Risultato Argentina V Arabia Saudita: risultato da incubo per Lionel Messi in Qatar

Non doveva essere così per Lionel Messi.

Considerato da molti il ​​più grande giocatore del mondo, il fantasista argentino ha subito un inizio da incubo ai Mondiali in Qatar.

E se un’immagine può dire più di mille parole, allora devi solo guardare la faccia di Messi mentre le cose andavano a rotoli per la sua squadra.

Fuoriclasse L’Arabia Saudita ha segnato due gol in cinque frenetici minuti all’inizio del secondo tempo della partita della fase a gironi, stordendo una delle favorite della Coppa del Mondo.

La sconfitta per 2-1 significa che l’Argentina, una delle favorite insieme a Brasile e Francia, potrebbe essere eliminata in caso di sconfitta successiva contro il Messico.

“È un duro colpo, una sconfitta che fa male, ma dobbiamo continuare ad avere fiducia in noi stessi”, ha detto Messi dopo la sconfitta.

“Questo gruppo non si arrenderà. Cercheremo di battere il Messico”.

L’ex difensore del Liverpool Jason McAteer lo ha definito il più grande sconvolgimento nella storia del calcio mondiale durante la copertura di Bein Sports.

Da lì, l’Argentina è sembrata scossa e qualche disperata ultima difesa dai sauditi ha tenuto a bada i sudamericani.

Non che l’Argentina – e Messi in particolare – non abbia avuto occasioni per cambiare gioco.

Gli è stato negato un contrasto disperato di Ali Al Bulayhi, mentre un colpo di testa è stato facilmente parato da Mohammed Al Owais all’84 ‘.

Nel pieno del tempo di recupero Messi aveva la palla in area ma non è riuscito a respingere un tiro.

Era in netto contrasto con il primo tempo, dove l’Argentina sembrava in completo controllo e Messi ha segnato per portare la sua squadra in vantaggio.

L’account Twitter ufficiale della Coppa del Mondo FIFA ha persino twittato “Il 2022 sembra già diverso” dopo che Messi ha segnato dal dischetto, dopo che il suo rigore è stato parato nella partita corrispondente contro l’Islanda nel 2018.

È diventato il primo argentino a segnare in quattro Mondiali con il suo tiro facile, dopo che all’Argentina è stato concesso un controverso rigore con il VAR.

Da lì l’Argentina ha avuto due gol giustamente annullati per fuorigioco, ma sembrava in controllo.

Poi è scoppiato il caos e il Lusail Stadium, che ospiterà la finale dei Mondiali, è andato in tilt.

Prima Saleh Al Shehri ha segnato con il primo tiro in porta dell’Arabia Saudita al 48′, prima che Salem Al Dawsari portasse in vantaggio gli sfavoriti con un bel tiro al 53′.

È un risultato che proprio non sarebbe dovuto accadere. L’Argentina è al 3° posto nel mondo, i sauditi al 51°.

L’Argentina era imbattuta da 36 partite all’inizio dello scontro, ed era la prima volta che subiva due gol in una partita d’esordio dal 1974.

Ma dopo le prestazioni poco brillanti di Iran e Qatar, l’Arabia Saudita ha dimostrato che non tutte le squadre asiatiche sarebbero state dei pushover in questa Coppa del Mondo.

L’Arabia Saudita è sembrata traballante nel primo tempo, giocando una linea difensiva alta, ma ha mostrato più resistenza di Iran e Qatar messi insieme.

Una volta che l’Arabia Saudita era in vantaggio, i Falcons si sono difesi come uomini posseduti mentre l’Argentina faticava a trovare una risposta.

È stato un inizio da incubo per la Coppa del Mondo in quella che sarà l’ultima possibilità di Messi di alzare il trofeo.

“Probabilmente è la mia ultima Coppa del Mondo, la mia ultima possibilità di realizzare questo grande sogno che tutti abbiamo”, ha detto Messi prima dell’inizio del torneo.

Messi, considerato da molti il ​​più grande giocatore di tutti i tempi, ha goduto di una carriera ricca di trofei, ma deve ancora vincere il premio più importante di tutti.

L’attaccante 35enne ha già giocato quattro Mondiali, inclusa la finale del 2014, ma finora non è riuscito a eguagliare il successo del collega argentino Diego Maradona, che ha capitanato la squadra fino alla gloria nel 1986.

Ora l’Argentina deve battere il Messico o il sogno di Messi di gloria mondiale potrebbe essere finito per sempre.

– Con AFP

Originariamente pubblicato come L’incubo della Coppa del Mondo di Lionel Messi in Qatar: “Il più grande sconvolgimento della storia”

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *