Gli euroscettici britannici mettono in guardia Sunak sulle relazioni commerciali in stile svizzero

Il primo ministro Rishi Sunak è stato avvertito dagli euroscettici di alto livello di non sacrificare le “libertà” della Brexit perseguendo relazioni commerciali più strette, in stile svizzero, con l’UE.

Alti esponenti del governo hanno parlato della relazione tra Regno Unito e UE che si evolve nel tempo in modo da ridurre al minimo l’attrito sul commercio, citando la relativa facilità con cui i flussi commerciali tra l’UE e la Svizzera.

Gli alleati di Sunak hanno affermato che il primo ministro britannico voleva ridurre le barriere al commercio con l’UE ed era determinato a risolvere la disputa sul cosiddetto protocollo dell’Irlanda del Nord e migliorare le relazioni con Bruxelles.

Ma negli ambienti governativi di alto livello si parla di una relazione a lungo termine che riecheggia la vicinanza commerciale dell’UE e della Svizzera – riportata dal Sunday Times e confermata dal Financial Times – anche se non negli stessi termini.

La Svizzera versa denaro nel bilancio dell’UE e si allinea strettamente alle leggi del blocco per garantire l’accesso al mercato unico, un modello rifiutato da alti ministri ed euroscettici nei negoziati con Bruxelles.

Lord David Frost, ex segretario della Brexit, ha affermato che se i rapporti fossero corretti sperava che “il governo pensasse meglio di questi piani, quasi”. Frost ha negoziato la Brexit “dura” che ha tenuto la Gran Bretagna a debita distanza dal mercato unico.

Simon Clarke, deputato conservatore ed ex ministro di gabinetto, ha dichiarato: “Spero vivamente e credo che questo non sia qualcosa in considerazione. Abbiamo risolto la questione dell’uscita dall’UE, definitivamente, nel 2019″.

Nigel Farage, l’ex leader dell’Ukip, ha dichiarato: “Questo livello di tradimento non sarà mai perdonato”.

Mentre gli alti governi hanno affermato di voler rimuovere le barriere al commercio con l’UE, come la Svizzera, insistono che non sarebbe alle stesse condizioni. “Un modello svizzero non viene preso in considerazione”, ha detto uno.

Steve Barclay, un altro ex segretario alla Brexit e ora segretario alla salute, ha affermato di non “riconoscere” i rapporti, ma ha affermato che è fondamentale che la Gran Bretagna non metta a repentaglio le “opportunità” ottenute lasciando l’UE.

Barclay ha affermato che la Brexit negoziata da Frost e dall’ex primo ministro Boris Johnson ha consentito alla Gran Bretagna di stabilire le proprie regole in settori come i servizi finanziari, la tecnologia verde e l’intelligenza artificiale. “Quindi è assolutamente importante. . . che usiamo davvero le libertà della Brexit che abbiamo”, ha detto a Sky’s Sophy Ridge.

“Abbiamo un primo ministro che ha sostenuto lui stesso la Brexit”, ha aggiunto. “Io stesso l’ho fatto ed ero segretario per la Brexit, e ho lavorato molto duramente per massimizzare il nostro controllo sulle nostre leggi, sui nostri confini e sui nostri soldi”.

La scorsa settimana, il cancelliere Jeremy Hunt ha affermato che sarebbe possibile rimuovere “la stragrande maggioranza” delle barriere commerciali con l’UE. Ma come per l’aspirazione di Sunak a risolvere lo scontro con Bruxelles sul regime commerciale post-Brexit dell’Irlanda del Nord, i dettagli sono altamente problematici.

L’UE ha chiarito che la Gran Bretagna non può godere dell’accesso al mercato unico a meno che non applichi le norme dell’UE e accetti la giurisdizione della Corte di giustizia europea e ha a lungo denunciato l’approccio “cherry picking” favorito a Londra.

Mentre alcuni alti funzionari governativi vedono le relazioni commerciali Svizzera-UE come un potenziale modello a lungo termine in termini di riduzione degli attriti e della burocrazia, molti parlamentari conservatori si opporrebbero ai compromessi coinvolti.

La Svizzera è membro dell’Associazione europea di libero scambio (EFTA) e ha un rapporto molto stretto con l’UE creato da circa 120 accordi bilaterali in materia di commercio, servizi e libera circolazione delle persone.

I tentativi di razionalizzare quella rete di accordi in un unico “accordo quadro” globale, in cui l’UE chiedeva agli svizzeri di allinearsi più profondamente con il diritto dell’UE e accettare la corte del blocco come arbitro finale dell’accordo, sono falliti nel maggio dello scorso anno.

Sebbene non sia uno Stato membro dell’UE, la Svizzera è parzialmente e profondamente integrata nel mercato unico dell’UE e deve “allineare dinamicamente” le sue leggi al diritto dell’UE nelle aree pertinenti per mantenere tale accesso.

Durante i negoziati sulla Brexit, la Commissione europea è stata anche irremovibile sul fatto che il Regno Unito non dovesse considerare l’accordo svizzero come un paradigma per le relazioni future, sostenendo che le dimensioni e la vicinanza dell’economia britannica rendevano tale relazione altamente problematica.

I laburisti hanno affermato che non adotteranno il modello svizzero in caso di vittoria alle prossime elezioni, ma sono favorevoli a un accordo su misura con il Regno Unito, compresi accordi sull’agricoltura e il riconoscimento reciproco delle qualifiche professionali.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *