La migrazione netta verso il Regno Unito aumenta di mezzo milione da record



Eventi mondiali “senza precedenti”, tra cui la guerra in Ucraina, stanno spingendo un numero record di persone a trasferirsi in Gran Bretagna, hanno detto giovedì gli statistici, anche se i ministri promettono di reprimere l’immigrazione post-Brexit.

La migrazione netta nel Regno Unito – il numero di persone che arrivano per iniziare una nuova vita, meno quelle che se ne vanno – è stata di 504.000 nei 12 mesi fino a giugno, ha affermato l’Office for National Statistics (ONS).

Ciò è aumentato notevolmente rispetto ai 173.000 dell’anno precedente, ed è stato anche guidato dal reinsediamento dei rifugiati afghani, oltre a una nuova via per i visti per i titolari di passaporto del Regno Unito che vivono a Hong Kong.

Gli studenti che entrano in Gran Bretagna dopo l’allentamento dei limiti di blocco della pandemia sono stati un altro fattore, ha affermato l’ONS.

LEGGI ANCHE: Il Regno Unito promette misure “più radicali” per contrastare l’immigrazione clandestina

“Una serie di eventi mondiali ha avuto un impatto sui modelli migratori internazionali nei 12 mesi fino a giugno 2022. Presi insieme, questi erano senza precedenti”, ha commentato Jay Lindop, direttore del Center for International Migration presso l’ONS.

Hanno “tutti contribuito ai livelli record di immigrazione a lungo termine che abbiamo visto”, ha detto, sottolineando che era “troppo presto per dire se questo quadro sarà sostenuto”.

Le cifre rischiano di complicare il dibattito politico sull’immigrazione sei anni dopo che la Gran Bretagna ha votato per lasciare l’Unione Europea, in una reazione contro la libera circolazione delle persone attraverso il blocco.

Il ministro dell’Interno Suella Braverman, sostenitore della Brexite, mercoledì ha ammesso che il governo “non è riuscito a controllare i nostri confini”.

LEGGI ANCHE: I funzionari degli affari interni che promuovono l’immigrazione clandestina saranno arrestati, afferma Motsoaledi

Ha promesso nuovamente di affrontare la questione del numero record di migranti che attraversano la Manica dalla Francia, ma ha faticato a spiegare ai parlamentari come gli aspiranti richiedenti asilo in fuga da guerre e persecuzioni possano ora entrare legalmente in Gran Bretagna.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *