Dichiarazione d’autunno: cosa significa per i tuoi soldi

Appena otto settimane dopo il disastroso “mini” bilancio, il cancelliere Jeremy Hunt ha consegnato un pacchetto di aumenti delle tasse e tagli alla spesa progettati per riparare le finanze pubbliche britanniche, ma ha un costo per le finanze personali della nazione.

Promettendo di proteggere i vulnerabili e di concentrare gli aumenti fiscali su coloro che hanno le spalle più larghe, il cancelliere ha avvertito che l’economia del Regno Unito era già entrata in recessione e che le cose sarebbero peggiorate prima di migliorare.

Ecco un riepilogo delle misure chiave che potrebbero influire sulle tue finanze personali:

Imposta

Circa un quarto di milione di contribuenti con un reddito superiore a £ 125.140 pagheranno l’aliquota massima di 45 pence dal prossimo aprile, dopo che Hunt ha abbassato la soglia dal suo livello attuale di £ 150.000.

Ciò significa che le persone con un reddito superiore a £ 150.000 pagheranno £ 1.243 in più di imposta sul reddito all’anno.

“Chiediamo di più a chi ha di più”, ha detto il cancelliere.

Ha anche esteso il congelamento di altre soglie fiscali e assicurative nazionali per altri due anni fino al 2028, che dovrebbe aumentare di decine di miliardi di sterline in “tasse segrete” mentre l’inflazione spinge verso l’alto le retribuzioni dei lavoratori.

Stai visualizzando un’istantanea di un grafico interattivo. Ciò è molto probabilmente dovuto al fatto che sei offline o che JavaScript è disabilitato nel tuo browser.


Invece di aumentare in linea con l’inflazione, l’indennità personale esentasse rimarrà a £ 12.570 e la soglia di aliquota più alta a £ 50.270 in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord (la Scozia ha soglie fiscali diverse).

Si prevede che il congelamento trascinerà circa 3 milioni di persone a pagare aliquote più elevate dell’imposta sul reddito entro il 2026, secondo l’analisi dell’Institute for Fiscal Studies.

Verrà esteso anche il congelamento della “fascia nulla” dell’imposta di successione dal 2025-26 al 2027-28, con una mossa che potrebbe raccogliere almeno mezzo miliardo di sterline per il Tesoro.

Gli enti locali potranno aumentare le imposte comunali fino al 5 per cento dal prossimo aprile senza la necessità di indire un referendum.

L’indennità per la coppia sposata è destinata ad aumentare in linea con l’inflazione di settembre del 10,1% dal prossimo aprile.

Da aprile 2025 i veicoli elettrici non saranno più esenti dall’accisa sui veicoli.

investimenti

Il cancelliere ha annunciato l’intenzione di ridurre sostanzialmente le quote esentasse a vantaggio degli investitori.

Le detrazioni fiscali sulle plusvalenze saranno ridotte, con l’indennità annuale esentasse ridotta da £ 12.300 a £ 6.000 dal prossimo aprile, dimezzandosi nuovamente a sole £ 3.000 da aprile 2024.

L’indennità sui dividendi esentasse sarà dimezzata da £ 2.000 a £ 1.000 dal prossimo aprile e nuovamente dimezzata a sole £ 500 da aprile 2024.

Si prevede che aumenteranno più di 1,2 miliardi di sterline all’anno da aprile 2025, le misure colpiranno gli investitori che detengono azioni che pagano reddito al di fuori di agevolazioni fiscali come Isas e pensioni, oltre a costare agli amministratori di società a responsabilità limitata che vengono rimborsati attraverso i dividendi.

“Mentre è improbabile che le persone con un patrimonio netto elevato provino molto dolore per questo, per molti piccoli investitori, l’aumento delle tasse sui dividendi e sulle plusvalenze sarà significativo”, ha affermato Charles Incledon, direttore di Bowmore Asset Management.

“I tagli a questo reddito potrebbero causare una vera compressione delle finanze di molti piccoli investitori, in particolare quelli che sono in pensione e dipendono dai dividendi delle loro azioni. Cattive notizie considerando che al momento abbiamo una crisi del costo della vita”.

Tuttavia, i timori che il cancelliere andasse oltre e allineasse le aliquote sulle plusvalenze con le aliquote dell’imposta sul reddito si sono rivelati infondati.

pensione

Il triplo blocco sulla pensione statale è stato mantenuto, il che significa un aumento del 10,1% per i pensionati il ​​prossimo aprile.

L’intero importo annuo della nuova pensione statale supererà per la prima volta le 10.000 sterline l’anno prossimo e varrà oltre le 200 sterline a settimana.

Anche il credito pensionistico, beneficio percepito dai pensionati più poveri, sarà maggiorato del 10,1 per cento.

Tuttavia, il cancelliere ha affermato che una revisione dell’attuale livello dell’età pensionabile statale sarà pubblicata “all’inizio del 2023”.

L’età pensionabile statale è aumentata gradualmente per uomini e donne e raggiungerà i 67 anni entro il 2028. I documenti del Tesoro affermano che la revisione “bilancerà attentamente fattori importanti, tra cui la sostenibilità fiscale, il contesto economico, gli ultimi dati sull’aspettativa di vita e l’equità sia per i pensionati che per contribuenti”.

L’indennità a vita che disciplina ciò che può essere risparmiato esentasse in una pensione era già stata congelata a 1,07 milioni di sterline fino al 2026, ma i documenti del Tesoro non stabilivano se il congelamento sarebbe stato prorogato fino al 2028.

Una donna tiene in mano un contatore intelligente, che misura il consumo di energia

Il limite energetico salirà a 3.000 sterline all’anno dal prossimo aprile per la maggior parte delle famiglie britanniche © Getty Images/iStockphoto

Pagamenti per il costo della vita

Dal prossimo aprile, l’attuale pacchetto di misure di aiuto con le bollette energetiche sarà più mirato alle famiglie con i redditi più bassi.

Attualmente, la garanzia del prezzo dell’energia limita le bollette energetiche per la casa media a £ 2.500 all’anno. Dal prossimo aprile, questo limite salirà a £ 3.000 e rimarrà a questo livello per 12 mesi, facendo risparmiare al governo £ 14 miliardi.

Il pacchetto di sostegno di £ 400 ricevuto da tutte le famiglie del Regno Unito non verrà ripetuto l’anno prossimo, ma le famiglie con sussidi testati riceveranno un pagamento del costo della vita del valore di £ 900, le famiglie di pensionati riceveranno £ 300 e quelle con disabilità £ 150.

Le famiglie che utilizzano combustibili alternativi come l’olio da riscaldamento vedranno il sostegno raddoppiato questo inverno da £ 100 a £ 200.

Il governo può “rivisitare i parametri” del regime se i costi dell’energia all’ingrosso aumentano in modo sostanziale. Si consulterà inoltre sulle misure per limitare l’importo del sostegno statale che i grandi utenti di energia possono ricevere dall’aprile 2023, ma cercherà di proteggere le persone vulnerabili con un elevato fabbisogno energetico.

Le misure di aiuto saranno parzialmente finanziate da maggiori tasse straordinarie sulle società energetiche.

Il cancelliere ha confermato che anche i sussidi basati sul reddito aumenteranno del 10,1% il prossimo aprile e il salario dignitoso nazionale del 9,7%.

Proprietà

Non sono state apportate modifiche all’imposta di bollo, una delle poche “mini” misure di bilancio sopravvissute intatte.

Tuttavia, il cancelliere ha affermato che queste misure rimarranno in vigore solo fino al 31 marzo 2025.

L’ex cancelliere Kwasi Kwarteng ha raddoppiato a £ 250.000 la soglia a partire dalla quale l’imposta di bollo sarebbe stata applicata in Inghilterra e Irlanda del Nord.

Gli acquirenti per la prima volta sono stati inoltre esentati dal pagamento dell’imposta sui primi £ 425.000 del loro acquisto, rispetto a £ 300.000.

Hunt ha affermato che il cambiamento ora sarà temporaneo, “creando un incentivo per sostenere il mercato immobiliare e i posti di lavoro ad esso associati aumentando le transazioni durante il periodo in cui l’economia ne ha più bisogno”.

Segnalazione aggiuntiva di George Hammond

Dichiarazione d’autunno: reazione degli esperti

Montaggio: Nimesh Shah, Anna Bowes, Christine Ross e Simon Edelsten

Da sinistra a destra: Nimesh Shah, Anna Bowes, Christine Ross e Simon Edelsten

Nimesh Shah, amministratore delegato del gruppo contabile Blick Rothenberg
Il “mezzo spremuto” è stato nuovamente schiacciato da Jeremy Hunt. L’estensione del “grande congelamento” di Rishi Sunak delle agevolazioni e delle soglie fiscali personali al 2028 e la riduzione della soglia del 45% dell’imposta sul reddito a £ 125.140 continua a esporre la parte centrale a aliquote fiscali più elevate. L’impatto inflazionistico, i tagli e il congelamento di sgravi e soglie fiscali e il limitato sostegno del governo ai redditi medi suggeriscono che quelli con le spalle non così larghe stanno sopportando l’onere più grave.

Anna Bowes, co-fondatrice di SavingsChampion.co.uk
Sebbene sia possibile che ci sia un aggiornamento nel budget del prossimo anno, mi aspetto che l’indennità di risparmio personale e l’indennità di risparmio individuale rimarranno entrambe le stesse nel 2023-24. Il PSA è stato ignorato sin dall’inizio.

Questa indennità significa che i contribuenti con aliquota base non pagano tasse sulle prime 1.000 sterline di interessi a risparmio; per i contribuenti con aliquota più elevata è di £ 500; L’anno scorso, il miglior conto di facile accesso pagava circa lo 0,5%, il che significava che un contribuente con aliquota base avrebbe violato l’indennità solo con un deposito di £ 200.000. Oggi, con il miglior conto che paga il 2,81%, verrà violato con sole £ 35.587.

Christine Ross, direttrice clienti presso Handelsbanken Wealth & Asset Management
Non era un evento per risparmiatori. Più che mai è importante ricordare: se non lo usi lo perdi. L’indennità fiscale sulle plusvalenze rimane a £ 12.300 per il resto di questo anno fiscale prima di diminuire drasticamente nei prossimi due anni fiscali. Molti risparmiatori vendono annualmente investimenti da un portafoglio tassabile e reinvestono i proventi nella loro Isa, con eventuali profitti assorbiti dall’indennità CGT.

Eventuali perdite realizzate possono essere riportate agli esercizi successivi. Ciò può aiutare a mitigare l’effetto dell’indennità notevolmente ridotta in futuro.

Allo stesso tempo più risparmi saranno alloggiati in modo efficiente in un Isa. Ciò contribuirà anche ad alleviare l’impatto del dimezzamento dell’indennità sui dividendi il prossimo anno e di nuovo nel 2024.

Simon Edelsten, condirettore del Mid Wynd International Investment Trust e dell’Artemis Global Select Fund
Il cancelliere ha offerto ragioni agli investitori per sostenere le attività del Regno Unito? È stato incoraggiante ascoltare i piani per l’efficienza energetica e il mantenimento della spesa per le infrastrutture. Ma i dettagli sembrano lontani e il ripetuto impegno per gli obiettivi net zero si trova poco convincente accanto alle tasse straordinarie sulle società elettriche. Anche gli scioperi e l’indebolimento della sterlina sono stati problemi. Tuttavia, non c’era nulla per rispondere agli appelli dei lavoratori che cercano di preservare i redditi reali, né per convincerci che la rivitalizzazione della sterlina è un obiettivo fondamentale. Investire nel Regno Unito sembra offrire un modesto rialzo e un rischio considerevole rispetto alla resilienza dell’economia statunitense o al potenziale di crescita dell’Asia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *