Associazioni e Kaizen – BusinessMirror

IN questa 300esima rubrica (grazie, BusinessMirror, per questo traguardo!), toccherò un argomento che mi sta a cuore poiché questo ha fatto parte del mio lavoro e della mia difesa nella gestione delle associazioni.

I termini kaizen è una fusione di due parole giapponesi che si traducono in “buon cambiamento” o “cambiamento in meglio”. Alla fine, kaizen si è evoluto fino a significare “miglioramento continuo”, diventando una filosofia aziendale giapponese che implica il coinvolgimento e la produttività delle persone in un processo graduale e metodico.

Ho sperimentato personalmente il kaizen anni fa, quando ho frequentato l’Executive Corporate Management Program a Tokyo, in Giappone, organizzato dall’Association of Overseas Technical Scholarship, ora Association for Overseas Technical Cooperation and Sustainable Partnerships (AOTS).

kaizen era noto per essere stato adottato per la prima volta nelle aziende giapponesi dopo la seconda guerra mondiale, in parte influenzato dai professionisti americani del business e della gestione della qualità, e principalmente da “The Toyota Way”, un insieme di principi guida ancorati al rispetto per le persone e al miglioramento continuo. kaizen da allora si è diffuso in tutto il mondo ed è stato applicato ad ambienti diversi dal business e dalla produttività.

Quindi cosa possono imparare le associazioni kaizen? Ecco alcune idee basate su ciascuno dei principi kaizen sviluppati dal Kaizen Institute fondato da Masaaki Imai, conosciuto come il padre del miglioramento continuo.

1. Conosci il tuo cliente. Ciò significa creare valore per il cliente identificando i loro interessi per migliorare la loro esperienza. Le associazioni hanno adottato questo principio per attrarre, coinvolgere e trattenere i propri membri. Una modifica di questo potrebbe essere KYM o “conosci il tuo membro”, concentrandosi sull’avere una cultura “Siamo qui per servirti”.

2. Lascia che scorra. Questo si riferisce all’obiettivo di zero sprechi facendo in modo che tutti nell’organizzazione mirino a creare valore ed eliminare gli sprechi. Sebbene non sia esattamente così letterale, “lasciarlo fluire” nel contesto di un’associazione potrebbe significare mettere a frutto le proprie risorse intraprendendo programmi e attività rilevanti e quelli che creano valore per i membri.

3. Vai a gemba. Ciò si riferisce al seguire l’azione e andare dove le cose accadono effettivamente poiché lì viene creato il vero valore. (gemba significa “il luogo effettivo” in giapponese.) Nel caso di un’associazione, questo potrebbe essere “essere dove sono i tuoi membri”, ad esempio, essere nei canali dei social media se sono lì, o organizzare eventi che promuovono l’apprendimento tra pari e offrono networking opportunità.

4. Dare potere alle persone. Si tratta di organizzare i team ponendo loro gli stessi obiettivi e fornendo loro un sistema e una serie di strumenti da utilizzare. Una delle caratteristiche eccezionali delle associazioni fiorenti è avere una cultura di squadra e una strategia basata sui dati.

5. Sii trasparente. Ciò riguarda la visualizzazione dei dati reali come prestazioni e la realizzazione di miglioramenti tangibili e visibili. Nel contesto di un’associazione, ciò potrebbe riguardare la completa divulgazione ai suoi stakeholder – consiglio di amministrazione, personale, membri e volontari – dello stato dell’organizzazione, compresa la programmazione e le relazioni finanziarie. La trasparenza è uno dei tratti distintivi del buon governo.

L’attuazione di questi cinque kaizen In un’organizzazione è di fondamentale importanza avere una cultura del miglioramento continuo di successo e segnare un punto di svolta nella progressione della qualità, della produttività e delle relazioni tra lavoratori e dirigenti.

Octavio Peralta è attualmente direttore esecutivo del Global Compact Network Filippine e fondatore e amministratore delegato volontario del Philippine Council of Associations and Association Executives (PCAAE), l'”associazione di associazioni”. Il PCAAE terrà il suo Associations Summit 10 (AS10) il 23 e 24 novembre 2022. E-mail: bobby@pcaae.org

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *