Acquirenti che gravitano verso negozi più piccoli e più vicini

IPERMERCATI e sembrano perdere terreno poiché i filippini che cercano di acquistare beni di base come cibo confezionato, articoli da toeletta e altri materiali di consumo scelgono di andare in negozi più piccoli e più vicini nel tentativo di ridurre i costi, ha affermato l’unità locale della società di analisi dei dati Kantar .

In una presentazione online, Laurice Obana, direttrice dell’analisi degli acquirenti di Kantar Philippines, ha affermato che per adattarsi ai tempi inflazionistici, i filippini sono diventati più perspicaci nelle loro scelte quando si tratta di beni di consumo in rapido movimento (FMCG).

Gli FCMG, noti anche come beni di consumo confezionati, sono prodotti che si vendono rapidamente a un costo relativamente basso. Hanno una durata di conservazione breve a causa dell’elevata domanda dei consumatori o della deperibilità. I prodotti di questa categoria includono bevande come bibite, carne e verdure fresche/congelate, latticini, pane e altri prodotti da forno, materiali per la pulizia e farmaci da banco come antidolorifici.

“I filippini danno un premio al valore. Mentre il valore può essere semplice come beni più economici o pagare meno per la stessa quantità, altri fattori come l’aumento dei prezzi del gas, il traffico e le modalità di trasporto scomode hanno ridefinito il valore in termini più ampi quando è viene a fare shopping”, ha detto Obana.

Per i prodotti confezionati in generale, si diceva che gli acquirenti stessero affrontando l’aumento dei prezzi essendo più aperti ai marchi di valore. In una certa misura, stanno anche prendendo in considerazione dove fare acquisti.

Ricevi le ultime notizie


consegnato nella tua casella di posta

Iscriviti alla newsletter quotidiana di The Manila Times

Registrandomi con un indirizzo e-mail, riconosco di aver letto e accettato i Termini di servizio e l’Informativa sulla privacy.

Si dice che gli ipermercati, che combinano l’esperienza dei supermercati e dei grandi magazzini, e i supermercati siano sotto pressione poiché la maggior parte dei filippini che sentono la tensione economica acquistano i beni di largo consumo da piccoli negozi di prossimità.

Quest’anno, il 41% degli acquisti di beni di largo consumo viene effettuato nei negozi di quartiere sari-sari (varietà), il 6% in più rispetto al 2020 sulla base dei dati Kantar. Ipermercati e supermercati, nel frattempo, hanno registrato un calo della quota di valore del 6% al 28% dal 34% nello stesso periodo.

“Oggi, con più rivenditori e opzioni di canale a portata di mano, i clienti possono facilmente adattarsi a ciò che si adatta meglio ai loro budget e al loro stile di vita che soddisferà le loro esigenze al momento”, ha affermato Obana.

“Gli acquirenti filippini sono esigenti sulle scelte che fanno quando si tratta del loro canale e rivenditore preferito. La consegna di valore sotto forma di premi, prezzi più bassi o promozioni è un dato di fatto. Anche la convenienza o la facilità di accesso e la disponibilità delle opzioni sono fattori importanti che gli acquirenti ora considerano al momento”, ha aggiunto.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *