“Non avrei mai pensato che sarebbe finita così”, dice Erasmus all’uscita di Downs



Kermit Erasmus ovviamente non è contento di come il suo viaggio al Mamelodi Sundowns sia terminato bruscamente a settembre.

LEGGI ANCHE: Zungu rivela cosa può aiutare i Sundowns a vincere di nuovo la Champions League

Prima della sua uscita, il numero di maglia dell’Erasmus (11) è stato dato al nuovo acquisto Marcelo Allende, il che ha sollevato dubbi sul suo futuro al Chloorkop.

Un alterco verbale e quasi fisico con l’allenatore dei Sundowns Rulani Mokwena nella finale della Carling Cup è stato un’indicazione del rapporto turbolento tra le due parti.

Parlando a SAfm prima dell’alterco, Erasmus aveva rivelato che la sua uscita da Sundowns non era come avrebbe voluto che fosse.

“Non avrei mai pensato di trovarmi in quella situazione in cui mi trovavo”, ha detto Erasmo. “Non poter giocare e non sentirmi dire che non avrei fatto parte della squadra.

“E scoprire il modo in cui l’ho fatto. Dovevo solo affrontarlo in un modo che sentivo giusto. Dovevo solo concentrarmi su ciò su cui avevo il controllo: continuare ad allenarmi, mantenermi in forma, sai”.

Erasmus si è trasferito agli Orlando Pirates il giorno della scadenza del trasferimento e ha avuto un impatto immediato sui Buccaneers al suo ritorno.

Ha detto che capisce che quello che è successo al Sundowns accade nel calcio e l’ha superato.

“Sono deluso da come è finita con Sundowns, ma c’erano cose su cui non avevo alcun controllo…

“Quindi, non intendo essere irrispettoso, ma preferisco concentrarmi sulle cose su cui ho il controllo e passare da quello.”

Ciò che avrebbe potuto ferire di più Erasmus era che nessuno nello staff tecnico del Sundowns gli aveva spiegato perché era improvvisamente indesiderato.

“È il calcio. Sono gli affari e dovevo vederli anche in quella prospettiva e non metterci il mio ego o le mie emozioni e andare avanti da lì”, dice Erasmus.

“Non ho mai ricevuto alcuna spiegazione dagli allenatori e questa è la parte più deludente.

“Ma come ho detto, è il business, è il calcio, devono concentrarsi sulla squadra nel suo insieme e non sui singoli”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *