COP27: il vertice accetta di aiutare le vittime del clima. Ma non fa nulla per fermare i combustibili fossili


Sharm el Sheikh, Egitto
Cnn

Il mondo non è riuscito a raggiungere un accordo per eliminare gradualmente i combustibili fossili dopo che la maratona dei colloqui sul clima delle Nazioni Unite è stata “ostacolata” da una serie di produttori di petrolio nazioni.

I negoziatori di quasi 200 paesi al vertice sul clima delle Nazioni Unite COP27 in Egitto hanno compiuto il passo storico di accettare di istituire un fondo “perdite e danni” destinato ad aiutare i paesi vulnerabili a far fronte a climi disastri e hanno concordato che il mondo ha bisogno di ridurre le emissioni di gas serra quasi in metà entro il 2030.

L’accordo ha inoltre ribadito l’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali.

Tuttavia, un tentativo di affrontare la più grande fonte delle emissioni di riscaldamento del pianeta che stanno causando la crisi climatica si è concluso con un fiasco dopo che un certo numero di nazioni, tra cui Cina e Arabia Saudita, hanno bloccato una proposta chiave per eliminare gradualmente tutti i combustibili fossili, non solo il carbone .

“È più che frustrante vedere misure in ritardo sulla mitigazione e l’eliminazione graduale delle energie fossili ostacolate da una serie di grandi emittenti e produttori di petrolio”, ha dichiarato il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock in una dichiarazione.

Rivolgendosi al vertice domenica mattina presto, il capo del clima dell’Unione europea Frans Timmermans ha dichiarato che l’UE è “delusa” dall’esito finale del vertice.

“Quello che abbiamo davanti a noi non è un passo avanti sufficiente per le persone e il pianeta… avremmo dovuto fare molto di più”, ha detto Timmermans.

L’accordo per aiutare i paesi più vulnerabili del mondo ad affrontare perdite e danni rappresenta tuttavia una svolta in quello che è stato un controverso processo negoziale.

Segna la prima volta che paesi e gruppi, compresi quelli di lunga data come gli Stati Uniti e l’UE, hanno concordato di istituire un fondo per le nazioni vulnerabili ai disastri climatici aggravati dall’inquinamento prodotto in modo sproporzionato dalle nazioni ricche e industrializzate.

I negoziatori e le organizzazioni non governative che hanno osservato i colloqui hanno elogiato l’accordo come un risultato significativo, dopo che le nazioni in via di sviluppo e i piccoli paesi insulari si sono uniti per amplificare la pressione.

“Gli accordi presi alla COP27 sono una vittoria per tutto il nostro mondo”, ha detto in una nota Molwyn Joseph, presidente dell’Alleanza dei piccoli Stati insulari. “Abbiamo dimostrato a coloro che si sono sentiti trascurati che ti ascoltiamo, ti vediamo e ti stiamo dando il rispetto e la cura che meriti”.

La creazione del fondo è diventata anche una delle principali richieste degli attivisti presenti al vertice. A differenza degli anni precedenti, quando enormi proteste e rumorosi appelli all’azione sono entrati a far parte dell’evento, quest’anno le manifestazioni sono state silenziate.

Le proteste sono rare e per lo più illegali in Egitto e il governo egiziano ha posto severi limiti ai manifestanti che partecipano alla conferenza.

Tuttavia, la più grande protesta del vertice ha visto centinaia di attivisti marciare attraverso la sede lo scorso fine settimana, chiedendo pagamenti per il clima. Venerdì, l’attivista ghanese di 10 anni Nakeeyat Dramani ha ricevuto una standing ovation in plenaria dopo aver invitato i delegati a “avere un cuore e fare i conti”.

Il fondo si concentrerà su ciò che può essere fatto per sostenere le risorse per perdite e danni, ma non include disposizioni in materia di responsabilità o risarcimento, ha detto alla Galileus Web un alto funzionario dell’amministrazione Biden.

Raggiungere l’accordo non è stato facile. Il vertice era originariamente programmato per concludersi venerdì, ma è andato bene con i negoziatori che stavano ancora cercando di definire i dettagli mentre la sede della conferenza veniva smantellata intorno a loro.

Gli Stati Uniti e altre nazioni sviluppate hanno cercato a lungo di evitare tali disposizioni che potrebbero esporli a responsabilità legali e azioni legali da parte di altri paesi. E in precedenti osservazioni pubbliche, l’inviato statunitense per il clima John Kerry aveva affermato che perdite e danni non erano la stessa cosa delle riparazioni climatiche.

“‘Riparazioni’ non è una parola o un termine che è stato usato in questo contesto”, ha detto Kerry in una recente telefonata con i giornalisti all’inizio di questo mese. Ha aggiunto: “Abbiamo sempre affermato che è imperativo per il mondo sviluppato aiutare il mondo in via di sviluppo ad affrontare gli impatti del clima”.

I dettagli su come funzionerebbe il fondo rimangono oscuri. Il testo lascia molte domande su quando sarà finalizzato e diventerà operativo, e su come esattamente sarà finanziato. Il testo menziona anche un comitato di transizione che aiuterà a definire questi dettagli, ma non fissa scadenze future specifiche.

E mentre gli esperti del clima hanno celebrato la vittoria, hanno anche notato l’incertezza per il futuro.

“Questo fondo per perdite e danni sarà un’ancora di salvezza per le famiglie povere le cui case sono state distrutte, gli agricoltori i cui campi sono stati distrutti e gli isolani costretti a lasciare le loro case ancestrali”, ha affermato Ani Dasgupta, CEO del World Resources Institute. “Allo stesso tempo, i paesi in via di sviluppo stanno lasciando l’Egitto senza chiare garanzie su come sarà supervisionato il fondo perdite e danni”.

Un risultato su un fondo è arrivato quest’anno in gran parte perché il blocco G77 delle nazioni in via di sviluppo è rimasto unificato, esercitando una maggiore influenza su perdite e danni rispetto agli anni passati, hanno detto gli esperti del clima.

“Avevano bisogno di stare insieme per forzare la conversazione che stiamo avendo ora”, ha detto ai giornalisti Nisha Krishnan, direttore della resilienza per il World Resources Institute Africa. “La coalizione ha tenuto a causa di questa convinzione che dovevamo stare insieme per realizzare questo e per spingere la conversazione”.

Per molti, il fondo rappresenta una vittoria durata anni, spinta oltre il traguardo dall’attenzione globale prestata ai disastri climatici come le devastanti inondazioni del Pakistan di questa estate.

“È stato come un grande accumulo”, ha detto alla CNN l’ex inviato statunitense per il clima Todd Stern. “Questo è in circolazione da un po’ di tempo e sta diventando ancora più irritante per i paesi vulnerabili perché non ci sono ancora molti soldi che vengono investiti in questo. Come possiamo vedere, gli impatti effettivi dei disastri del cambiamento climatico stanno diventando sempre più intensi”.

Frans Timmermans dell'UE parla ai giornalisti durante il vertice.

Gli scienziati globali hanno avvertito per decenni che il riscaldamento deve essere limitato a 1,5 gradi rispetto ai livelli preindustriali, una soglia che si sta avvicinando rapidamente poiché la temperatura media del pianeta è già salita a circa 1,1 gradi.

Oltre 1,5 gradi, il rischio di siccità estrema, incendi, inondazioni e scarsità di cibo aumenterà drasticamente, hanno affermato gli scienziati nell’ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC).

Ma mentre i delegati del vertice hanno affermato l’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius, gli esperti del clima hanno espresso sgomento per la mancata menzione dei combustibili fossili o per la necessità di ridurli gradualmente per evitare che le temperature globali aumentino. Come l’anno scorso al vertice di Glasgow, il testo chiede una riduzione graduale dell’energia a carbone senza sosta e “l’eliminazione graduale dei sussidi inefficienti ai combustibili fossili”, ma non si spinge oltre chiedendo l’eliminazione graduale di tutti i combustibili fossili, compresi petrolio e gas.

“L’influenza dell’industria dei combustibili fossili è stata rilevata su tutta la linea”, ha affermato in una nota Laurence Tubiana, CEO della European Climate Foundation. “La presidenza egiziana ha prodotto un testo che protegge chiaramente i petrol-stati del petrolio e del gas e le industrie dei combustibili fossili. Questa tendenza non può continuare negli Emirati Arabi Uniti il ​​prossimo anno”.

Ci sono volute azioni drammatiche anche per mantenere il numero di 1,5 gradi raggiunto a Glasgow lo scorso anno.

Sabato, i funzionari dell’UE hanno minacciato di ritirarsi dalla riunione se l’accordo finale non avesse approvato l’obiettivo di limitare il riscaldamento a 1,5 gradi Celsius rispetto ai livelli preindustriali. In una conferenza stampa attentamente coreografata, Timmermans, affiancato da una schiera completa di ministri e altri alti funzionari degli Stati membri dell’UE, ha affermato che “nessun accordo è migliore di un cattivo accordo”.

“Non vogliamo che 1,5 gradi centigradi muoiano qui e oggi. Questo per noi è assolutamente inaccettabile”, ha detto.

I colloqui sono stati ulteriormente complicati dal fatto che Kerry, che guidava la delegazione statunitense, è risultato positivo al coronavirus venerdì. Ha continuato a comunicare telefonicamente con la sua squadra e le sue controparti straniere, ma la sua assenza fisica è stata evidente durante il momento cruciale al vertice.

L'inviato statunitense per il clima John Kerry fa un gesto verso il suo omologo cinese Xie Zhenhua al vertice della COP27.

A parte l’accordo finale, il vertice ha portato molti altri sviluppi significativi tra cui la ripresa dei colloqui formali sul clima tra Stati Uniti e Cina, i due maggiori emettitori di gas serra al mondo.

Dopo che la Cina ha congelato i negoziati sul clima tra i due paesi quest’estate, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping hanno concordato di ristabilire le comunicazioni USA-Cina quando si sono incontrati la scorsa settimana al vertice del G20 a Bali, aprendo la strada a Kerry e alla sua controparte cinese Xie Zhenhua per incontrarsi di nuovo formalmente.

“Senza la Cina, anche se gli Stati Uniti si stanno… muovendo verso un programma di 1,5 gradi,… se non abbiamo la Cina, nessun altro può raggiungere… quell’obiettivo”, ha detto Kerry alla Galileus Web la scorsa settimana.

Le due parti si sono incontrate durante la seconda settimana della COP, cercando di riprendere da dove si erano interrotte prima che la Cina sospendesse i colloqui, secondo una fonte a conoscenza delle discussioni. Si sono concentrati su punti di azione specifici, come il miglioramento del piano cinese per ridurre le emissioni di metano – un potente gas serra – e il loro obiettivo di emissioni complessive, ha detto la fonte.

A differenza dell’anno scorso, non c’è stato un grande annuncio congiunto sul clima da parte dei due Paesi. Ma la ripresa della comunicazione formale è stata vista come un segnale incoraggiante.

Li Shuo, un consulente politico globale con sede a Pechino per Greenpeace East Asia, ha affermato che questa COP “ha visto ampi scambi tra le due parti, guidate da Kerry e Xie”.

“La sfida è che dovrebbero fare di più che parlare, [and] hanno anche bisogno di guidare”, ha detto Shuo, aggiungendo che il dialogo formale riavviato “aiuta a prevenire il peggior risultato”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *