Il Congresso sostiene l’impegno del governo a rettificare i risultati dell’EMSA

Il Congresso filippino sta inviando chiari segnali alla Commissione europea (CE) che il governo manterrà il suo impegno fornendo il sostegno finanziario necessario per correggere le carenze individuate nel suo sistema di istruzione e formazione marittima e certificazione dei marittimi filippini.

In una dichiarazione rilasciata dalla senatrice Grace Poe il 17 novembre 2022, ha elogiato la CE per aver concesso alle Filippine il tempo di lavorare su queste carenze contenute nella relazione di valutazione della CE (ECAR) durante le deliberazioni plenarie del Senato sul bilancio del Dipartimento dei Trasporti (DOTr) inclusa la Maritime Industry Authority (Marina). ECAR si è basata sui risultati dell’ultimo audit condotto dall’Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA).

“Il semplice fatto che loro (l’Unione Europea) siano stati accomodanti e non ci abbiano dato una tempistica definitiva, so che apprezzano il processo che stiamo intraprendendo in questo momento”, ha detto Poe nella sua dichiarazione.

Per sottolineare il costante impegno del governo a mettere in ordine la sua conformità con la Convenzione STCW, il Senato ha aumentato di quattro volte lo stanziamento di Marina per il “monitoraggio e l’applicazione delle leggi e dei regolamenti marittimi” rispetto al budget proposto per il prossimo anno.

Il Senato su raccomandazione di Poe ha aggiunto P56,7 milioni in più o da P20.947.000 sulla base del programma di spesa nazionale proposto per il 2023 a P80.693.000 per garantire la conformità del paese agli standard marittimi internazionali.

Ricevi le ultime notizie


consegnato nella tua casella di posta

Iscriviti alla newsletter quotidiana di The Manila Times

Registrandomi con un indirizzo e-mail, riconosco di aver letto e accettato i Termini di servizio e l’Informativa sulla privacy.

Al momento, l’Unione Europea non ha escluso i marittimi filippini dalle loro compagnie di navigazione e l’accreditamento delle Filippine non è stato revocato. Tuttavia, l’UE ha individuato aree in cui il paese dovrà intraprendere azioni correttive, come l’istruzione, la formazione e la certificazione, tra le altre.

“Siamo ancora accreditati, ma dobbiamo lavorare su questo perché, in caso contrario, l’impiego di 49.461 ufficiali di marina filippini sarà a rischio e ne risentirà anche l’impiego di quasi 600.000 marittimi filippini certificati, compresi gli ufficiali”, ha affermato Poe.

Poe ha affermato che l’UE sta dando al paese l’opportunità di affrontare le sue carenze.

“Ciò che è importante per l’UE è che vedano uno sforzo per conformarsi ed è un processo continuo”, ha affermato Poe.

Secondo i dati del Bangko Sentral ng Pilipinas, i lavoratori marittimi filippini hanno inviato un totale di 6,5 miliardi di dollari in rimesse alle loro famiglie nel Paese nel 2021. Da gennaio a settembre di quest’anno, le loro rimesse sono ammontate a 4,92 miliardi di dollari, con un aumento dell’1,8%. oltre i 4,8 miliardi di dollari che hanno inviato a casa nello stesso periodo del 2021.

Tra i problemi con la certificazione e la formazione dei marittimi filippini, i guadagni che mandavano a casa crescevano ancora.

Senza essere troppo presuntuosi o arroganti su questo, senza i marittimi filippini, non credo che l’industria marittima possa funzionare correttamente. Se non siamo in cima, probabilmente siamo tra i primi 3 di quelli che forniscono marittimi”, ha detto Poe.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *