PIL israeliano Q3 2022

La crescita economica è rallentata nel terzo trimestre, con il PIL in aumento del 2,1% in termini annualizzati destagionalizzati (SAAR) (Q2: +7,3% SAAR).

I consumi privati ​​sono diminuiti dell’1,7% nel terzo trimestre, in contrasto con l’espansione del 9,3% del secondo trimestre. I consumi pubblici sono migliorati fino a un’espansione del 6,5% nel terzo trimestre (secondo trimestre: +2,4% SAAR). Nel frattempo, la crescita degli investimenti fissi è migliorata al 13,0% nel terzo trimestre, dall’aumento del 7,3% registrato nel trimestre precedente.

Sul fronte esterno, le esportazioni di beni e servizi sono aumentate del 3,8% su base SAAR nel terzo trimestre, una crescita inferiore al 19,3% del secondo trimestre. Al contrario, la crescita delle importazioni di beni e servizi è salita al 4,9% nel terzo trimestre (secondo trimestre: +3,0% SAAR).

Su base annua, la crescita economica è salita al 7,6% nel terzo trimestre, rispetto all’espansione del 5,1% del trimestre precedente.

La forte lettura del PIL del terzo trimestre suggerisce che la crescita annua del PIL per il 2022 nel suo complesso sarà vicina al 6%, che sarebbe ben oltre il doppio della nostra previsione per le principali economie avanzate. L’anno prossimo, il consenso è che l’economia eviti la recessione, aiutata dalla rapida crescita della popolazione, da un probabile orientamento fiscale favorevole, dall’aumento dei legami commerciali con i vicini arabi e dall’aumento della produzione di gas.

Sulle prospettive, l’EIU ha dichiarato:

“Con un nuovo governo che probabilmente entrerà presto in carica e finanze fiscali relativamente soddisfacenti, è probabile che ci sarà una sostanziale iniezione di governo per sostenere l’economia. […] Continuiamo a prevedere un ulteriore rallentamento nel quarto trimestre del 2022 e all’inizio del 2023, ma non prevediamo una recessione, dati i solidi fondamentali e la possibilità di strumenti fiscali di supporto”.

Gli analisti di FocusEconomics vedono l’economia espandersi del 3,2% nel 2023, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto alle previsioni del mese scorso, prima di crescere del 3,4% nel 2024.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *