Il confronto governo-opposizione incombe in Bangladesh – The Diplomat

L’8 ottobre di quest’anno, Amanullah Aman, leader del Partito nazionalista del Bangladesh (BNP), ha annunciato in una manifestazione pubblica a Dhaka che il paese sarebbe stato governato dal BNP dal 10 dicembre. “Preparati, verrà annunciato un nuovo programma” per bloccare tutti del Bangladesh da Teknaf a Tetulia e da Rupsha a Pathuria, ha detto.

“Se necessario, saremo martiri ma nessuna elezione sotto [Prime Minister] Lo sceicco Hasina sarà autorizzato. Torneremo a casa dopo aver assicurato la rimozione di questo governo”, ha detto il leader del BNP.

Il BNP ha detto che terrà 10 manifestazioni in tutto il paese. Finora ha tenuto sette manifestazioni nelle principali città. Tutte le manifestazioni sono state pacifiche, anche se l’Awami League (AL) al potere ha cercato di interromperle chiudendo i trasporti pubblici.

È sorprendente che un gran numero di persone abbia partecipato alle manifestazioni del BNP, cosa che non è avvenuta negli ultimi 13 anni di governo di AL. La manifestazione finale si terrà nella capitale Dhaka il 10 dicembre. La manifestazione è motivo di preoccupazione per il governo, soprattutto nel contesto della sua discutibile legittimità politica.

Il partito al governo ha accusato il BNP di fare un “gioco”. Il segretario generale di AL Obaidul Quader ha affermato che negli ultimi 13 anni il BNP non ha protestato per 13 minuti. “I leader del BNP non sono riusciti a organizzare una processione per il loro presidente Khaleda Zia, [and] ora sognano di salire al governo. Stanno giurando che terranno una marcia per la vittoria con Khaleda Zia il 10 dicembre”, ha detto. Zia, leader del BNP, è stato condannato per corruzione nel 2018 e condannato a 17 anni di carcere.

Ti piace questo articolo? Clicca qui per iscriverti per l’accesso completo. Solo $ 5 al mese.

L’AL ha promesso di rimanere in piazza per combattere contro le sfide poste dal BNP.

Il segretario generale di AL della città di Dhaka (nord), SM Mannan Kachi, ha affermato che il partito ha avviato “programmi basati sulle zone”. Le “anarchie” scatenate dal BNP saranno contrastate dai programmi dell’AL per tutto il mese di dicembre, ha detto.

Descrivendo il BNP come un partito politico che comprende “assassini, terroristi, forze anti-liberazione e forze anti-umanità”, il leader di AL Abdur Rahman ha affermato che “il loro movimento significa fuoco di terrorismo, uccisioni e sparizioni forzate. L’obiettivo principale del BNP è catturare il potere statale dalla porta di servizio. Non credono nella democrazia e nelle elezioni. La loro missione omicida in nome della politica verrà fermata rigorosamente”. L’AL non li “risparmierà”, ha avvertito.

I due principali partiti politici del Bangladesh si stanno dirigendo verso uno scontro al raduno previsto per il 10 dicembre a Dhaka. Il ministro dell’Interno Asaduzzaman Khan ha dichiarato alla stampa che la città di Dhaka non ha luogo o campo in cui possano riunirsi due milioni e mezzo di persone. “Poiché non stiamo ostacolando le attività politiche, se organizzano un programma del genere, dovrebbero farlo in un luogo dove possano stare tante persone”, ha detto il ministro. Ciò suggerisce che il governo non consentirà al BNP di tenere la manifestazione nella città di Dhaka.

I membri del BNP sono entusiasti dei raduni di successo del partito nell’ultimo mese, cosa che non potevano fare da 13 anni. È l’attuale crisi economica in Bangladesh che ha reso possibile una mobilitazione così massiccia.

L’inflazione supera il 9% a settembre 2022. Il prezzo del carburante è aumentato del 50% e le riserve forex sono scese a $ 26 miliardi da $ 48 miliardi nell’agosto 2021.

Il Bangladesh ha chiesto un prestito di 4,5 miliardi di dollari al FMI e il primo ministro Sheikh Hasina ha chiesto petrolio all’Arabia Saudita con pagamento in differita.

Nel frattempo, Hasina ha invitato il popolo del Bangladesh a essere frugale per evitare una possibile carestia. “Utilizzare ogni centimetro di terra per la produzione alimentare, dobbiamo puntare al risparmio e praticare l’austerità”, ha detto. Il ministro dell’Alimentazione Sadhan Chandra Majumder ha affermato che il Bangladesh ha “scorte alimentari sufficienti” e se le persone evitassero di accumulare cibo, si potrebbe evitare una carestia.

La profonda crisi economica, la mancanza di trasparenza sulla situazione economica e le dichiarazioni contraddittorie rilasciate da attori statali hanno creato sfiducia pubblica nel governo. La profondità della sfiducia è diventata evidente quando la Bangladesh Bank ha dovuto rilasciare una dichiarazione urgente che certificava che le banche del paese non stavano affrontando una crisi di liquidità.

Attirando l’attenzione sui rapporti “cospiratori” sui social media, la Banca del Bangladesh ha affermato in una dichiarazione che il sistema bancario del paese è in una “posizione di forza”, sottolineando che “non vi è alcuna crisi di liquidità nel sistema bancario”.

Ti piace questo articolo? Clicca qui per iscriverti per l’accesso completo. Solo $ 5 al mese.

Anche se la sfiducia pubblica nei confronti del governo sta crescendo, i partner per lo sviluppo del Bangladesh – Stati Uniti, Giappone, Germania e Unione Europea – stanno facendo pressioni sul governo affinché tenga elezioni libere, eque e inclusive. Alcuni di questi paesi stanno anche sollevando interrogativi sulla legittimità delle precedenti elezioni tenutesi sotto il governo AL.

L’ambasciatore del Giappone in Bangladesh, Ito Naoki, ha recentemente affermato che “i funzionari di polizia stavano riempiendo le urne alla vigilia” del voto alle elezioni generali del 2018. Anche il rapporto sui diritti umani degli Stati Uniti del 2021 ha messo in dubbio la validità delle elezioni del 2018.

Tale pressione diplomatica ha anche rafforzato l’opposizione.

Nel frattempo, il 16 novembre, un tribunale distrettuale di Dhaka ha ordinato al presidente del partito Jatio, GM Quader, di astenersi dall’attività politica. Un importante analista politico di Dhaka ha dichiarato a The Diplomat che “il verdetto è stato motivato politicamente poiché Quader ha parlato della crisi economica”, che sta danneggiando l’immagine del governo.

Questi sviluppi indicano che lo scenario politico del Bangladesh sta diventando complesso in vista delle dodicesime elezioni generali che si terranno nel dicembre 2023.

L’imminente raduno del 10 dicembre è diventato motivo di preoccupazione per il partito al governo in questo contesto.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *