Le rimesse più alte sollevano il peso, il mercato azionario

Il peso ha interrotto una serie di perdite di due giorni e martedì anche il mercato azionario è salito al massimo di quasi due mesi, sostenuto da un aumento del denaro inviato a casa dai filippini che lavorano all’estero.

La valuta ha guadagnato sette centavos per chiudere a P57.21 per dollaro, mentre il benchmark Philippine Stock Exchange (PSEi) ha aggiunto 64,18 punti, o l’1,01%, per chiudere a 6.418,94.

Anche il più ampio All Shares è salito dello 0,81%, o 26,99 punti, a 3.379,58.

L’ultima volta che il PSEi ha chiuso in territorio 6.400 è stato il 20 settembre quando ha toccato 6.448,46.

Michael Ricafort, capo economista di Rizal Commercial Banking Corp., ha affermato che l’apprezzamento del peso è arrivato “dopo che la continua crescita dei dati sulle rimesse OFW (lavoratori filippini all’estero) ha raggiunto livelli record su base mensile che potrebbero aiutare a sostenere il tasso di cambio del peso con più Stati Uniti afflussi strutturali in dollari e aiutano anche a sostenere la spesa dei consumatori”.

Ricevi le ultime notizie


consegnato nella tua casella di posta

Iscriviti alla newsletter quotidiana di The Manila Times

Registrandomi con un indirizzo e-mail, riconosco di aver letto e accettato i Termini di servizio e l’Informativa sulla privacy.

Ha anche etichettato le rimesse per quanto riguarda il guadagno del PSEi, affermando che la crescita “potrebbe sostenere la spesa dei consumatori, che rappresenta almeno il 73% dell’economia e [is] anche un punto luminoso per l’economia.”

Le rimesse personali degli OFW hanno raggiunto i 3,15 miliardi di dollari a settembre, rispettivamente in aumento del 4,0% e del 4,6%, rispetto ai 3,03 miliardi di dollari dell’anno precedente e ai 3,01 miliardi di agosto.

“Il peso si è apprezzato anche dopo l’ultimo allentamento dei prezzi globali del greggio ai nuovi minimi di due settimane dopo che l’OPEC (Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio) ha ridotto la sua stima per la domanda globale di greggio”, ha aggiunto Ricafort.

Le negoziazioni sono state aperte a P57.3 e sono andate da P57.2 a P57.47 per la giornata. Il volume totale ha raggiunto i 766,9 milioni di dollari, rispetto ai 720,63 milioni di dollari della sessione precedente.

Claire Alviar, ricercatrice associata presso Philstocks Financial Inc., nel frattempo, ha affermato che gli acquisti esteri netti hanno contribuito a sollevare il mercato azionario. “Questo mese, gli acquisti netti dall’estero sono stati di P4,08 miliardi, con un solo giorno di vendite nette dall’estero a causa del rafforzamento del peso rispetto al dollaro USA finora, scambiato a P57,21. Inoltre, gli stranieri stanno tornando grazie al miglioramento sentimento a casa”, ha detto.

Luis Limlingan, amministratore delegato di Regina Capital Development Corp., ha affermato che gli investitori hanno continuato ad acquistare nel mercato filippino poiché sono rimasti diffidenti nei confronti delle prossime mosse della Federal Reserve (Fed) statunitense.

“I mercati riceveranno maggiori informazioni sull’inflazione martedì (ora degli Stati Uniti) quando verrà rilasciato l’indice dei prezzi alla produzione, una misura dell’inflazione all’ingrosso. Gli investitori studieranno anche i commenti di altri leader della Fed nella speranza di una direzione”, ha aggiunto Limlingan.

Fatta eccezione per l’immobiliare, che ha perso lo 0,59%, tutti gli indici settoriali erano in verde, con le società holding in rialzo dell’1,94%.

Poco più di 725,68 milioni di azioni per un valore di 5,13 miliardi di sterline sono passate di mano.

Gli avanzati hanno nuovamente superato quelli in declino, da 102 a 83, mentre 49 titoli sono rimasti invariati.

CON ED PAOLO SALTING

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *