Nigeria: uomini armati rapiscono più di 100 persone nello stato nord-orientale di Zamfara

Più di 100 persone, tra cui donne e bambini, sono state rapite domenica quando uomini armati hanno fatto irruzione in quattro villaggi nello stato di Zamfara, nel nord-ovest della Nigeria, hanno detto lunedì il commissario per l’informazione e i residenti.

Il rapimento è diventato endemico nel nord-ovest della Nigeria, poiché bande itineranti di uomini armati rapiscono persone da villaggi, autostrade e fattorie e chiedono un riscatto ai loro parenti.

Più di 40 persone sono state rapite dal villaggio di Kanwa nell’area del governo locale Zurmi di Zamfara, hanno detto il commissario per l’informazione di Zamfara Ibrahim Dosara e un residente locale.

Altri 37, per lo più donne e bambini, sono stati presi nella comunità di Kwabre nella stessa area del governo locale, ha aggiunto il residente, che rifiuta di essere nominato per motivi di sicurezza.

“In questo momento il villaggio di Kanwa è deserto, i banditi si sono divisi in due gruppi e hanno attaccato la comunità. Hanno rapito bambini di età compresa tra i 14 e i 16 anni e donne”, ha detto il residente del villaggio di Kanwa.

Nelle comunità di Yankaba e Gidan Goga dell’area del governo locale di Maradun, almeno 38 persone sono state rapite mentre lavoravano nelle loro fattorie, hanno detto i residenti.

Il commissario per l’informazione Dosara ha accusato gli uomini armati di usare i rapiti come scudi umani contro i raid aerei dei militari.

Le forze nigeriane hanno lanciato una serie di attacchi aerei a Zamfara e in altri stati settentrionali in difficoltà, neutralizzando molti ribelli e allontanandoli dai loro nascondigli nelle vaste riserve forestali della regione.

Anche l’esercito del paese è stato oggetto di critiche dopo che si è scoperto che alcuni dei suoi raid aerei hanno causato la morte di civili.

Il mese scorso, l’aeronautica nigeriana ha dichiarato che stava esaminando “tutte le accuse di attacchi aerei accidentali sui civili, nonché le circostanze che hanno portato a tali attacchi”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *