L’accordo per perdite e danni della COP27 non è una vittoria. Ci ha portato alla devastazione

Yves qui. Uno odia essere la voce della sobrietà, ma è chiaro che non c’è nulla che si avvicini vagamente alla volontà collettiva necessaria per affrontare il cambiamento climatico. A meno che tu non sia in grado di ottenere un’impronta di carbonio molto bassa, che in genere richiede denaro (terreno, investimenti in alcune infrastrutture chiave) e una schiena solida, devi partecipare all’attuale sistema economico che distrugge l’habitat per dare da mangiare alla tua famiglia, come George Bush una volta l’ha detto. Quindi non sorprende che la COP27 sia praticamente passata oltre il cimitero.

Di Amelia Womack, vice leader del Partito dei Verdi di Inghilterra e Galles dal 2014 al 2022. Pubblicato originariamente su openDemocracy

Quando è stato pubblicato l’accordo finale della COP27, le potenti parole del Pacific Climate Warrior Joseph Sikulu sono echeggiate nella mia mente.

“Oggi indossiamo il nero non solo come rappresentazione di noi che lottiamo per ottenere l’eliminazione graduale dei combustibili fossili nel testo, ma perché da dove veniamo indossiamo il nero solo quando siamo in lutto”, aveva detto Sikulu in una conferenza stampa in precedenza. quella settimana.

In riferimento alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC), firmata 30 anni fa, Sikulu ha continuato: “Quindi oggi piangiamo un processo che ci sta deludendo, un processo che continua a bloccarsi e a fallire il nostro popolo, un processo che continua ad essere macchinoso e di cui non si tiene conto i nostri realtà. Siamo qui per piangere l’UNFCCC in questo processo COP perché sta fallendo tutto ciò che siamo”.

Leggendo l’accordo finale della COP27, dovremmo essere tutti in lutto. La COP27 potrebbe essersi impegnata in un fondo per perdite e danni per risarcire i paesi più danneggiati da un’emergenza climatica che non hanno creato, ma si è anche impegnata in un percorso di devastazione. Questo percorso significherà perdita di vite umane, mezzi di sussistenza, culture e specie. È uno che potrebbe spazzare via le nazioni insulari e trasformare la terra agricola in deserto.

Il finanziamento di perdite e danni è una vittoria, ma senza un chiaro impegno per la decarbonizzazione e la riduzione delle emissioni, è un fallimento perché non c’è modo di fermare i disastri climatici che causano perdite e danni. C’è anche molta ambiguità sul fondo, che non delinea né un processo di finanziamento né specifica chi pagherà e chi avrà diritto a ricevere il denaro, per non parlare della definizione di “perdite e danni”. Chiaramente, c’è del lavoro da fare.

E con i maggiori emettitori del mondo che già non riescono a versare fondi per il Green Climate Fund (GCF) – che è stato istituito nell’ambito dell’UNFCCC per aiutare i paesi più poveri ad adattarsi e mitigare gli effetti del clima – crederemo in un fondo per perdite e danni quando lo vedremo . A settembre, è emerso che il solo Regno Unito aveva mancato la scadenza per fornire 288 milioni di dollari al GCF e non era riuscito a pagare i 20,6 milioni di dollari che aveva promesso separatamente al fondo di adattamento.

Abbiamo ricevuto avvertimenti chiari e coerenti dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici: le emissioni devono raggiungere il picco entro una finestra di soli tre anni se il riscaldamento globale vuole evitare di superare il livello di 1,5°C che distruggerebbe gli habitat e porterebbe a ulteriori disastri meteorologici estremi. Questo ci dà solo 25 mesi per ridurre le emissioni. La COP27 si è impegnata in questo, con i leader mondiali, incluso il presidente Biden, che si sono impegnati a mantenere in vita 1,5°C. Ma le parole non hanno senso senza un’azione mirata, cosa che chiaramente non sta accadendo.

Le COP annuali sono iniziate con Berlino nel 1995 e da allora abbiamo assistito a regolari aumenti annuali delle emissioni di carbonio (ad eccezione di un piccolo calo durante la pandemia), nonché a un aumento dei disastri legati al clima. A Glasgow l’anno scorso, una modifica dell’undicesima ora al documento per “ridurre gradualmente” piuttosto che “eliminare gradualmente” il carbone, secondo quanto riferito, ha portato il presidente della COP26 Alok Sharma sull’orlo delle lacrime. Questa importante sfumatura non è stata rivista in Egitto, e gli sforzi guidati dall’India per creare un ulteriore impegno a eliminare gradualmente tutti i combustibili fossili – non solo il carbone, il più inquinante – hanno esteso i negoziati ma alla fine sono falliti.

Questo doveva essere il COP dell’implementazione, ma è stato solo un altro dei ‘blah blah blah’. Questi negoziati sono attualmente l’unico meccanismo disponibile per affrontare la più grande crisi della storia umana. Dobbiamo ripensare radicalmente al modo in cui realizziamo il cambiamento, ritenere i paesi responsabili del mancato rispetto delle loro promesse e garantire che stiamo davvero progredendo verso un futuro net zero. In breve, COP deve passare dalle parole all’azione.

A partire da Glasgow, la forza dell’emergenza climatica si è fatta sentire in tutto il mondo, siano le alluvioni che hanno devastato un terzo del Pakistan, la siccità in corso nel Corno d’Africa, o la prima volta che si è registrata una temperatura di 40°C nel UK. È chiaro che viviamo in uno stato di emergenza, ma quanta parte del mondo deve essere sott’acqua prima che venga intrapresa un’azione decisiva?

In effetti, la COP sembrava essere stata dirottata dai lobbisti dei combustibili fossili. Un negoziatore che ho incontrato uscendo dalla sede ha affermato che all’Arabia Saudita sembrava piacere essere il “cattivo” in questi negoziati perché avvantaggia i suoi investitori di combustibili fossili. È stato un agghiacciante promemoria di come un paese con un settore petrolifero significativo possa effettivamente compromettere il progresso

La negoziatrice con cui ho parlato stava tornando a casa. Quando i colloqui sono entrati nel tempo, ha evidenziato la realtà del divario tra nazioni ricche e nazioni povere. I più poveri, ha detto, sono esclusi dalle conclusioni di un vertice se va oltre perché non è facile o economico riorganizzare i voli di ritorno. Questa COP è stata prorogata di 40 ore, riducendo la diversità dei negoziatori da tutto il mondo, così come i delegati presenti e il controllo della stampa.

Alla COP27, potrebbe non esserci stata molta azione dalle stanze dei negoziati, ma durante le due settimane intere, la sede è stata piena di azioni per il clima. Veniva dai delegati che si erano recati da tutto il mondo a Sharm el-Sheikh per cercare di far sentire la loro voce. Dalla donna in Senegal che chiede elettricità rinnovabile al capo amazzonico che racconta al mondo l’aumento delle temperature che la sua comunità deve affrontare, l’azione è stata ovunque.

Il mantra dei Pacific Climate Warriors è: “Non stiamo annegando, stiamo combattendo”. È un messaggio di possibilità di fronte a una potenziale tragedia. Mentre ci avviamo verso la COP28 a Dubai, è importante ricordare quelle parole e lavorare insieme per lottare per un’azione più rapida sull’emergenza climatica.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *