Il meteorite caduto sulla Gran Bretagna ha indizi su come si è formata la vita sulla Terra, dicono gli esperti

Il meteorite caduto sulla Gran Bretagna ha indizi su come si è formata la vita sulla Terra, dicono gli esperti

  • Un’analisi della roccia spaziale ha rivelato che contiene l’11% di acqua e il 2% di carbonio
  • Gli esperti affermano che la scoperta di asteroidi spettacolo ha svolto un ruolo chiave nel dare il via agli oceani e alla vita
  • Il meteorite ha detto di fornire “informazioni su come la Terra è arrivata ad avere acqua”

Un meteorite caduto nel Regno Unito lo scorso anno contiene informazioni chiave su come gli oceani e la vita si sono formati sulla Terra, hanno detto gli scienziati.

Un’analisi della roccia spaziale, caduta su Winchcombe, nel Gloucestershire, ha rivelato che contiene l’11% di acqua e il 2% di carbonio.

Gli esperti hanno affermato che le loro scoperte, pubblicate su Science Advances, mostrano che gli asteroidi hanno svolto un ruolo chiave nel “fornire gli ingredienti necessari per dare il via agli oceani e alla vita”.

Il dott. Luke Daly, dell’Università di Glasgow, ha affermato che forniscono “informazioni su come la Terra sia arrivata ad avere l’acqua, la fonte di così tanta vita”.

Il meteorite è caduto sulla terra in una palla di fuoco vista da tutto il Regno Unito, monitorata dalle telecamere del campanello, atterrando infine nella città di Winchcombe nel Cotswold a febbraio

Ha detto: ‘Una delle più grandi domande poste alla comunità scientifica è come siamo arrivati ​​qui?

“Questa analisi sul meteorite di Winchcombe fornisce informazioni su come la Terra sia arrivata ad avere l’acqua, la fonte di così tanta vita”.

“I ricercatori continueranno a lavorare su questo esemplare per gli anni a venire, svelando altri segreti sulle origini del nostro sistema solare.”

Il meteorite di Winchcombe appartiene a una rara classe di rocce note come condriti carboniose.

Le condriti carboniose costituiscono circa il 3% di tutti i meteoriti raccolti sulla Terra e si pensa contengano sostanze chimiche inalterate dalla formazione del sistema solare più di quattro miliardi di anni fa.

La dott.ssa Ashley King, del Natural History Museum e autrice dell’articolo, ha affermato che l’analisi offre agli scienziati “uno sguardo allettante indietro nel tempo fino alla composizione originale del sistema solare 4,6 miliardi di anni fa”.

L’analisi del campione di meteorite ha rivelato che l’acqua extraterrestre è, secondo quanto affermano i ricercatori, “rinchiusa in minerali che si sono formati durante le reazioni chimiche tra fluidi e rocce sul suo asteroide genitore nelle prime fasi del sistema solare”.

L’analisi chimica ha rivelato che quest’acqua assomiglia molto alla composizione dell’acqua sulla Terra.

I campioni contenevano anche amminoacidi, molecole che sono uno dei componenti essenziali per l’origine della vita.

I ricercatori hanno affermato che il rapido recupero del meteorite ha permesso agli esperti di analizzarne la composizione mentre era in uno stato incontaminato.

La dott.ssa Natasha Almeida, curatrice di meteoriti presso il Museo di storia naturale e coautrice dell’articolo, ha dichiarato: “Stiamo ancora vacillando per la nostra fortuna di avere una caduta di meteoriti così importante nel Regno Unito, e siamo così grati al comunità locale per le loro donazioni e la rete cosmochimica del Regno Unito per essersi riuniti per produrre questo ampio studio.

“La combinazione di un recupero così rapido, un’accurata raccolta e la nostra continua cura di Winchcombe in un’atmosfera di azoto significa che questo esemplare incredibilmente fresco rimarrà uno dei meteoriti più incontaminati nelle collezioni di tutto il mondo.”

Annuncio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *