La mamma di Sydney è rimasta sbalordita dalla diagnosi dopo aver portato di corsa il bambino in ospedale con il pannolino pieno di sangue

Quando Sarah Regan andò a cambiare il pannolino del suo bambino di nove mesi rimase inorridita quando lo trovò pieno di sangue.

In preda al panico, la sua bambina Birdie potrebbe avere un’infezione renale, Regan, 38 anni, ha portato sua figlia al pronto soccorso, dove i medici hanno effettuato una serie di test.

I medici hanno eseguito ecografie, test ormonali e una radiografia al polso, e hanno scoperto che le sue ossa erano avanzate di 18 mesi e le è stata diagnosticata una pubertà precoce, prima ancora che potesse camminare o parlare.

“Quello era il suo primo ciclo”, ha detto la mamma perplessa di Sydney, in Australia.

“Non sapevo cosa pensare, non ne sapevamo molto e non ne avevamo mai sentito parlare prima.”

Secondo la Stanford Medicine, la pubertà precoce è una condizione rara nei bambini che comporta segni fisici di maturità sessuale che si sviluppano troppo presto.

Poiché Birdie, che ora ha 2 anni, è così giovane, è difficile dire quali altri sintomi abbia, come sbalzi d’umore o dolori e dolori mestruali.

“Non ha i peli pubici o il seno, cosa che possono avere alcuni bambini con questa condizione”, ha spiegato Regan.

La mamma di tre figli, che ha altri due figli, Zachary, 10 anni, ed Elsie, uno, ha ammesso che è difficile dover spiegare costantemente le condizioni di Birdie.

“Quando va all’asilo mi sentivo come se dovessi spiegare che se trovano sangue nel suo pannolino è per questo e abbiamo una nota del medico per assicurarci che nessuno si preoccupi”, ha rivelato.

“Questo è il nostro più grande ostacolo con lei.”

Tuttavia, la mamma dice che è importante che le persone lo sappiano.

“Inoltre, non voglio che le persone diventino compiacenti. Se viene trovato del sangue nella biancheria intima di un neonato, deve essere indagato”, ha spiegato.

Dopo aver inizialmente iniziato a sanguinare, Birdie ha subito spotting casuali. La bambina deve sottoporsi a un test ormonale, ecografia e radiografia ogni sei mesi per verificare il suo sviluppo.

Regan dice che se lo sviluppo di Birdie avanza rapidamente, prenderà in considerazione le iniezioni di ormoni per rallentarlo e impedire che altri elementi della pubertà arrivino troppo presto, ma i medici stanno monitorando la situazione.

«Ha avuto spotting dall’emorragia completa. Non è stato mensile. Si è allungato, non è regolare”, spiega.

“Rende davvero difficile il monitoraggio. Stiamo cercando di assicurarci che non la influisca fisicamente”.

La mamma preoccupata dice che vuole solo che sua figlia abbia un’infanzia tipica.

“Come sua madre, spero che non influenzi il suo aspetto e la sua crescita più di qualsiasi altro bambino della sua età”, ha detto.

“Se avremo bisogno di una terapia ormonale, lo faremo, semplicemente non voglio che la renda diversa.”

Nonostante la sua rara condizione, Regan descrive Birdie come un bambino “normale”.

“È una ragazza normale, ha quasi 3 anni, fa i capricci”, ha detto.

“È normale, non lo sapresti. Per quanto riguarda l’aspetto, non sapresti la differenza perché ci siamo sopra.”

Originariamente pubblicato come La mamma di Sydney sbalordita dalla diagnosi dopo il ritrovamento shock nel pannolino del bambino

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *