La Spagna accende l’offerta per la Coppa del Mondo battendo sette volte il Costa Rica



La Spagna ha lanciato la sua offerta per sollevare una seconda Coppa del Mondo in uno stile spettacolare mercoledì distruggendo il Costa Rica 7-0 in una brutale esibizione che servirà da monito per i suoi rivali.

LEGGI ANCHE: Il Giappone ha sbalordito la Germania nella drammatica rimonta della Coppa del Mondo

Evitando il destino dell’Argentina e della Germania, rivali del Gruppo E, che hanno perso 2-1 contro il Giappone, la squadra di Luis Enrique ha brillato all’Al Thumama Stadium di Doha, dominando il possesso palla e sfruttando le occasioni senza pietà.

Ferran Torres ha segnato due reti e anche Marco Asensio, Dani Olmo, Gavi, Carlos Soler e Alvaro Morata sono stati a referto per le semifinali di Euro 2020 in un gioco enfatico.

Nonostante abbia ottenuto la più grande vittoria di sempre della Spagna in Coppa del Mondo, Luis Enrique ha affermato che la sua squadra potrebbe ancora migliorare.

“Il nostro obiettivo è dominare continuamente il gioco, e per questo devi avere la palla”, ha detto Luis Enrique a TVE.

“Il tuo avversario si stanca e non riesce a entrare, il nostro pressing è stato eccezionale e i 16 giocatori che abbiamo utilizzato sono stati eccezionali, anche se abbiamo ancora margini di miglioramento”.

In passato i vincitori della Coppa del Mondo 2010 hanno pagato il prezzo della dissolutezza, ma tutti e tre gli attaccanti scelti da Luis Enrique hanno segnato nel primo tempo per ripagare la fiducia riposta in loro.

Il tecnico piazza Asensio in falso nove, affiancato da Olmo e Torres, a partire da Morata e Ansu Fati in panchina.

L’allenatore ha scelto di schierare il centrocampista del Manchester City Rodri Hernandez al centro della difesa, insieme al compagno di squadra Aymeric Laporte, anticipando correttamente che la sua squadra avrebbe monopolizzato la palla.

“La Spagna è stata molto meglio di noi, è ovvio, ha mantenuto il possesso palla per tutta la partita”, ha dichiarato l’allenatore del Costa Rica Luis Fernando Suarez.

“Hanno giocato nell’ultimo terzo per la maggior parte della partita e noi abbiamo fatto l’esatto contrario. Non abbiamo attaccato, non abbiamo tenuto il possesso e quando ce l’avevamo non l’abbiamo protetto.

“La Spagna ha giocato una partita incredibile. Non l’abbiamo fatto”.

– Nessuna pietà –

La Roja ha impiegato solo 11 minuti per aprire le marcature, con Gavi che ha servito Olmo, con l’esterno dell’RB Lipsia che ha preso un tocco sublime per girarsi e un altro per accarezzare delicatamente la palla oltre Keylor Navas.

Il gol di Olmo è stato il centesimo gol della Spagna in Coppa del Mondo, con La Roja che è diventata la sesta squadra a raggiungere quel traguardo.

Il Costa Rica, che è stato un pacchetto a sorpresa ai Mondiali del 2014, battendo Italia e Uruguay e pareggiando con l’Inghilterra al primo posto nel girone, è stato rapidamente fatto a pezzi.

Il cross basso perforato di Jordi Alba è stato sfondato dall’attaccante del Real Madrid Asensio alle spalle del suo ex compagno di squadra Navas, che avrebbe potuto fare di più per tenerlo fuori.

Torres ha colpito a casa dal dischetto dopo che Alba ha subito un fallo da Oscar Duarte: una chiamata morbida in una notte difficile per i Los Ticos, che non sono mai stati in partita e non sono riusciti a segnare un tiro in porta.

L’attaccante del Barcellona Torres ha approfittato di una difesa più debole per sparare il quarto alle spalle di Navas all’inizio del secondo tempo.

Luis Enrique è stato in grado di togliere l’effervescente Pedri e Torres prima dell’ora e ha regalato il suo debutto al giovane terzino sinistro del Barcellona Alejandro Balde.

Il 19enne è salito in campo in vista del quinto gol della Spagna, con il subentrato Morata che ha crossato per Gavi che ha segnato con disinvoltura.

Il vincitore del Kopa Trophy Gavi è diventato il terzo marcatore più giovane in una Coppa del Mondo a 18 anni e 110 giorni, dopo il messicano Manuel Rosas e il detentore del record Pelé.

Soler e Morata sono poi entrati in azione con gol nei minuti di recupero per accumulare ulteriori sofferenze sul Costa Rica e aiutare la Spagna a mostrare i muscoli in una perfetta partita di apertura in Qatar.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *