Henan, Cina: Incendio in una fabbrica uccide 38 persone, riportano i media statali



Cnn

Un incendio in una fabbrica nella Cina centrale ha ucciso lunedì dozzine di persone, secondo i media statali cinesi, l’ultimo di una serie di incidenti industriali mortali che hanno colpito il paese negli ultimi anni.

Il quotidiano statale Henan Daily ha riferito martedì che due persone precedentemente dichiarate disperse sono state trovate morte in seguito all’incendio nella fabbrica di Anyang, nella provincia di Henan, portando il bilancio delle vittime a 38.

Altri due sono stati curati per ferite lievi, ha riferito martedì l’emittente statale CCTV.

La polizia ha arrestato un numero imprecisato di sospetti in relazione all’incendio, che ha impiegato quasi sette ore per essere spento dai vigili del fuoco, secondo la CCTV.

Secondo i risultati preliminari, l’incendio è stato causato da violazioni dei protocolli di saldatura elettrica, ha riferito Henan Daily, citando le autorità.

La Cina ha assistito a un’ondata di incidenti sul lavoro negli ultimi anni che hanno lasciato decine di morti, sollevando preoccupazioni per la sicurezza pubblica.

Nel 2015, almeno 173 persone sono morte dopo una serie di esplosioni in un magazzino chimico nella città portuale settentrionale di Tianjin.

Lo scorso ottobre, almeno tre persone sono state uccise e più di 30 ferite in una potente esplosione in un ristorante nella città nord-orientale di Shenyang. L’esplosione di gas è avvenuta in un edificio residenziale e commerciale a uso misto.

E nel giugno di quest’anno, almeno una persona è stata uccisa dopo che è scoppiato un incendio in un complesso petrolchimico a Shanghai.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *