a quando la questione non sarà stata completata”.

Quando la notizia dell’indagine della FA è emersa il 6 novembre, Toney ha scritto su Twitter: “Sono a conoscenza di una storia su di me su un quotidiano nazionale oggi.

“Ho assistito la Federcalcio nelle loro indagini e non rilascerò alcun commento fino a quando tale indagine non sarà giunta a conclusione”.

I PIÙ CONTROVERSI DEI MONDIALI

Di Joe Barton

Incontra il calciatore più controverso ai Mondiali del Qatar.

Ed è il più lontano possibile dall’audace dichiarazione pre-torneo dei Socceroos che parla delle preoccupazioni per i diritti umani in Qatar.

Mehdri Torabi è la star iraniana filo-regime che ha preso posizione contro i suoi compagni di squadra su un tema che ha diviso la sua nazione.

Anche in una Coppa del Mondo in cui il trattamento della nazione ospitante nei confronti dei lavoratori migranti e il vergognoso trattamento delle relazioni omosessuali hanno dominato la copertura, l’ala iraniana potrebbe ancora distinguersi.

L’Iran sta prendendo il suo posto nella Coppa del Mondo in un contesto politicamente ancora più carico persino della nazione ospitante il Qatar: è un paese e una squadra, diviso per la scioccante morte della 22enne Masha Amini mentre era in custodia di polizia dopo essere stata arrestato dalla polizia morale per “abbigliamento inadatto”.

La morte di Amini ha scatenato proteste in tutto il mondo, con centinaia di persone già morte nei disordini, e tragicamente fa da sfondo a una campagna di Coppa del Mondo apparentemente condannata per l’Iran.

Incredibilmente, più di tre quarti del parlamento iraniano ha chiesto la pena di morte per le migliaia di iraniani che sono stati arrestati durante le proteste seguite all’omicidio di Amini.

L’Iran ha ritardato la scelta della squadra mentre infuriava il dibattito sulla scelta dell’attaccante Sardar Azmoun, con l’allenatore Carlos Quieroz che ha sfidato le pressioni del governo per scegliere la stella del Bayer Leverkusen.

Azmoun aveva ignorato le istruzioni della federazione iraniana, che aveva vietato alle sue star di parlare della morte scioccante, pubblicando messaggi di sostegno per le proteste ai suoi 5,1 milioni di follower su Instagram.

Ma la vera causa della divisione all’interno della squadra – e forse la figura più controversa del torneo – potrebbe facilmente essere il compagno di squadra di Azmoun, Torabi.

A ottobre, Torabi ha suscitato polemiche quando è stato l’unico giocatore del Persepolis a rifiutarsi di indossare un braccialetto nero a sostegno dei manifestanti.

Il 28enne ha una storia di dichiarazioni politiche e nel 2019, durante una precedente repressione dei manifestanti, si è alzato la maglietta come parte di una celebrazione del gol per rivelare il messaggio: “L’unico modo per salvare il Paese è obbedire il capo.”

I giocatori iraniani saranno attentamente monitorati per eventuali indizi che sostengano i manifestanti – o meno – questo torneo, ma Quieroz ha affermato che i giocatori hanno “il diritto di esprimersi”.

“Voi ragazzi siete abituati a piegare le ginocchia durante le partite. Alcune persone sono d’accordo, alcune persone non sono d’accordo con questo. E l’Iran è esattamente lo stesso”, ha detto Quieroz.

“È fuori discussione pensare che la nazionale iraniana soffra di problemi del genere. I giocatori hanno solo una cosa in mente, ovvero lottare per il loro sogno di arrivare al secondo turno”.

Lunedì l’Iran apre la Coppa del Mondo contro l’Inghilterra.

RONALDO IN PANCHINA

L’attaccante del Portogallo Cristiano Ronaldo soffre di un mal di stomaco e sarà escluso dall’amichevole di riscaldamento della Coppa del Mondo di giovedì contro la Nigeria, secondo il suo allenatore Fernando Santos.

Ronaldo ha rilasciato un’intervista esplosiva allo show di Piers Morgan su TalkTV questa settimana in cui ha criticato il Manchester United e ha detto di non avere rispetto per l’allenatore Erik ten Hag, che non ha fatto molto affidamento su di lui in questa stagione.

L’attaccante, 37 anni, cinque volte Pallone d’Oro, mercoledì non si allenerà a causa del malore, iniziato tra le polemiche causate dalla sua intervista.

“Soffre di gastroenterite e non si allenerà oggi per questo motivo”, ha detto Santos in una conferenza stampa a Lisbona.

“Non sarà pronto (per affrontare la Nigeria), sta riposando, come sai, la gastrite toglie molto ai giocatori”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *