Kolisi si rifiuta di partecipare alla saga di Rassie prima della partita con l’Italia



Il capitano degli Springbok Siya Kolisi ha rifiutato di essere coinvolto nella saga dell’escluso SA Rugby Director of Rugby Rassie Erasmus, concentrandosi completamente sulla partita contro l’Italia allo Staio Luigi Ferraris di Genova sabato pomeriggio (calcio d’inizio 15:00).

Kolisi ha fatto una figura solitaria alla conferenza stampa pre-partita degli Springboks, con il suo solito complice, Mzwandile Stick, ancora da ricongiungersi con i Boks dopo aver allenato la squadra di SA A, mentre Erasmus faceva parte del presser della scorsa settimana, ma non è stato in grado di unirsi questa volta dopo essere stato bandito da World Rugby.

LEGGI ANCHE: Opinione – Il World Rugby ha agito, ma cosa farà SA Rugby con Rassie

Kolisi è stato subito messo in difficoltà durante il suo solito presser pre-partita del venerdì, poiché gli sono state poste varie domande sull’Erasmus, se i giocatori lo sostenessero, avrebbero giocato per lui o se fosse il più grande test caratteriale della squadra a causa dell’off furore sul campo che li ha travolti questa settimana.

Tuttavia, Kolisi ha deviato abilmente ogni domanda, spostando l’attenzione sulla squadra e sulla partita contro l’Italia.

“Ad essere onesti abbiamo perso due partite difficili (contro Irlanda e Francia), quindi per noi è una partita importante. Non vogliamo restare tre partite senza vincere e abbiamo dato all’Italia il rispetto che merita”, ha detto Kolisi.

“Tutto il nostro obiettivo è battere l’Italia, perché è stato difficile fare come avete visto con le ultime due partite giocate in casa. Hanno dimostrato cosa possono fare e questo è tutto ciò su cui ci concentriamo come squadra.

“Giocheremo per gli Springboks, giocheremo per il Sudafrica e per la gente a casa, e giocheremo per vincere la partita. Questo è tutto ciò che abbiamo in mente in questo momento e questo è stato il messaggio per tutta la settimana”.

Risultati deplorevoli

Kolisi si è lamentato della recente corsa dei Boks, che li ha visti cadere in sconfitte strazianti di soli tre punti contro l’Irlanda numero uno al mondo a Dublino e quattro punti contro la Francia numero due al mondo a Marsiglia, motivo per cui vogliono disperatamente venire via con una vittoria contro l’Italia.

“È frustrante per noi come squadra. Giochiamo così bene e perdiamo con margini così piccoli. Pensavo che la scorsa settimana avessimo giocato abbastanza bene per vincere, ma sfortunatamente non l’abbiamo fatto”, ha detto Kolisi.

“Lo sport in cui ci troviamo è tutto basato sui risultati ei nostri risultati purtroppo non mostrano i nostri progressi. Ma internamente sappiamo che ciò che vogliamo fare come gruppo e le cose su cui stiamo lavorando stanno migliorando molto.

“Quindi vogliamo assicurarci di continuare a migliorare, ma soprattutto vogliamo davvero vincere questo fine settimana”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *