Realtor.com riporta un inventario attivo settimanale in aumento del 45% su base annua; Nuovi annunci in calo del 18%

di Rischio calcolato attivo 17/11/2022 14:10:00

Realtor.com dispone di dati mensili e settimanali sul mercato interno esistente. Ecco il loro rapporto settimanale pubblicato oggi dal capo economista Danielle Hale: Weekly Housing Trends View – Data Week Ending Nov 12, 2022. Nota: hanno dati sui prezzi di listino, nuovi elenchi e altro, ma questo focus è sull’inventario.

L’inventario attivo ha continuato a crescere, aumentando del 45% rispetto a un anno fa. L’inventario ha nuovamente accelerato, registrando una quinta settimana consecutiva di guadagni all’incirca pari o superiori al 2% dopo una discreta stabilità tra luglio e settembre. Poche case di nuova quotazione normalmente causerebbero un calo dell’inventario, ma gli acquirenti si sono ritirati dal mercato immobiliare poiché i costi più alti e più incerti rendono difficile accertare il potere d’acquisto e stabilire un budget.

I nuovi annunci, una misura dei venditori che mettono in vendita le case, sono diminuiti di nuovo, con un calo del 18% rispetto a un anno fa. Questo segna la diciannovesima settimana di calo anno su anno dei proprietari di case che mettono in vendita la loro casa, un riflesso tangibile del continuo calo della fiducia dei venditori. Poiché i potenziali venditori si sono ritirati in modo così significativo, i prezzi stanno decelerando in modo più modesto di quanto potrebbe altrimenti accadere.

Ecco un grafico della variazione anno su anno dell’inventario secondo realtor.com.

Si noti il ​​rapido aumento della variazione su base annua all’inizio di quest’anno, dal calo del 30% all’inizio dell’anno al 29% su base annua all’inizio di luglio.

Quindi i dati di Realtor.com sono rimasti bloccati tra il 26% e il 30% su base annua per 14 settimane consecutive. Ciò è dovuto al rallentamento delle nuove quotazioni, pur in presenza di un forte calo delle vendite.

Ora l’inventario su base annua sta aumentando di nuovo con tassi ipotecari ancora più elevati, suggerendo che le vendite sono diminuite più delle nuove inserzioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *