Politica monetaria dell’Indonesia novembre 2022

Nella sua riunione di politica monetaria del 16-17 novembre, Bank Indonesia (BI) ha alzato il tasso repo inverso a sette giorni di 50 punti base, dal 4,75% al ​​5,25%, segnando la continuazione del suo ciclo di inasprimento. L’entità dell’aumento era prevista dagli analisti di mercato. La Banca ha inoltre aumentato il tasso di deposito e di prestito di 50 punti base ciascuno, rispettivamente al 4,50% e al 6,00%.

La Banca ha deciso di continuare a inasprire in modo aggressivo con una mossa che è stata soprannominata “precaricata” dal Governatore e mira ad ancorare le aspettative di inflazione e riportare l’inflazione di fondo più vicino alla metà del suo intervallo obiettivo del 2,0-4,0% entro il primo semestre del 2023. Aspettative di inflazione si sono moderati ma rimangono elevati intorno al 5,9% per fine anno, in calo rispetto alle precedenti attese del 6,7%. Nel frattempo, la Banca intende continuare a sostenere la rupia in un contesto di notevole incertezza finanziaria globale. La BI ha anche tenuto conto delle robuste dinamiche della domanda interna come spazio per l’aumento. La Banca prevede che quest’anno la crescita raggiungerà l’estremità superiore dell’intervallo 4,5-5,3% e rimarrà robusta fino al 2023.

Guardando al futuro, la Banca vede rischi al ribasso per la crescita derivanti da un più profondo rallentamento dell’economia globale e da una politica monetaria più restrittiva nei paesi sviluppati, mentre si aspetta che l’inflazione rimanga elevata nonostante le tensioni geopolitiche prolungate e le interruzioni della catena di approvvigionamento. Pertanto, il nostro panel si aspetta che la Banca alzi i tassi ulteriormente in futuro, anche se dovrebbe esserci dietro il sollevamento pesante.

Commentando le prospettive, Enrico Tanuwidjaja, economista di UOB, ha osservato:

“Andando avanti, abbiamo rivisto e anticipato le nostre previsioni sul tasso BI al 5,50% (precedentemente 5,25%) entro la fine del 2022 e abbiamo rivisto al rialzo il tasso terminale al 6,00% (precedentemente 5,75%) che probabilmente si verificherà il 23 febbraio. Ciò darà uno spread ragionevolmente confortevole ma storicamente più ristretto di circa 100 punti base con il tasso terminale previsto del Fed funds rate del 5,00% entro il primo trimestre del 2023”.

La Banca dovrebbe riunirsi il 21-22 dicembre.

Il tasso repo di riserva a sette giorni dovrebbe raggiungere la fine del 2023 al 5,57% e il 2024 al 5,08%.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *