I gruppi anti-aborto cercano di ribaltare l’approvazione della FDA delle pillole abortive

I casi: Gli avvocati dell’ADF sostengono che la FDA è andata oltre la sua autorità nell’approvare il farmaco 22 anni fa.

“L’approvazione da parte della FDA dei farmaci abortivi chimici si è sempre basata su un terreno legale e morale instabile, e dopo anni di evasione di responsabilità, è tempo che il governo faccia ciò che è legalmente obbligato a fare: proteggere la salute e la sicurezza delle ragazze e delle donne vulnerabili, Lo ha detto in una dichiarazione il consigliere senior dell’Alliance Defending Freedom, Erik Baptist.

Il retroscena: Dopo che la Corte Suprema ha restituito il diritto all’aborto agli stati a giugno, le pillole abortive, spesso prescritte tramite telemedicina, sono diventate un modo per le persone che cercano di porre fine alle loro gravidanze negli stati con divieti o restrizioni all’aborto.

L’anno scorso, la FDA ha permesso ai medici di prescrivere il mifepristone tramite telemedicina e di inviare le pillole per posta.

I sostenitori del diritto all’aborto vogliono che l’agenzia affermi che le sue decisioni di approvare le droghe anticipano i divieti e le restrizioni statali sull’aborto.

L’Alliance Defending Freedom è stata alla base di diversi importanti sforzi legali conservatori, tra cui Masterpiece Cakeshop contro Commissione per i diritti civili del Colorado nel 2018. La Corte Suprema si è pronunciata a favore del cliente dell’ADF in quel caso, sostenendo un panettiere cristiano che ha rifiutato di servire una coppia dello stesso sesso, anche se con una sentenza restrittiva.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *