Leader dell’Asia-Pacifico per affrontare il commercio e la sostenibilità a Bangkok – The Diplomat

La guerra in Ucraina, la grande rivalità di potere in Asia, l’inflazione e la scarsità di cibo ed energia sono all’ordine del giorno mentre i leader si preparano per il terzo incontro consecutivo di questa settimana, un vertice del Pacifico che si svolgerà in una sede altamente sorvegliata in Tailandia capitale.

I leader del forum APEC (Asia-Pacific Economic Cooperation) di 21 membri si incontreranno formalmente in sessioni a porte chiuse venerdì e sabato. Per alcuni, sarà almeno la terza opportunità di colloqui faccia a faccia nelle ultime due settimane, anche se gli Stati Uniti sono rappresentati a Bangkok dal vicepresidente Kamala Harris, che è presente al posto del presidente Joe Biden.

La missione ufficiale dell’APEC è promuovere l’integrazione economica regionale. La maggior parte degli affari condotti avviene a margine del vertice in incontri come un incontro programmato tra il presidente cinese Xi Jinping e il primo ministro giapponese Fumio Kishida.

Le due potenze asiatiche hanno una storia di relazioni tese, un retaggio dell’aggressione giapponese della seconda guerra mondiale aggravata da dispute territoriali e dalla crescente potenza militare della Cina. Un portavoce del ministero degli Esteri cinese, Mao Ning, ha affermato che l’incontro “avrà una grande importanza”.

Xi, Harris e il presidente francese Emmanuel Macron parleranno anche a una conferenza d’affari tenutasi poco prima degli incontri al vertice che sono per lo più chiusi ai media a parte i punti vendita che sponsorizzano l’evento.

Ti piace questo articolo? Clicca qui per iscriverti per l’accesso completo. Solo $ 5 al mese.

Gli incontri dell’APEC si stanno svolgendo nel principale centro congressi del centro di Bangkok, delimitato da alcune strade della zona completamente chiuse al traffico. File di polizia antisommossa facevano la guardia dietro le barricate in un importante incrocio nelle vicinanze, sottolineando la determinazione della Thailandia ospitante a garantire che il vertice non subisse interruzioni.

“La riunione dell’APEC di quest’anno si svolge in un duplice pericolo. Non abbiamo bisogno di ricordare i gravi conflitti di sicurezza che non sanno che aspetto abbia la vittoria. Nel frattempo, il mondo sta osservando l’iperinflazione unita alla recessione, alla rottura della catena di approvvigionamento, alla scarsità e alle calamità climatiche”, ha dichiarato Don Pramudwinai, ministro degli Esteri thailandese, aprendo una riunione dei ministri degli Esteri e del Commercio che stavano lavorando a bozze di dichiarazioni dovute a essere rilasciato dopo il vertice.

Alludendo alla Russia e alla sua recente condanna della sua guerra all’Ucraina, ha anche detto che c’è una crescente “mentalità dell’annullamento” che fa “apparire impossibile qualsiasi compromesso”.

Prima del vertice, i funzionari thailandesi hanno affermato di sperare di guidare l’APEC verso soluzioni a lungo termine in varie aree, tra cui il cambiamento climatico, le interruzioni economiche e le vacillanti riprese dalla pandemia.

“Quello che faremo è mettere tutte le economie d’accordo su una serie di obiettivi… mitigazione dei cambiamenti climatici, commercio e investimenti sostenibili, conservazione delle risorse ambientali e, naturalmente, gestione dei rifiuti”, ha affermato Cherdchai Chaivaivid, direttore generale di Dipartimento degli affari economici internazionali della Thailandia. “Questa è la prima volta che l’APEC ne parlerà. Questa è la prima volta che apriremo un nuovo capitolo su come fare commercio, affari e investimenti”.

La missione ufficiale dell’APEC è promuovere l’integrazione economica regionale, il che significa stabilire linee guida per lo sviluppo a lungo termine di un’area di libero scambio. La maggior parte del suo lavoro è tecnico e incrementale, svolto da alti funzionari e ministri, coprendo settori come il commercio, il turismo, la silvicoltura, la salute, l’alimentazione, la sicurezza, le piccole e medie imprese e l’emancipazione femminile.

I leader delle 21 economie su entrambe le sponde dell’Oceano Pacifico spesso colgono l’occasione per condurre colloqui bilaterali e discutere accordi collaterali. Il contingente latinoamericano proviene da Cile, Messico e Perù. Altri membri sono Australia, Brunei, Canada, Cina, Hong Kong, Indonesia, Giappone, Malesia, Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea, Filippine, Russia, Singapore, Corea del Sud, Taiwan, Tailandia, Stati Uniti e Vietnam.

Il presidente russo Vladimir Putin e Biden non si sono presentati quest’anno. Putin ha evitato i forum internazionali dove sarebbe stato inondato di critiche per l’invasione dell’Ucraina. Biden vuole ospitare il matrimonio di sua nipote alla Casa Bianca.

Ciò lascia il leader cinese Xi come il principale partecipante a Bangkok, dove sta anche facendo una visita ufficiale in Thailandia subito dopo aver ottenuto un raro terzo mandato come leader principale in un congresso del Partito Comunista che si tiene una volta ogni cinque anni.

Biden sta cedendo terreno alla Cina nella competizione per gli amici e l’influenza nel sud-est asiatico saltando le riunioni dell’APEC. Ma i funzionari statunitensi affermano che Washington ha dimostrato la sua serietà nelle relazioni con la regione attraverso frequenti visite di membri del gabinetto, tra cui il segretario alla Difesa Lloyd J. Austin III e altri alti funzionari chiave.

Ti piace questo articolo? Clicca qui per iscriverti per l’accesso completo. Solo $ 5 al mese.

Come ospite, la Thailandia ha invitato tre ospiti speciali all’incontro: il presidente francese Macron; Il principe ereditario Mohammed bin Salman, primo ministro dell’Arabia Saudita, e il primo ministro cambogiano Hun Sen, che doveva rappresentare l’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico, ma non parteciperanno dopo aver contratto il COVID-19.

Per il primo ministro thailandese Prayut Chan-o-cha, il visitatore più gradito potrebbe essere proprio il leader saudita, in visita ufficiale per aiutare a ristabilire le relazioni amichevoli con la Thailandia dopo decenni di interruzione a causa di un furto di gioielli reali sauditi e dell’irrisolto omicidi di diplomatici sauditi a Bangkok.

“Questa è una buona opportunità che Mohammed bin Salman visiti la Thailandia ed entrambi i paesi riprenderanno un buon rapporto economico dopo oltre 30 anni”, ha detto all’Associated Press il presidente della Camera di commercio thailandese, Sanan Angubolkul. “Il fatto che il presidente francese si unisca a noi dimostra anche quanto sia importante questa regione”.

La guerra in Ucraina rimane una probabile spina nel fianco degli sforzi orientati al consenso dell’APEC. Nessuno dei precedenti incontri dell’APEC di quest’anno ha rilasciato dichiarazioni a causa di disaccordi sull’opportunità di menzionare il conflitto.

Come l’Indonesia, che ha ospitato il vertice del Gruppo dei 20 a Bali questa settimana, e la Cambogia, che ha ospitato gli incontri dell’ASEAN, i funzionari thailandesi hanno affrontato la situazione nel miglior modo possibile, sostenendo che l’accordo su altri punti consentirà all’APEC di andare avanti a prescindere.

Gli scettici dubitano che l’incontro farà molto.

“Questo APEC è solo un’opportunità fotografica per i leader. La sua agenda ha attirato molta meno attenzione del vertice dell’ASEAN e del G-20”, ha detto all’Associated Press Virot Ali, politologo dell’Università Thammasat in Thailandia.

“Non credo che vedremo alcun progresso dall’APEC. L’attuale geopolitica, la guerra commerciale, il COVID-19 e la guerra Russia-Ucraina sono le questioni a cui le persone prestano maggiore attenzione e da cui sentono un maggiore impatto”, ha affermato.

I giornalisti dell’Associated Press Grant Peck e Tassanee Vejpongsa hanno contribuito a questo rapporto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *