Regolamentazione Light Touch: l’industria delle trasmissioni sollecita una politica di regolamentazione Light Touch per incoraggiare nuove aree

L’industria radiotelevisiva ha suggerito al governo di adottare un “regolamento leggero” per il settore, che incoraggerà aree nuove e in crescita come gli OTT. L’industria si aspetta “un supporto tempestivo da parte dei responsabili politici e delle autorità di regolamentazione” nell’attuale contesto difficile su questioni come la pirateria, il nuovo ordine tariffario (NTO) e la chiarezza normativa sull’industria del gioco, ha affermato K Madhavan, presidente del Comitato nazionale CII per i media e l’intrattenimento.

Madhavan, che è anche Country Manager e Presidente di Disney Star, ha affermato che l’industria sta cercando il supporto del ministero dell’I&B per una politica di trasmissione nazionale completa, che copra il Cable Television Network Act.

Lo streaming è un settore in rapida crescita in India poiché fattori come i bassi prezzi dei dati, la banda larga wireless e la crescente penetrazione degli smartphone sono stati i catalizzatori di questa crescita fenomenale, ha aggiunto.

“Si prevede che questo segmento continuerà a registrare una forte crescita a due cifre. È anche importante menzionare qui che il lancio dei servizi 5G gli fornirà un ulteriore impulso… L’industria vorrebbe vedere una regolamentazione leggera. Incoraggerà , in particolare nelle aree più nuove e in crescita come OTT, innovazione e investimenti”, ha affermato durante un discorso al CII Big Picture Event.

Una regolamentazione leggera, che generalmente implica che tutte le licenze, le regole, i regolamenti, le esenzioni esistenti ecc. continueranno, è “critica” per la continua innovazione e gli investimenti nelle attività di streaming, ha aggiunto Madhvan.

L’industria dei media deve tenere costantemente il passo con l’ambiente in evoluzione poiché i consumatori, la tecnologia e il comportamento di consumo stanno cambiando.

“Dobbiamo sfidare lo status quo e mettere in discussione le nostre vecchie formule di successo. Dobbiamo riconoscere e affrontare ciò che il pubblico giovane sta cercando. Il digitale è uno stile di vita per loro”, ha affermato, aggiungendo che trascorrono più ore in il mondo virtuale, totalmente consumato da prodotti digitali come streaming e giochi.

Secondo Madhavan, anche il pubblico giovane ora viene coinvolto nei mondi fisici e virtuali di Metaverse, che ha “un immenso potenziale” per essere innovativo con esperienze uniche.

“Come Paese, dovremmo essere pronti ad affrontare tutte le sfide future e cogliere le opportunità offerte dal nostro settore per rendere l’India il centro creativo del mondo”, ha aggiunto.

Ha anche evidenziato il potenziale del settore dell’animazione, degli effetti visivi, dei giochi e dei fumetti (AVGC), che ora è diventato un’industria da 800 miliardi di dollari a livello globale.

L’India, pur avendo una forza di talento disponibile nel paese, non ha nemmeno una quota dell’uno per cento nel settore AVGC.

“Questo può essere un altro settore simile all’IT e possiamo sicuramente mirare a una quota di mercato del 5% tra 5 anni. Si tratta di circa 40 miliardi di dollari e con un potenziale per creare 1,6 lakh di posti di lavoro”, ha aggiunto.

Ha anche cercato chiarezza normativa per il settore dei giochi, che è un altro segmento ad alta crescita.

Madhavan ha anche sollevato la questione della pirateria, che è “dilagante” e l’industria sta soffrendo e ha cercato una protezione della proprietà intellettuale e misure antipirateria più rigorose e di supporto.

“Con il giusto supporto da parte dei responsabili politici e delle autorità di regolamentazione, sono fiducioso che con le opportunità davanti a noi, il nostro settore possa raggiungere l’ambizione di 100 miliardi di dollari nel più breve tempo possibile”, ha aggiunto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *