Le scorte di diesel statunitensi hanno toccato i minimi storici nel momento peggiore possibile

Yves qui. Siamo stati avvertiti per mesi di una prossima carenza di diesel. Ora è sul punto di materializzarsi. Anche se, negli Stati Uniti, questo risultato è in parte dovuto alla limitata capacità di raffinazione (a causa di investimenti insufficienti a fronte di requisiti ambientali più severi), il contraccolpo delle sanzioni è un altro contributo. Il greggio russo è più pesante di quello statunitense o saudita ed è particolarmente adatto alla produzione di gasolio e gasolio da riscaldamento; questo è il motivo per cui così tante autovetture europee funzionano con il diesel. Ricordi quando Biden è andato in Venezuela? Il greggio venezuelano è pesante e acido. Ci sarebbe voluta una messa a punto della raffineria, ma avrebbe potuto essere miscelato con greggio più dolce per produrre gasolio e combustibili per riscaldamento.

È probabile che la Cina che cede al suo regime Zero Covid aumenti la domanda di petrolio e gas. Detto questo, negli Stati Uniti, ci sono stati segnali di una minore domanda di spedizioni da parte dei consumatori, che dovrebbe tradursi in livelli di autotrasporto inferiori. Ma Natale è ancora notte, quindi non è chiaro se la compensazione di una domanda al dettaglio (forse) meno robusta allevierà la compressione del diesel. Da CNBC in ottobre:

Un forte calo degli ordini di magazzino che lasciano lo stoccaggio e si dirigono verso i rivenditori è un altro segnale del calo della domanda dei consumatori.

Secondo gli ultimi dati di WarehouseQuote, gli ordini in uscita dai clienti che spediscono ai rivenditori sono diminuiti di un terzo (-33%) anno su anno.

Jordan Brunk, CMO di WarehouseQuote, ha affermato che con un minor numero di prodotti spostati fuori dai magazzini per entrare nei negozi ci sarà meno spazio disponibile per gli ordini in arrivo.

Il fatto che le forniture si stiano restringendo, tuttavia, non fornisce ancora un indizio di quanto possano essere negativi gli aumenti dei prezzi. In definitiva, prezzi abbastanza alti servono come dispositivo di razionamento, anche se ciò si presenta sotto forma di case più fredde. Ma se e quando i prezzi del diesel aumenteranno, si manifesteranno anche in un aumento dei costi di spedizione e quindi dei beni finali. Data la rapida rotazione delle scorte, i consumatori probabilmente vedranno l’impatto sui prezzi dei generi alimentari.

Di Tsvetana Paraskova, scrittrice per Oilprice.com con oltre un decennio di esperienza nella scrittura per testate giornalistiche come iNVEZZ e SeeNews. Originariamente pubblicato su OilPrice

Le scorte di distillati statunitensi, che includono gasolio e gasolio da riscaldamento, sono crollate al livello più basso per questo periodo dell’anno dal 1951, proprio mentre inizia la stagione del riscaldamento e l’embargo dell’UE sulle importazioni di prodotti petroliferi russi prende il via a febbraio.

Nonostante una piccola crescita negli inventari di distillati americani la scorsa settimana, i livelli sono ancora al livello più basso dal 1951, secondo le stime del Financial Times.

Le scorte storicamente basse hanno spinto i prezzi del diesel molto più in alto rispetto ai minori aumenti di benzina e petrolio greggio quest’anno. Poiché il diesel è il carburante principale dell’economia e del trasporto a lungo raggio, i prezzi elevati del diesel continuano ad alimentare l’inflazione.

Nella settimana terminata l’11 novembre, le scorte di combustibili distillati sono aumentate di 1,1 milioni di barili e sono circa il 15% al ​​di sotto della media quinquennale per questo periodo dell’anno, ha affermato l’EIA nel suo rapporto settimanale sulle scorte di mercoledì. Con 107,4 milioni di barili, questi stock sono i più bassi mai visti per questa stagione dell’anno.

“La maggior parte dell’aumento delle scorte di distillati si è verificata sulla costa orientale degli Stati Uniti. E sebbene ciò sia utile, le scorte nella regione sono ancora ai livelli più bassi mai registrati per questo periodo dell’anno “, hanno affermato giovedì gli strateghi di ING, commentando i dati dell’inventario EIA.

Le scorte di gasolio molto basse e la minore capacità di raffinazione dall’inizio della pandemia hanno spinto i prezzi del gasolio negli Stati Uniti al punto da raggiungere un premio record rispetto a benzina e petrolio greggio.

Andando avanti, la fornitura di diesel negli Stati Uniti e nel mondo è destinata a restringersi ulteriormente con gli embarghi dell’UE sulle importazioni di greggio e prodotti russi, a partire rispettivamente da dicembre e febbraio.

“La concorrenza per i barili di gasolio non russi sarà feroce, con i paesi dell’UE che dovranno offrire carichi provenienti da Stati Uniti, Medio Oriente e India lontano dai loro acquirenti tradizionali”, ha dichiarato l’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) nel suo rapporto mensile all’inizio di questa settimana.

“L’aumento della capacità di raffinazione alla fine contribuirà ad allentare le tensioni sul diesel. Tuttavia, fino ad allora, se i prezzi saliranno troppo, un’ulteriore distruzione della domanda potrebbe essere inevitabile per eliminare gli squilibri del mercato “, ha affermato l’agenzia, che vede i prezzi del diesel ostinatamente elevati alimentare l’inflazione e rallentare le economie portando a un leggero calo del diesel globale richiesta nel 2023.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *