Isaac Humphries: “In pratica sto iniziando una nuova vita”, dice l’unico uomo apertamente gay che gioca a basket di alto livello



Cnn

Mentre inizia a discutere della sua sessualità, Isaac Humphries afferma di essere in grado di sollevare 25 anni di peso dalle sue spalle.

Humphries, che gioca per il Melbourne United nella National Basketball League australiana, non aveva mai parlato pubblicamente della sua sessualità per paura che avrebbe avuto un impatto negativo sulla sua carriera.

Ma ora, dice di sentirsi pronto a “vivere la mia vera vita” e diventare l’unico uomo apertamente gay al mondo che gioca a basket di alto livello.

“Per sempre, ho pensato che essere un giocatore di basket professionista e essere gay si escludessero a vicenda e che dovevo nascondere quel lato della mia vita e non mi fosse permesso di essere chi sono veramente”, ha detto Humphries in esclusiva ad Amanda Davies di CNN Sport.

“Sto prendendo la decisione di fare coming out… perché credo di poter essere quello che sono nel mio ambiente e di poter cambiare la traiettoria di come consideriamo l’essere gay nello sport”.

Nel 2013, l’ex giocatore della NBA Jason Collins è diventato il primo atleta apertamente gay in uno dei quattro principali campionati sportivi nordamericani quando ha fatto coming out verso la fine della sua carriera.

Più di recente, Josh Cavallo, che gioca per l’Adelaide United nella A League australiana, è diventato l’unico calciatore di alto livello attualmente apertamente gay quando ha fatto coming out lo scorso anno.

Per quanto riguarda Humphries, dice che venire a patti con la sua sessualità lo ha portato in un luogo “molto oscuro” e “molto solo” prima di sentirsi abbastanza a suo agio da uscire allo scoperto.

“Il mio odio per me stesso, la mia auto-omofobia – tutto in quel regno era molto, molto reale nel mio cervello ed è diventato così oscuro che ho assolutamente pensato di uscire da questo mondo”, aggiunge.

“Non volevo esistere così, non pensavo che mi fosse permesso esistere così nel mio mondo del basket”.

Ma è stato il suo amore per il basket che secondo Humphries gli ha salvato la vita, insieme all’idea di poter aiutare gli altri in una posizione simile.

Mentre dice che la sua squadra del Melbourne United è “così accettante” e che si sente “onorato e privilegiato” di giocare a basket, il centro di sei piedi e 11 pollici indica l’atmosfera rilassata della stanza come una delle barriere per sentirsi a proprio agio come un uomo gay nello sport.

“L’ambiente è molto maschile”, afferma Humphries. “Non è progressista come il resto del mondo. È un po’ indietro nel tempo in quegli spogliatoi. Si parla abbastanza negativamente dell’idea di essere gay.

“È il nostro ambiente di lavoro alla fine della giornata”, aggiunge. “Siamo lì ogni singolo giorno e diventiamo una famiglia. Perché non vorrebbero che i loro familiari si sentissero a proprio agio nel loro ambiente?

Il 24enne Humphries ha sperimentato diversi ambienti sportivi in ​​​​tutto il mondo, in precedenza ha giocato a basket del college NCAA Division 1 per i Kentucky Wildcats prima di stint nella NBA, nella G-League e in Europa.

Humphries, visto affrontare l'Hofstra Pride nel dicembre 2016, ha giocato a basket al college per i Kentucky Wildcats.

È tornato in Australia per giocare per gli Adelaide 36ers nel 2020 e poi ha firmato per Melbourne all’inizio di quest’anno.

Humphries ha trovato la sua forma nelle ultime quattro partite, segnando una media di 16,8 punti, 6,5 rimbalzi e 1,8 stoppate a partita, ma dice che è stato mentre si trovava a Los Angeles l’anno scorso che è stato in grado di sentirsi felice della sua sessualità dopo aver visto membri della comunità LGBTQ+. comunità che vive per la prima volta in un ambiente positivo.

Dice che prendere la decisione di fare coming out ha cambiato la sua vita in modo incommensurabile.

“Mi sono tolto un peso dalle spalle, 25 anni di peso”, afferma Humphries.

“E non è solo un piccolo peso – sono sentimenti e pesi profondamente radicati che ti vengono tolti – è euforico. È una sensazione incredibile non doversi nascondere ogni singolo giorno, non dover fingere, non dover inventare storie e bugie.

“In pratica sto iniziando una nuova vita, è come un compleanno”, aggiunge. “Non posso credere che stia accadendo; da quanto ero buio a adesso è notte e giorno. Sono super grato per questo”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *