Almeno tre morti in presunti attacchi curdi al confine tra Turchia e Siria

Funzionari turchi affermano che almeno tre persone sono state uccise dopo che sospetti attacchi missilistici curdi hanno colpito la città di confine di Karkamis.

Secondo quanto riferito, i razzi hanno colpito una scuola e due case nella provincia di Gaziantep, ferendo almeno altre 10 persone.

Il governatore provinciale Davut Gül ha affermato che “cinque mortai/razzi sono stati lanciati” da presunti militanti curdi nella vicina Siria.

Anche un camion vicino a un valico di frontiera turco-siriano è stato danneggiato da un lancio di razzi, secondo l’agenzia statale Anadolu.

Il ministro dell’Interno Suleyman Soylu ha detto che anche un soldato e sette agenti di polizia sono stati feriti durante la notte in un altro bombardamento vicino a Kilis.

Soylu ha affermato che la Turchia risponderà agli attacchi “nel modo più forte possibile”.

Gli attacchi arrivano pochi giorni dopo che la Turchia ha lanciato attacchi aerei mortali nel nord della Siria e in Iraq, prendendo di mira i gruppi militanti curdi che Ankara ha accusato di un attentato mortale a Istanbul il 13 novembre.

Almeno 31 persone sono state uccise negli attacchi turchisecondo l’Osservatorio siriano per i diritti umani.

Le autorità turche affermano che i responsabili sono il Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) e la sua affiliata siriana Unità di difesa popolare (YPG). Entrambi hanno negato il coinvolgimento.

La Turchia, gli Stati Uniti e l’Unione Europea considerano il PKK un’organizzazione terroristica.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *