MAP sollecita il Senato a ratificare RCEP

LA Management Association of the Philippines (MAP) ha nuovamente sollecitato il Senato a ratificare l’accordo di partenariato economico globale regionale (RCEP) “senza ulteriori indugi”.

Le Filippine e il Myanmar sono gli unici firmatari che devono ancora confermare l’accordo commerciale a 15 membri entrato in vigore all’inizio del 2022. L’allora presidente Rodrigo Duterte ha ratificato l’accordo lo scorso anno ma il Senato non ha aggiunto la sua approvazione come richiesto dalla legge.

Il successore di Duterte, Ferdinand Marcos Jr., ha affermato di volere assicurazioni che l’accordo garantisca protezione agli agricoltori. All’inizio di questo mese, il segretario al commercio Alfredo Pascual ha affermato che il presidente era impegnato nella ratifica.

“Abbiamo già perso 10 mesi di capacità di competere su un piano di parità con i nostri partner dell’Asean e dell’Asia già presenti nel RCEP nell’attrarre investimenti stranieri…”, ha affermato martedì il MAP in una dichiarazione.

Il RCEP è composto dai 10 membri dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (Asean) e dai partner di dialogo Cina, Giappone, Australia, Nuova Zelanda e Corea del Sud. Si dice che l’accordo rappresenti un terzo dell’economia globale e del commercio globale e comprenda un mercato di 2,3 miliardi di persone.

Ricevi le ultime notizie


consegnato nella tua casella di posta

Iscriviti alla newsletter quotidiana di The Manila Times

Registrandomi con un indirizzo e-mail, riconosco di aver letto e accettato i Termini di servizio e l’Informativa sulla privacy.

Il MAP ha osservato che i membri del RCEP rappresentano anche il 51% del mercato di esportazione delle Filippine, il 68% delle importazioni e il 58% degli afflussi di investimenti diretti esteri.

Mentre il settore agricolo si è opposto alla ratifica del RCEP, il MAP ha affermato che questo è stato “mal riposto” poiché i prodotti agricoli sensibili come riso, carne di maiale e zucchero, tra gli altri, rimarrebbero protetti.

“Il ritardo nella ratifica priva i produttori del paese… di un più facile accesso ai mercati dei paesi del RCEP…”, ha affermato il gruppo aziendale. “La minaccia di una probabile diversione da parte dei loro acquirenti… verso altri membri già in RCEP è molto reale.”

Inoltre, gli investitori stranieri potrebbero favorire altri paesi RCEP e, non ratificando l’accordo, le Filippine potrebbero non attrarre nuovi investimenti ma probabilmente anche “perdere quelli che abbiamo ora”.

“Le Filippine non possono permettersi di non essere in RCEP, come parte di quello che promette di essere il più importante raggruppamento economico del mondo. È ora che ci imbarchiamo e sfruttiamo proattivamente la ricchezza di opportunità che offre ai filippini in termini di espansione posti di lavoro, maggiori redditi e vite migliori”, ha affermato il MAP.

“Esortiamo vivamente i nostri onorevoli senatori a ratificare ora il RCEP”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *