Voti in affitto mentre la dichiarazione d’autunno schiaccia i lavoratori più giovani

La dichiarazione d’autunno lo ha detto abbastanza chiaramente: l’inverno sta arrivando per le nostre finanze personali e nonostante ciò che afferma il cancelliere, sono le persone nel mezzo che ora sentono il freddo.

Se stai affittando o hai figli piccoli, questo è particolarmente vero, eppure non c’era proprio nulla nell’annuncio di giovedì per te.

Secondo l’analisi del think tank della Resolution Foundation, i lavoratori britannici stanno vivendo una stagnazione dei salari di due decenni, una compressione dei redditi reali su una scala che non si vedeva dal 1820.

Il cancelliere ha fornito sostegno ai più poveri e sollievo ai più ricchi (ci sono stati alcuni simbolici ritocchi fiscali, ma nessuno dei presunti cattivi).

Nel frattempo, quelli nel mezzo devono affrontare tasse comunali più elevate, bollette energetiche e una prolungata compressione delle imposte sul reddito più elevate mentre le soglie entrano nel congelamento profondo.

Il dolore sarà particolarmente acuto se sei sulla cuspide di una soglia ghiacciata. Coloro che guadagnano £ 50.000 – appena al di sotto della soglia fiscale più alta – dovrebbero pagare quasi £ 2.000 all’anno in tasse extra sul reddito entro il 2028, secondo i calcoli dei contabili Moore Kingston Smith, tenendo conto dei probabili effetti del “rumore fiscale” come inflazione fa aumentare la paga.

Se sei un genitore, questo sarà ancora più costoso a causa della rimozione degli assegni familiari. Una simile scogliera attende alla soglia di £ 100.000 in cui l’indennità personale viene ridotta e l’accesso alle ore di assistenza all’infanzia “gratuite” viene perso.

I giovani lavoratori professionisti di Londra e del sud-est soffrono di un crescente senso di imminente rovina finanziaria e i politici devono ascoltarli.

“Sono un professionista della classe media ragionevolmente ben pagato, quindi mi sento in colpa perché mi lamento perché ovviamente sto meglio di tanti altri”, dice Max, un lettore sulla trentina che mi ha inviato un messaggio dopo un recente podcast.

Affittando con gli amici in una casa condivisa, ha condotto trattative con il loro padrone di casa dopo essere stato colpito da un aumento dell’affitto del 30%. Ha perso ogni speranza di poter mai comprare una casa e farebbe fatica a permettersi di affittare un appartamento con una camera da letto con il suo partner.

Un aumento di stipendio sarebbe il benvenuto, ma dovrebbe essere piuttosto elevato per coprire l’aumento del costo della vita, che sta aumentando a un ritmo più veloce rispetto ai suoi amici con i mutui. La prossima recessione non fa che aumentare i suoi nervosismi.

Quasi una famiglia su cinque nel Regno Unito affitta privatamente e in tutta l’Inghilterra gli affitti stanno aumentando al doppio del tasso visto tra il 2018 e il 2021. Coloro che non possono permettersi di acquistare si trovano in una posizione odiosa. “Anche se non ti muovi, gli affitti salgono poiché le attuali carenze dettano i prezzi di mercato”, afferma l’esperto immobiliare Henry Pryor.

Non si aspetta che i nuovi acquirenti traggano vantaggio dagli attuali problemi del mercato. “Nove su dieci delle mie più recenti richieste di informazioni commerciali hanno deciso di posticipare al prossimo anno, e sarà Pasqua prima che i venditori accettino che i prezzi sono cambiati”, prevede.

La quantità di spazio che gli affittuari ottengono per i loro soldi è diminuita di circa un quinto negli ultimi 20 anni e, se hanno bisogno di trasferirsi, trovare un nuovo posto è un incubo.

Il sito web Spareroom.com riferisce che attualmente ci sono sette affittuari che cercano ogni stanza disponibile a Londra. Aspettati qualcosa di simile a un colloquio di lavoro se fai domanda per una casa condivisa (a un amico è stato persino chiesto il suo CV).

Questa settimana ho incontrato un produttore televisivo di 20 anni che ha cercato per mesi di spostarsi da est a ovest di Londra, ma stanze e appartamenti ovunque vicino alla sua fascia di prezzo vengono rubati online in pochi minuti. Da quando ha cambiato lavoro, trascorre tre ore al giorno attraversando la capitale. Il suo padrone di casa ha appena notificato i documenti di sfratto perché vuole vendere.

Alcuni esperti prevedono che più “proprietari accidentali” potrebbero essere spinti a vendere prima che i tagli di Hunt alle indennità sulle plusvalenze inizino il prossimo aprile, il che significa che il mercato potrebbe diventare ancora più stretto.

Altri proprietari senza dubbio vogliono andarsene prima che il disegno di legge sulla riforma degli affittuari passi in Parlamento (i dati del ministero della Giustizia mostrano che gli sfratti sono al livello più alto dall’inizio delle registrazioni nel 1999).

Quelli tra i 20 ei 30 anni che sono riusciti ad acquistare una casa affrontano una serie diversa di pressioni finanziarie.

Con l’Office for Budget Responsibility che prevede un calo del 9% dei prezzi delle case, gli acquirenti recenti sono maggiormente a rischio di equità negativa e rapporti prestito/valore più elevati rendono i tassi ipotecari più costosi.

Ciò non fa che aumentare il senso di presagio quando scadono le offerte a tasso fisso.

Alcuni proprietari di case potrebbero tagliare le vacanze, gli acquisti di biglietti importanti e i piani di scaffalatura per i miglioramenti della casa, ma conosco altri che stanno sospendendo la creazione di una famiglia, pienamente consapevoli dell’alto costo dell’assistenza all’infanzia.

Altri – inclusa Jess, una recente ospite del podcast di Money Clinic – stanno programmando il concepimento dei loro secondi figli in modo che coincidano esplicitamente quando iniziano le 30 ore “gratuite” di asilo nido per il loro primogenito.

Senza alcuna parola sulle riforme dell’assistenza all’infanzia promesse (anche se fugacemente) con il condannato “mini” budget, e nulla che appare ancora all’orizzonte per sostituire Help to Buy, questo rappresenta sicuramente un’opportunità politica da sfruttare per il partito laburista?

La promessa di un’assistenza all’infanzia gratuita o molto meglio sovvenzionata per i minori di 3 anni sarebbe un vincitore garantito del voto con le giovani generazioni, così come qualsiasi programma sostenuto dallo stato per incentivare la costruzione di case in affitto.

Prima di chiedere quale albero di denaro magico potrebbe finanziare questa generosità, non guardare oltre le case in cui vivi attualmente.

Una delle tante vacche sacre che si diceva che il cancelliere stesse valutando per il macello nella preparazione della dichiarazione d’autunno era il limite o la rimozione degli aiuti per la residenza principale.

I proprietari e i proprietari di seconde case devono pagare l’imposta sulle plusvalenze quando vendono, ma non esiste una tassa del genere per i proprietari di case seduti su enormi quantità di equità immobiliare dopo aver cavalcato l’ondata di bassi tassi di interesse.

Potresti rabbrividire al pensiero che questo tipo di sollievo venga armeggiato da un futuro governo – come qualcuno che lavora duramente per estinguere il mio mutuo, lo farei sicuramente. Ma il divario finanziario tra proprietari e affittuari sta diventando più profondo e i politici semplicemente non possono continuare a ignorarlo.

Quando guardi questo dal punto di vista di coloro che vengono addebitati importi sempre crescenti con poca sicurezza di permanenza, posso pensare a 8 milioni di affittuari che non avrebbero problemi a votare a favore.

Claer Barrett è il consumer editor del FT e l’autore di “Quello che non ti insegnano sul denaro”. claer.barrett@ft.com; Cinguettio e Instagram: @Claerb

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *